Francia: un leader melenconista reo di aver “schiaffeggiato” sua moglie

In Francia Mélenchon sconcerta i suoi sostenitori dopo aver elogiato la “dignità” e il “coraggio” del vice Quatennens nell’ammettere i fatti.

Adrien Quatennens
Adrien Quatennens – NanoPress.it

Il leader ambientale Julien Bayou si allontana dopo essere stato accusato di molestie psicologiche. Queste parole, scritte dal leader de La France Insumisa (LFI) Adrien Quatennens, sono bastate per innescare un esame di coscienza nella sinistra francese e un tentativo di ribellione contro il suo leader massimo, il veterano Jean-Luc Mélenchon, che a maggio è stato candidato alla presidenza della Repubblica in Francia e a giugno si è candidato alla carica di presidente del Consiglio in caso di vittoria della sinistra.

La Francia scossa dal sessismo maschilista

Quatennens (Lille, 32 anni), coordinatore di LFI, fedele luogotenente di Mélenchon e fino a pochi giorni fa nelle piscine per la successione, ha pubblicato questo fine settimana un comunicato in cui ha fornito dettagli su quanto il settimanale aveva rivelato pochi giorni prima Le Canard Enchaîné: la dichiarazione della moglie, Céline, a una stazione di polizia, di notificare alle autorità gli atti ostili del marito.

Il politico ha ammesso: “In un contesto di estrema tensione e reciproca aggressività, gli ho dato uno schiaffo. L’ho dato, anche se non sono così, e non è più successo. Mi sono profondamente pentito di questo gesto e ho chiesto molte scuse”. Mélenchon, in un messaggio sul social network Twitter, ha criticato la polizia per aver fatto trapelare le informazioni a Le Canard Enchaîné, i giornalisti per aver agito come “guardoni” della vita intima, e i social network per averla commentata.

E ha elogiato la “dignità” e il “coraggio” di Quatennens per aver ammesso i fatti. Le parole di Mélenchon hanno indignato il resto delle parti. Niente di insolito. Hanno anche irritato alcuni dei loro correligionari. E questo è eccezionale in un partito dove la parola e la figura del leader sono raramente messe in discussione in pubblico.

Il caso Quatennens non è l’unico sfogo maschilista che colpisce in questi giorni la sinistra, che in Francia esibisce la bandiera del femminismo. La deputata di Europa Ecology The Greens (EELV) Sandrine Rousseau, rappresentante della sinistra ambientalista, ha indicato in un programma televisivo il segretario nazionale del suo stesso partito, Julien Bayou (Parigi, 42 anni), per “comportamento la cui natura rompe la salute mentale delle donne”.

Ha spiegato che glielo aveva raccontato un’ex fidanzata di Bayou e che poche settimane dopo la donna aveva tentato il suicidio. Non ha specificato di più. Bayou si è dimesso dall’incarico. Con la caduta, in pochi giorni, di due leader dell’alleanza di sinistra che forma il primo blocco di opposizione all’Assemblea nazionale, il dibattito sulla violenza sessista in politica e la tolleranza dei vertici del partito di fronte alle accuse contro la sua.

Fabienne El Khoury, portavoce dell’associazione femminista Osez le féminisme! (Daring Feminism), si è dichiarata “scioccata” dalla reazione di Mélenchon alla confessione di Quatennens. “Ci aspettavamo di più dalla sinistra”, dice al telefono. “Ci siamo resi conto che c’è ancora molta strada da fare per vincere la lotta contro la violenza coniugale e la violenza sessista e sessuale”, dice. El Khoury si rammarica che la causa partigiana finisca spesso per essere una priorità rispetto alla lotta femminista.

Macron ha nominato Ministro della Solidarietà il politico Damien Abad, accusato di stupro da parte di diverse donne

Indica anche “la disumanizzazione delle donne in una società patriarcale“, che, a suo avviso, incoraggia l’empatia con gli uomini piuttosto che con le donne. Mélenchon, dopo le reazioni ostili al suo primo tweet, ha provato a rettificare: “Céline e Adrien sono miei amici. Il mio affetto per lui non significa che io sia indifferente a Céline. Non voleva che il suo nome fosse menzionato. Ma lo dico io: uno schiaffo è inaccettabile in tutti i casi. Adriano lo prende. Va bene”.

Emmanuel Macron
Emmanuel Macron – NanoPress.it

“L’ala destra è esemplare in questo”, scherza l’avvocato Caroline Mecary, che si era candidata per NUPES -l’alleanza che riunisce LFI, socialisti, comunisti e ambientalisti- alle elezioni legislative di giugno, e ha perso. Ciò che indica Mecary è che la violenza e gli abusi non si verificano solo a sinistra. L’attuale ministro dell’Interno, Gérald Darmanin, ha trascorso gran parte del primo mandato presidenziale quinquennale di Emmanuel Macron accusato di stupro, sebbene il caso sia stato archiviato.

Macron, dopo essere stato rieletto alle elezioni presidenziali, ha nominato Ministro della Solidarietà il politico Damien Abad, accusato di stupro da parte di diverse donne. Dopo quelli legislativi, lo sollevò. Abad è ancora un vice. “Gli unici partiti che hanno preso coscienza della necessità di affrontare la violenza all’interno del partito sono stati Europa Ecología – Los Verdes e La Francia Insumisa”, afferma Mecary.

“È vero che i sistemi non sono perfetti. Tutti diventano ciechi. La verità è che, se devi combattere questa violenza, devi fornire i mezzi alla giustizia e alla polizia”. Le parti citate da Mecary hanno commissioni interne per gestire i reclami. Ma sono stati criticati per la loro mancanza di trasparenza: un modo per lavare la biancheria sporca sciovinista a porte chiuse, o per eseguire lavorazioni rapide senza garanzie.

“Devi stare molto attento con la richiesta di sanzioni senza processo, per rimuovere qualcuno senza processo”, afferma Mecary, alludendo ai casi Quatennens e Bayou. “È un modo di agire molto totalitario”.LFI ha riconosciuto le femministe, come la vice Clémentine Autain. Insieme ad altri leader, ha imposto una dichiarazione di partito ribadendo “l’impegno immancabile nella lotta alla violenza contro le donne”.

È un modo per segnare le distanze con Mélenchon, che, in generale, quasi nessuno rinnega. Il leader, pur non essendo un deputato, sogna di essere nuovamente candidato alla presidenza nel 2027. Come ora viene mostrato, rischia di diventare un vaso cinese: prezioso per questa sinistra ma, per molti, sempre più scomodo.