Europol smantella una rete di trafficanti di migranti nel Regno Unito

L’operazione computa dalla Europol, considerata la più grande nel suo genere, si è conclusa con l’arresto di detenuti. Il gruppo criminale è stato in grado di presentare fino a 10.000 persone nell’ultimo anno e mezzo.

Sede Europol
Sede Europol – NanoPress.it

Un’operazione internazionale condotta contro il traffico di migranti trasportati nel Regno Unito attraverso la Manica, è riuscita a smantellare una rete criminale irachena-curda specializzata nell’uso di piccoli gommoni. Alle indagini hanno collaborato anche la polizia di Francia, Germania, Belgio e Paesi Bassi, e questo 5 luglio sono stati arrestati 39 sospetti con l’aiuto di 900 agenti dei cinque paesi coinvolti.

Il gruppo smantellato dalla Europol aveva introdotto illegalmente 10mila persone

Il gruppo criminale è stato in grado di introdurre illegalmente fino a 10.000 persone nel territorio britannico nell’ultimo anno e mezzo e addebitare tra i 2.500 ei 3.500 euro a testa. Al momento della traversata, potrebbero esserci fino a 15 zattere in acqua contemporaneamente; metà riuscì a conquistare la costa. I vantaggi per la rete sono stati di circa 15 milioni di euro. “Questa è la più grande operazione di questo tipo condotta contro il traffico di persone attraverso la Manica, in particolare su piccole imbarcazioni”, ha affermato Jean-Philippe Lecouffe, vicedirettore esecutivo di Europol, l’agenzia dell’Unione europea per la cooperazione di polizia.

I suoi esperti hanno collaborato con Eurojust, l’agenzia di cooperazione giudiziaria, entrambe con sede nei Paesi Bassi. Secondo i loro dati, sono stati sequestrati 1.200 giubbotti di salvataggio, circa 150 barche, circa 50 motori e 40.000 euro in contanti. Ogni anno, migliaia di migranti provenienti da paesi come Iran e Iraq tentano di attraversare la Manica verso il Regno Unito e, secondo Eurojust, “c’è rivalità per il controllo del lucroso affare della tratta e per l’uscita di gommoni, e questo ha portato a due tentativi di omicidio all’interno dell’organizzazione criminale.

Entrambi si sono svolti in Francia e Germania. In Belgio, molti dei casi di tratta scoperti hanno mostrato legami comuni ed è stato aperto un fascicolo separato per smantellare una rete criminale responsabile della catena di approvvigionamento. Questo martedì, ci sono stati sei arresti in due distretti di Londra perché sospettati che le persone coinvolte “cospirassero per facilitare l’immigrazione illegale”.

L’indagine è iniziata nel novembre 2021 con l’arresto di 16 persone da parte della polizia francese. “Ciò ha facilitato la segnalazione di diversi membri della rete, sospettati, tra gli altri, di traffico di migranti dal Vietnam, che sono stati trasferiti dalla Francia al Regno Unito su motoscafi”. Per fare questo avevano un’infrastruttura di supporto nel porto gallico di Calais, mentre i gommoni venivano portati dalla Cina alla Germania, e poi alla Francia. Il traffico di migranti con piccole imbarcazioni è in aumento da poco prima della pandemia ed Eurojust la considera una delle rotte più pericolose.

Il Regno Unito intende trasferire i richiedenti asilo irregolari che attraversano il canale in Ruanda

Da parte sua, Europol indica che tra gennaio e dicembre 2020 ci sono stati più di 1.300 tentativi di raggiungere il Regno Unito dall’UE in questo modo da parte di oltre 15.000 migranti. Nel suo rapporto annuale 2022, l’agenzia indica che questo sistema ha superato l’uso di camion carichi di persone sulla stessa rotta nel 2021. Entro la fine dello scorso anno, “quasi 50mila migranti hanno tentato di attraversare la Manica in barca, tre volte di più rispetto al 2020″.

Poliziotti Europol
Poliziotti Europol – NanoPress.it

Nella prima metà del 2022 “circa 11.500” immigrati irregolari sono riusciti a raggiungere il Regno Unito, generando con i loro pagamenti “un profitto di circa 30 milioni di euro per le organizzazioni criminali operanti lungo la rotta”, prosegue l’agenzia di polizia. Secondo Matt Rivers, membro della British National Crime Agency, visto il numero di barche sequestrate nell’operazione in corso, “possiamo aspettarci una riduzione del numero di tentativi di attraversare la Manica a breve termine”.

Il Regno Unito intende trasferire i richiedenti asilo irregolari che attraversano il canale in Ruanda. Il mese scorso il governo del primo ministro Boris Johnson è rimasto pronto a realizzare i suoi piani, nonostante la Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) abbia già emesso un’ordinanza per impedire l’espulsione di uno dei migranti, di nazionalità irachena.

Al momento, l’accordo con il Ruanda prevede una dotazione di 120 milioni di sterline (circa 144 milioni di euro) e punta a uomini senza responsabilità familiari che arrivano in barca o in camion. Le ONG specializzate in diritti umani sostengono che il Regno Unito viola la propria responsabilità in termini di protezione accordandosi con un Paese terzo diverso da quello di origine dei migranti.