Falla Wi-Fi, a rischio anche Smartphone Android, i prodotti di Apple e i PC con Windows

Continua a leggere

Continuano a susseguirsi gravi notizie riguardo alle preoccupanti falle di sicurezza scoperte all’interno dello standard WPA che protegge le reti Wi-Fi . Come spiegato in questa news il protocollo di sicurezza, denominato WPA, che protegge l’accesso alle reti Wi-Fi è stato violato sfruttando una serie di falle presenti al suo interno. Utilizzando queste vulnerabilità un hacker potrebbe entrare nella nostra rete Wi-Fi, anche se protetta da una password, accedendo a tutti i dati e password personali.

Continua a leggere

Continua a leggere

L’insieme delle vulnerabilità denominate “Krack Attacks” (Key Reinstallation Attack) risiede nello standard del WiFi e non in prodotti specifici. Di conseguenza non solo i router sono a rischio, ma anche smartphone e computer. In particolare potrebbero essere interessati dal problema tutti i dispositivi con Android dalla versione 6.0 in poi e anche alcune distribuzioni del sistema operativo Linux.
Inoltre la vulnerabilità si estende anche ai PC con Windows a bordo. Microsoft però, a seguito dell’annuncio, si è subito messa al lavoro per risolvere il problema rilasciando un aggiornamento di sicurezza ed invitando i propri utenti ad installarlo nel più breve tempo possibile. Vi consigliamo, quindi, di verificare se sul vostro computer sono abilitati gli aggiornamenti automatici all’interno del menù delle Impostazioni.

Continua a leggere

Continua a leggere

Infine anche i dispositivi Apple sarebbero in pericolo. Secondo alcune indiscrezioni trapelate in Rete l’azienda di Cupertino sarebbe già al lavoro per implementare, nelle future versioni di iOS, tvOS, watchOS e macOS, una patch di sicurezza per tappare la vulnerabilità Krack delle reti Wi-Fi , per mettere al sicuro iPhone, iPad, Apple Watch, Apple TV e Mac.
Per quanto riguarda invece gli smartphone Android, Google ha promesso una patch per i dispositivi interessati solo nelle prossime settimane. I dispositivi Pixel di Google saranno ovviamente i primi a ricevere la patch di sicurezza, il 6 Novembre. Per tutti gli altri sarà necessario attendere l’intervento dei vari produttori con le patch di sicurezza che saranno riservate, con molta probabilità, solo ai modelli più recenti.

Nanopress ti aspetta su telegram

Nanopress è su Telegram. Vieni a scoprire il nostro canale, ricco di notizie e approfondimenti. Unisciti a noi!

Parole di Giulio Minotti

Da non perdere