Giarre, 32enne trovata morta in casa: fermato il marito | Ha chiamato i carabinieri 2 giorni dopo

È in stato di fermo, con l’accusa di omicidio, il marito di Debora Pagano, la 32enne di Macchia di Giarre, trovata morta la scorsa domenica.

Deborah Pagano e il marito
Deborah Pagano e il marito – Nanopress.it

Lorenzo Fresta, 40 anni, avrebbe allertato le forze dell’ordine 48 ore dopo il delitto. La bimba della coppia non era in casa al momento della tragedia, perché si trovava con i nonni a Letojanni.

Giarre: Debora Pagano trovata morta in casa

Aveva 32 anni la donna trovata morta nella sua abitazione a Macchia, frazione di Giarre, Catania.

Deborah Pagano, questo il nome della vittima, presentava segni di violenza sul corpo. Si dovrà attendere l’esame autoptico per accertare le cause della sua morte e al momento l’ipotesi omicidiaria è la pista battuta dagli inquirenti.

Lorenzo Fresta, marito della vittima, 40 anni e diversi precedenti penali, avrebbe lanciato l’allarme diverse ore dopo la morte della moglie.

Domenica mattina ha allertato i carabinieri, raccontando di aver trovato la moglie senza vita in casa.

L’avvenuto ritrovamento – che al momento s’ipotizza possa essere stato un delitto – è avvenuto all’incirca 48 ore dopo il decesso di Debora Pagano, ma sarà l’autopsia a definire con chiarezza quando e come sia stata uccisa la donna.

La coppia ha una bimba piccola, che non era in casa al momento della tragedia, perché si trovava al mare con i nonni a Letojanni.

Fermato il marito. Il legale: “Due giorni sotto shock”

Dopo un lungo interrogatorio, Lorenzo Fresta è stato fermato con l’accusa di omicidio.

Il legale del 40enne ha spiegato che il mancato allarme sarebbe dovuto all’enorme shock subito dall’imputato al rientro a casa, quando avrebbe scoperto il corpo senza vita della moglie.

L’uomo, che ha precedenti penali anche per mafia, è stato posto in carcere.

“La famiglia non aveva problemi e nessun contrasto c’era stato tra i due coniugi, che vivevano una relazione tranquilla”

ha spiegato il legale Salvatore La Rosa.

Gli inquirenti mirano a ricostruire le ultime ore di vita di Debora Pagano, originaria di Letojanni, ma residente a Giarre da quando si era sposata.

La figlia della coppia è stata momentaneamente affidata ai nonni materni.

La mamma della vittima è stata condotta in ospedale per un malore, dopo aver appreso la notizia della morte della figlia.

Sul corpo di Debora Pagano sono stati riscontrati evidenti segni di violenza, ma non è ancora chiara la causa del decesso.