La Ue vuole regolare le criptovalute per rendersi leader globale

La Ue (Unione Europea) si è preparata a guidare il mondo nella regolamentazione del settore delle criptovalute a ruota libera in un momento in cui i prezzi sono crollati, spazzando via fortune, alimentando lo scetticismo e suscitando richieste di un controllo più rigoroso.

Criptovalute
Criptovalute – NanoPress.it

La Ue ha compiuto un primo passo mercoledì, concordando nuove condizioni che sottopongono i trasferimenti di criptovaluta alle stesse regole di riciclaggio di denaro dei tradizionali bonifici bancari. Una mossa molto più grande era prevista quando i negoziatori dell’UE hanno definito gli ultimi dettagli alla fine di giovedì su un ampio pacchetto di normative crittografiche per le 27 nazioni del blocco, noto come Markets in Crypto Assets o MiCA.

Per le criptovalute le stesse regole di riciclaggio di denaro dei tradizionali bonifici bancari

Come la politica sulla privacy dei dati all’avanguardia dell’UE, che è diventata di fatto lo standard globale, e la sua recente legge fondamentale contro i contenuti dannosi sulle piattaforme digitali, le normative sulle criptovalute dovrebbero essere molto influenti in tutto il mondo. Le regole dell’UE sono “davvero il primo pezzo completo di regolamentazione delle criptovalute al mondo“, ha affermato Patrick Hansen, consulente per le criptovalute di Presight Capital, un fondo di capitale di rischio.

Penso che ci saranno molte giurisdizioni che esamineranno da vicino come l’UE ha affrontato la questione “, ha affermato Hansen. Si aspettava che le autorità di altri luoghi, in particolare i paesi più piccoli, che non hanno le risorse per elaborare le proprie regole da zero, adottassero regole simili a quelle dell’UE, anche se “potrebbero cambiare alcuni dettagli”. In base ai regolamenti sui mercati delle criptovalute, gli scambi, i broker e altre società di criptovalute devono affrontare regole rigorose volte a proteggere i consumatori.

Le aziende che emettono o scambiano criptovalute come le stablecoin – che di solito sono legate al dollaro o a una merce come l’oro che le rendono meno volatili delle normali criptovalute – devono affrontare severi requisiti di trasparenza che richiedono loro di fornire informazioni dettagliate sui rischi, i costi e gli oneri che i consumatori viso. Le regole aiuteranno gli investitori in criptovaluta alle prime armi a evitare di cadere vittime di frodi e truffe che le autorità di regolamentazione hanno avvertito sono diffuse nel settore.

I fornitori di servizi relativi al bitcoin rientrerebbero nelle normative, ma non il bitcoin stesso, la criptovaluta più popolare al mondo che ha perso oltre il 70% del suo valore dal picco di novembre. Le regole europee mirano a mantenere la stabilità finanziaria, una preoccupazione crescente per le autorità di regolamentazione in mezzo a una serie di recenti crolli legati alle criptovalute. Ad esempio, la stablecoin TerraUSD è implosa il mese scorso, cancellando circa 40 miliardi di dollari di fondi degli investitori con poca o nessuna responsabilità.

La Ue vuole regolamentare gli scambi delle criptovalute

I crolli hanno stimolato richieste di regolamentazione, con altre importanti giurisdizioni che stanno ancora elaborando le loro strategie. Negli Stati Uniti, il presidente Joe Biden ha emesso un ordine esecutivo a marzo sulla supervisione del governo della criptovaluta, compreso lo studio dell’impatto sulla stabilità finanziaria e sulla sicurezza nazionale. Il mese scorso, la California è diventata il primo stato a iniziare formalmente a esaminare come adattarsi ampiamente alla criptovaluta, con piani per lavorare con il governo federale sulle normative sulla creazione.

Criptovalute
Criptovalute – Nanopress.it

Il Regno Unito ha anche svelato i piani per regolamentare alcune criptovalute. Alcuni paesi europei, come la Germania, hanno già normative crittografiche di base. Uno degli obiettivi dell’UE è allineare le regole in tutto il blocco, in modo che una società di criptovalute con sede in un paese possa offrire servizi in altri stati membri. Le norme dell’UE, che necessitano ancora dell’approvazione finale e dovrebbero entrare in vigore entro il 2024, comprendono misure per prevenire la manipolazione del mercato, il riciclaggio di denaro, il finanziamento del terrorismo e altre attività criminali.

Mercoledì i negoziatori dell’UE hanno firmato un accordo provvisorio per le prime regole del blocco sul tracciamento dei trasferimenti di criptovalute come bitcoin, che mira a reprimere i trasferimenti illeciti e bloccare le transazioni sospette. Quando un asset crittografico passa di mano, le informazioni sia sulla fonte che sul beneficiario dovrebbero essere archiviate su entrambi i lati del trasferimento, secondo le nuove regole. Le società di criptovalute dovrebbero consegnare queste informazioni alle autorità che indagano su attività criminali come riciclaggio di denaro o finanziamento del terrorismo.

“Per troppo tempo, le criptovalute non sono state sotto il radar delle nostre forze dell’ordine”, ha affermato in una dichiarazione uno dei principali legislatori dell’UE che negoziano le regole, Assita Kanko. “Sarà molto più difficile abusare di criptovalute e trader e investitori innocenti saranno meglio protetti”. Le istituzioni dell’UE stanno elaborando i dettagli tecnici prima che le regole di tracciabilità delle criptovalute ricevano l’approvazione finale.