Georgia: il timore della chiusura delle frontiere accelera la partenza dei russi

Intere famiglie stanno lasciando la Russia per la Giorgia per impedire che gli uomini vengano mandati in guerra in Ucraina.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – Nanopress.i

Andrei, un russo di 36 anni che ha lavorato fino alla scorsa settimana nel settore edile, è scappato in Gerogia. Andrei, come decine di migliaia di russi in questi giorni, sta cercando di sfuggire all’obbligo che le autorità russe hanno annunciato mercoledì scorso per combattere in Ucraina. L’uscita verso la Georgia è accelerata, secondo i residenti della zona, anche per il timore di una chiusura del confine da parte di Mosca o Tbilisi.

La Georgia è diventata il rifugio per decine di migliaia di russi

La coppia ha impiegato appena mezz’ora per decidere di fuggire dal loro paese dopo che la mobilitazione forzata era stata annunciata la scorsa settimana. Andrei racconta: “Ho chiesto a Dio un segno. E subito ho visto una pubblicità al telefono dove diceva: ‘Approfitta dell’occasione. Non hanno esitato a fare il viaggio con i loro figli. “In Russia c’è gente molto brava”, spiega Andrei, “e quando i tassisti ci hanno visto con le biciclette e i bambini ci hanno portato gratis nelle loro macchine”.

Alla domanda su come faranno per mandare a scuola i bambini in Georgia, fanno spallucce. Al momento, la necessità più urgente è uscire dal confine e raggiungere la capitale, Tbilisi, a quattro ore di auto. I taxi che domenica costano 50 euro, questo lunedì sono saliti a 60. Il maggiore afflusso di russi rende i prezzi più cari.

Il discorso di Vladimir Putin mercoledì scorso, in cui annunciava una “mobilitazione parziale” della popolazione civile per combattere in Ucraina, ha provocato una fuga in Georgia di persone che non vogliono far parte di quella che il leader russo si rifiuta di chiamare guerra. Dopo l’annuncio, centinaia di uomini sono arrivati ​​in Georgia, molti dei quali amici che viaggiano in gruppo.

Domenica hanno cominciato ad arrivare anche alcuni accompagnati dai loro compagni. E questo lunedì, come confermato da tutti i residenti consultati a Stepantsminda, la cittadina georgiana più vicina al confine russo, sono arrivati ​​più russi di qualsiasi giorno. E a decine, con il partner ei figli. Anastasia, 36 anni, porta in braccio un bambino di 11 mesi.

Ha attraversato il confine questo lunedì con suo marito, Alexander, 38 anni, e con un altro figlio di cinque anni. “Al momento, la scuola non è un problema”, dice. “Perché nel nostro paese è obbligatorio a partire dai sei anni”. Un’altra donna con bambini di cinque e due anni non ha voluto dire apertamente che lei e suo marito stavano fuggendo dalla mobilitazione forzata, che Mosca prevede di raggiungere 300.000 persone.

Il discorso di Putin mercoledì in cui annunciava una “mobilitazione parziale” della popolazione civile per combattere in Ucraina, ha provocato una fuga generale

Ci sono anche molti russi che sono riusciti ad entrare in Georgia con le loro auto, dopo due lunghi giorni di attesa al confine. Questo è stato il caso di Andrei, 25 anni, e di sua moglie, Nina, della stessa età. “Le persone stavano diventando molto nervose in coda”, spiega Nina. “Perché circolavano voci secondo cui la Georgia avrebbe chiuso il confine da un momento all’altro.

Soldati russi
Soldati russi – NanoPress.it

E c’era una carovana di macchine lunga decine di chilometri e c’era qualcuno che voleva a tutti i costi avanzare. Le persone bloccavano le loro auto a dieci centimetri dall’altra, in modo che nessuno le si avvicinasse di soppiatto”. “I poliziotti russi”, dice Andrei, “hanno detto ad alcuni di noi, guardando i nostri passaporti: ‘Siete stati mobilitati per andare in Ucraina! Bene, ti consegno subito”.

E subito hanno detto: ‘No, amico, è uno scherzo. Accade”. Pensa che, per il momento, non lo chiameranno. “Ma è molto probabile che mi chiameranno nei prossimi mesi. Quindi non volevo rischiare. La Georgia è la terra dei miei nonni, non ci sono mai stato e cercheremo di passare qualche mese qui”. Nina assicura che la decisione non è stata affatto facile: “Avevamo due cani e dovevamo lasciarli a Mosca, uno con mia madre e l’altro con mia suocera”.

Alla domanda sul perché così tante persone vengono da Mosca, se forse ci sono regioni russe più povere dove si reclutano più persone, la donna assicura che nella capitale russa chiamano anche uomini. “Si è chiamato il padre di un mio amico, 25 anni. Il padre ha 47 anni e la madre non ha un lavoro. La situazione è difficile per quella famiglia”. “E cosa ha fatto il padre?” “Sta cercando di nascondersi, come tutti gli altri”, dice Nina.