Fa guidare l’auto al suo cane e pubblica il video sui social: arrestato

Una stranezza di questo genere ancora non l’avevamo vista. È accaduto nello stato d’Israele, dove un uomo ha deciso di far guidare la propria auto dal cane, filmando poi il tutto e postandolo sui social.

Cane in auto
Cane in auto – Nanopress.it

Ma non è stato, poi, così furbo. Qualche ora dopo la pubblicazione del video, si è ritrovato la Polizia sotto casa.

Cane che guida: una bravata ripresa dal video

Il video di questa bravata è stato visto da tantissime persone e, forse, fra queste, c’era anche qualcuno appartenente alle forze dell’ordine. Tanto che, l’autore, se le è trovate sotto casa. La storia che stiamo per raccontarvi ha dell’incredibile e, allo stesso tempo, ha per protagonista un cane ed il suo padrone.

Siamo nello stato d’Israele e un 35enne, forse per dare una “svolta” diversa alla sua giornata, ha ben pensato di mettere al volante della sua auto il cane. L’ha porto sulle sue gambe, gli ha fatto poggiare le zampe sul volante e così ha percorso un certo tratto di strada. Il tutto prontamente filmato (e postato sui social) da qualcuno che era seduto sul sedile passeggeri accanto a lui.

Era una giornata di pioggia, la strada era scivolosa: tutto ciò ha reso ancora più pericoloso il gesto che l’uomo ha deciso di portare avanti, mettendo anche a repentaglio la vita di chi, per un fortuito caso, poteva attraversare la strada mentre lui ed il suo cane “guidavano” l’automobile.

Una stranezza, una bravata: sta di fatto che, qualche ora dopo, l’uomo si è trovato gli agenti di Polizia sotto casa, i quali hanno iniziato una serie di accertamenti, arrivando alla conclusione che l’automobile era, anche, sprovvista di assicurazione.

L’arresto del 35enne e il sequestro del mezzo

La vicenda è avvenuta, come riporta il quotidiano “Il Messaggero”, a circa 10 km dalla città di Gerusalemme. Dopo il sequestro del mezzo e l’arresto del 35enne, la Polizia ha ritenuto opportuno, anche attraverso un comunicato, spiegare le motivazioni dell’arresto stesso ed avvertire anche il resto della cittadinanza dei pericoli che si corrono facendo questi gesti.

Un’azione, quella fatta dall’uomo, che ha messo in pericolo non solo la propria vita e quella del suo cane, ma anche quella altrui. Sta di fatto che, ora, la locale Polizia inizierà una sorta di pattugliamento alla ricerca di altre persone che, purtroppo (e di certo) tenderanno ad imitare il gesto fatto dal 35enne.

Un gesto che non va assolutamente imitato, come avverte la Polizia di Gerusalemme, non solo nella loro città ma in un qualsiasi altro contesto nazionale o mondiale.