Germania: l’estrema destra promette novità, ma elegge lo stesso leader

In Germania un AfD in crisi aggiunge Alice Weidel, volto amico del partito, al fianco di Tino Chrupalla. La formazione approva la difesa della costruzione di nuove centrali nucleari in Germania.

Alice Weidel
Alice Weidel – NanoPress.it

Il partito di estrema destra tedesca Alternativa per la Germania (AFD) è arrivato al suo congresso federale nel bel mezzo di una crisi. Risultati disastrosi in tre elezioni regionali, le dimissioni del loro co-leader lo scorso gennaio e aspre battaglie interne non sono stati il ​​miglior preludio di una tre giorni di incontro a Riesa (Sassonia) che mirava a ripristinare l’unità all’interno della formazione, e rinnovarne completamente la struttura direttiva.

Germania: Alice Weidel diventa il volto della destra estrema

A giudicare dai risultati, la ristrutturazione è stata completata a metà. I 600 delegati hanno eletto ancora una volta Tino Chrupalla, rappresentante dell’ala radicale, ma con uno scarso 53,4%, che gli analisti interpretano come un’evidente mancanza di alternative. Il duo di presidenti è completato da Alice Weidel, già figura di spicco del partito come vicepresidente, co-leader del gruppo parlamentare e volto amico del partito all’estero.

Chrupalla guida l’AfD solo da gennaio, quando l’allora co-presidente Jörg Meuthen ha lasciato il partito tra le accuse di radicalizzazione. Meuthen è stata la cosa più vicina alla moderazione rimasta nell’AfD, un partito che ha orientato il suo populismo verso diverse questioni – l’euroscetticismo agli inizi, la politica sull’immigrazione di Angela Merkel, il rifiuto della vaccinazione obbligatoria durante la pandemia – fino a volersi presentare come “il partito della pace” nel contesto della guerra in Ucraina. Senza successo.

La sanguinosa perdita di voti nelle tre elezioni regionali tenutesi dopo le elezioni generali dello scorso settembre (nel Saarland, nella Renania settentrionale-Vestfalia e nello Schleswig-Holstein, dove sono stati addirittura esclusi dal Parlamento per non aver superato la soglia del 5%) dimostra che i loro messaggi non stanno raggiungendo l’elettorato come una volta. “L’era Meuthen è finita”, ha detto un orgoglioso Chrupalla alla televisione pubblica dopo che il risultato del voto era stato reso noto.

Chrupalla ieri ha sostenuto che le diverse correnti si sono fuse in una sola e che non ci sono più divisioni, ma gli interventi di molti delegati non sono sembrati confermare questa visione trionfalistica. La sua leadership rimane in discussione. “Abbiamo costantemente perso le elezioni dall’inizio del 2020”, si è lamentato amaramente un delegato sabato. “Il calo degli iscritti è mostruoso”, dichiara un altro. L’interessato si rifiuta di conferire i dati.

L’affiliazione, infatti, non è rivelata nel rapporto annuale che è stato presentato venerdì sera. Diverse fonti stimano che la formazione abbia perso più di 9.000 membri e ora sia a meno di 30.000 iscritti totali. Tra le decine di mozioni votate al congresso, ce n’è una che sembra indicare dove il partito dirigerà d’ora in poi i suoi messaggi: la difesa dell’energia nucleare, tema molto controverso in Germania, dove il grande la maggioranza della popolazione è contraria.

Quasi 550 delegati si sono espressi a favore della costruzione di nuove centrali nucleari. Questa energia “è utilizzata da quasi due terzi della popolazione mondiale” ed è “una delle componenti più importanti del mix energetico del futuro“, si legge nella mozione. Questo 31 dicembre, la Germania spegnerà gli ultimi due reattori rimasti dopo che nel 2011, dopo l’incidente di Fukushima, l’ex cancelliere Merkel ha deciso di porre fine al nucleare.

Tino Chrupalla riconfermato co-presidente

Nonostante la guerra in Ucraina renda necessario trovare nuove fonti di energia per sostituire la dipendenza dagli idrocarburi russi, il governo tripartito di Olaf Scholz ha escluso il prolungamento della vita utile degli ultimi reattori. Chrupalla ha vinto il voto sul suo unico rivale, Norbert Kleinwächter, deputato della formazione.

Tino Chrupalla
Tino Chrupalla – NanoPress.it

AfD ha 80 seggi nel Bundestag, rispetto ai 94 della precedente legislatura; a settembre è passata dalla terza alla quinta forza. Nel suo discorso, Chrupalla, a un congresso in presenza, dopo i 2 anni di stop per il Covid, ma che è stato anche trasmesso interamente in diretta, ha sostenuto la ricerca di uno stile diverso per creare un partito “civico, liberale e conservatore”. La moderazione, tuttavia, è un concetto molto relativo nell’AfD: Kleinwächter ha chiamato le centinaia di migliaia di rifugiati che hanno ottenuto la nazionalità tedesca “migranti illegali della Merkel”.

I delegati hanno approvato la modifica degli statuti del partito in modo che in futuro possa essere guidato da un unico leader al posto dell’attuale duo, ma hanno deciso per ora di mantenere la formula tradizionale, evitando così che Chrupalla fosse lasciato solo alla guida del partito. Lui e Weidel erano i due candidati alle ultime elezioni generali e non c’è molto attrito tra loro, almeno in pubblico.

Lei, che rappresenta l’ala neoliberista, ha ottenuto il miglior risultato: il 67,3% ha votato a suo favore. Questa domenica sono stati scelti gli altri quadri del partito, che segneranno l’equilibrio delle forze tra le diverse fazioni. Sebbene Björn Höcke, il controverso capo dell’ala più estrema del partito, non sarà un portavoce né ricoprirà incarichi di rilievo, gli analisti ritengono che mantenga molto potere all’interno della formazione.

Höcke, formalmente considerato un “estremista di destra” dall’Ufficio per la protezione della costituzione, è accreditato di voler presiedere un giorno il partito. È stato lui a proporre che in futuro ci dovrebbe essere un solo leader. Per ora, l’AfD sembra intenzionato a migliorare la propria immagine pubblica e a non ripetere gli errori di comunicazione che hanno causato tante polemiche in passato.

Weidel, molto più trattenuta in pubblico rispetto alla maggior parte dei suoi compagni, ha avvertito i membri del partito di “non rilasciare dichiarazioni davanti a nessuna telecamera posta di fronte a loro”. Molte delle opinioni dei membri dell’AfD rimangono troppo estreme per un partito che vuole essere in maggioranza. Tra le mozioni presentate a questo congresso, c’erano quelle che chiedevano la fine delle sanzioni contro la Russia, la fine della consegna di armi all’Ucraina “entrambe questioni ampiamente sostenute dalla società tedesca” o il divieto di inviti alla preghiera dei musulmani dalle moschee.

“No all’islamizzazione!”, ha gridato uno dei partecipanti, accolto con timidi applausi. Il congresso si è concluso domenica con un putiferio e una palese mancanza di accordo: una mozione sui rapporti con l’Europa non ha potuto essere votata a causa delle divergenze tra le correnti radicali e moderate. Il testo, che auspica lo “scioglimento consensuale dell’Ue”, è rimasto nel limbo e ha dimostrato, ancora una volta, che l’unità non è la forza dell’AfD.