GB: Sunak già si candida al posto di Johnson

La formazione conservatrice in Inghilterra vuole accelerare le procedure per far uscire Johnson da Downing Street il prima possibile.

Rishi Sunak
Rishi Sunak – NanoPress.it

La politica è un gioco crudele. Rishi Sunak, 42 ​​anni, l’ex ministro delle finanze del Regno Unito che martedì scorso ha causato il crollo accelerato di Boris Johnson con le sue dimissioni, è stato il primo a presentare la sua candidatura ufficiale alla guida del Partito conservatore.

‘Ready For Rishi’ è lo slogan proposto dall’ex ministro di Boris Johnson

‘Ready For Rishi’, lo slogan proposto per una campagna che era ovviamente in lavorazione da settimane, serve sia a cercare di convincere i conservatori che è in condizioni di partenza migliori rispetto ai suoi concorrenti, sia a trasmettere l’idea che è giunto il momento per figlio di immigrati indiani della classe media per diventare primo ministro.

“La famiglia è tutto per me e la mia famiglia mi ha dato opportunità che a malapena sognavano. Ma è stato il Regno Unito, il nostro paese, a dare loro, e milioni come loro, la possibilità di un futuro migliore”, afferma Sunak in un video accuratamente realizzato e prodotto, combinando le foto della sua famiglia, del college e del politico con un discorso che delinea le sue credenziali per il successo.

Quando l’allora Cancelliere dello Scacchiere Sajid Javid si è dimesso dal suo incarico nel febbraio 2020, stufo dell’ingerenza nel suo dipartimento dell’allora consigliere di Johnson Dominic Cummings, lui e il Primo Ministro hanno deciso di mettere il giovane Sunak nel posto. Erano passati appena due mesi dalla vittoria schiacciante dei conservatori alle elezioni generali.

Il nuovo governo aveva piani di spesa ambiziosi in tutto il Paese e il nuovo ministro, Brexiteer con una brillante carriera accademica e professionale, si è presentato come il candidato perfetto per ballare allo stesso ritmo dei suoi capi. Cresciuto nella città di Southampton, ha finito per studiare a Oxford e poi a Stanford (USA). Durante i suoi anni in California, ha lanciato iniziative imprenditoriali di successo. Ma la sua tranquillità finanziaria deriva soprattutto dal matrimonio con Akshata Murty, la figlia del miliardario indiano fondatore della società di servizi Infosys.

All’inizio dell’anno, il futuro politico di Sunak era stato al centro di uno scandalo quando la stampa ha rivelato che a sua moglie era ancora concesso lo status di non residente, per pagare molte meno tasse di quelle a cui avrebbe avuto diritto. Poco dopo, Murty annunciò che avrebbe pagato come qualsiasi altro residente nel Regno Unito. La mano degli alleati di Johnson, che vedevano in Sunak un traditore disposto a manovrare contro il premier, era già iniziata.

Johnson si è aggrappato alla complicità di Sunak, durante la pandemia, per spendere centinaia di milioni di sterline per alleviare i disagi degli inglesi, con un Job Retention Scheme che era una copia dell’ERTE del resto d’Europa, sussidi e aiuti fiscali.

Un nuovo leader del Partito conservatore e un nuovo primo ministro entro l’inizio di settembre

Il conflitto è sorto quando, all’insorgere della crisi sanitaria, il presidente del Consiglio ha voluto continuare felicemente a spendere per riprendere vigore elettorale e superare la propria crisi di popolarità, già travolta dagli scandali successivi.

Boris Johnson
Boris Johnson – Nanopress.it

Sunak, il classico custode dell’ortodossia fiscale che gli anni Thatcher hanno imposto al partito, ha resistito ai tagli fiscali richiesti, non solo da Johnson, ma da molti deputati conservatori che vedevano i loro seggi in pericolo. “Affrontiamo il momento attuale con onestà, serietà e fermezza? O ci raccontiamo fiabe confortanti che ci fanno stare meglio ora, ma rovinano il futuro dei nostri figli?”, chiede retoricamente Sunak in un video della campagna.

Sunak intende presentarsi come il candidato serio e responsabile di fronte all’inflazione galoppante subita dal Regno Unito e la recessione che la Banca d’Inghilterra ha già annunciato entro la fine dell’anno. Sunak, che ha già raccolto solidi consensi come quello dell’ex presidente del Partito conservatore Oliver Dowden, dell’ex ministro del Commercio Liam Fox, o deputati come Laura Trott e Angela Richardson, ha iniziato a inviare messaggi di possibili patti ai suoi rivali, per escludere candidati e unire le forze.

Si stima che possano presentare domanda più di quindici candidati. In circostanze normali, il processo principale durerebbe per almeno due mesi. Ma l’idea che Johnson rimanga a lungo a Downing Street come primo ministro ad interim rende il partito molto nervoso.

Questo lunedì si riunisce l’esecutivo del Comitato 1922 (l’organo che riunisce i deputati conservatori senza un incarico nel governo, incaricato di organizzare le primarie e di eleggere un nuovo leader) e ha lo scopo di cambiare le regole, comprimere il scadenze affinché il gruppo parlamentare esegua i voti di scarto e raggiunga almeno che i due candidati finali – quelli che dovranno poi fare campagna elettorale tra gli affiliati – siano eletti entro il 21 luglio, quando si conclude l’attuale periodo di sessioni del Parlamento britannico.

L’idea, se il copione sarà rispettato, sarebbe quella di poter avere un nuovo leader del Partito conservatore e un nuovo primo ministro entro l’inizio di settembre.