Funivia Mottarone, Cassazione chiede non luogo a procedere per il Gip

Nell’ambito relativo alle indagini della funivia Mottarone, la Cassazione ha chiesto il non luogo a procedere per il Gip che aveva scarcerato le indagini.

Donatella Banci Buonamici
Donatella Banci Buonamici – Nanopress.it

Non luogo a procedere per Donatella Banci Buonamici, accusata adesso di vuolazioni disciplinari. La giudice si sarebbe autoassegnata nel 2021 il procedimento sull’incidente della funivia Mottarone.

Funivia Mottarone: la Cassazione chiede il non luogo a procedere

L’accusa per Donatella Banci Buonamici era quella di violazioni disciplinari. La giudice infatti era stata accusata di essersi “autoassegnata” lo scorso anno in ambito delle indagini relative all’incidente della Funivia Mottarone, il procedimento.

La Cassazione ha chiesto adesso al Consiglio superiore della magistratura il non luogo a procedere. Una sentenza secondo la quale, qualora venisse confermata, verrebbe emessa dopo il ritrovamento di elementi incompleti nell’udienza portata avanti dal giudice, o davanti alla presenza di elementi contraddittori.

La giudice in questo caso è accusata di alcune violazioni disciplinari, quando – al momento dei fatti ancora gip – nel maggio del 2021, aveva scarcerato due indagati su tre, disponendo per uno invece gli arresti domiciliari.

Scelta che portò allora alla decisione del Presidente del Tribunale al cambiamento del gip, dopo una grande quantità di polemiche successive a tali decisioni da parte dell’allora giudice del caso.

Provvedimento di autoassegnazione che secondo la giudice non recò alcun malfunzionamento dell’Ufficio, e che non recò lesione principio del giudice naturale. Era stato il Ministero della Giustizia a muovere l’azione disciplinare verso la giudice di Verbania.

L’allora giudice per le indagini preliminari, assistita dall’avvocato Davide Steccanella si legge nel provvedimento aveva agito “nell’immediatezza del fatto”, e considerando la gravità dell’incidente, che ricordiamo aveva causato 14 morti.

Nel provvedimento di autoassegnazione dovrebbe essere dunque, sotto richiesta dalla Procura, letto nella situazione complessiva dell’Ufficio del giudice delle indagini preliminari, che in quel frangente sarebbe stato composto da pochi magistrati. Tutti, secondo il provvedimento, costretti a turnazioni molto frequenti. In quel momento dunque Donatella Banci Buonamici avrebbe preso le funzioni del Presidente del Tribunale ed essendo l’unico magistrato in ufficio non ci sarebbe stata possibilità di chiedere il permesso al consiglio – che non si riuniva in quei giorni.

Incidente funivia Mottarone: obiettivo 2024 per la riapertura

Dopo la tragedia consumatasi nel maggio del 2021, si pensa al futuro della funivia Mottarone. Durante una recente conferenza stampa, tenutasi lo scorso 21 settembre, il sindaco di Stresa e il consulente per la ricostruzioni della funivia hanno parlato dei tempi stimati per la riapertura.

La nuova funivia potrebbe dunque riaprire a metà del 2024, con un nuovo impianto che serva da attrazione turistica che collegherà la cima del Mottarone con Stresa.

Stresa, Ceppo in ricordo delle vittime
Stresa, Ceppo in ricordo delle vittime – Nanopress.it

Il piano, come confermato dal sindaco di Stresa, è quello di ampliare le offerte del settore turistico, emulando il modello Trentino, con possibilità di operazioni anche nei periodi estivi.