Europa: l’invecchiamento minaccia di capovolgere l’economia

La maggiore longevità e il calo delle nascite, soprattutto in Europa, sono un trend inarrestabile in molte parti del mondo, e questo comporterà una maggiore spesa per la salute e le pensioni.  

Due anziani
Due anziani – NanoPress.it

L’Europa nel 2050 avrà solo il 5% della popolazione mondiale

La Cina ha impiegato 35 anni per abolire completamente la politica del figlio unico (lo ha fatto nel 2015). E solo altri sei per aumentare da due a tre il numero di discendenti consentiti per coppia. Emmanuel Macron ha mantenuto nel programma con cui ha vinto le elezioni francesi l’aumento dell’età pensionabile da 62 a 65 anni, nonostante l’impopolarità del provvedimento.

La Corea del Sud, il Paese con il tasso di fertilità più basso dell’OCSE, continua ad aumentare gli aiuti a coloro che decidono di diventare genitori, mentre sempre più scuole chiudono per mancanza di studenti. Le tre novità sono reazioni allo stesso fenomeno: l’aspettativa di vita si allunga e le nascite non vanno abbastanza velocemente da mantenere intatto il sistema economico. Il dibattito appare e scompare su base ricorrente.

Negli ultimi due anni, l’umanità ha affrontato minacce abbastanza grandi – una pandemia senza precedenti in un secolo, una guerra iniziata da una potenza nucleare alle porte dell’Europa – che l’immediatezza mette a tacere dibattiti di vasta portata, almeno al di fuori del ristretto mondo accademico.

Ma nel caso della risposta al cambiamento demografico, l’inevitabile passare del tempo sembra destinato a portarlo alla ribalta prima o poi: secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, tra il 2020 e il 2030 la percentuale di abitanti del pianeta con più di 60 anni sarà del 34%, e se il loro numero ha appena superato quello dei minori di cinque anni, nel 2050 supererà quello degli adolescenti e dei giovani tra i 15 ei 24 anni. Ci sono molte più cifre, ma dicono tutte qualcosa di simile: nascono meno bambini e si vive più a lungo.

Le società anziane guardano meno al futuro

Quali conseguenze ci si può aspettare da questo? L’economista Javier Santacruz, autore di diversi studi sull’impatto demografico, cita tre effetti: minore crescita del PIL dovuto al fatto che il calo della natalità ridurrà la domanda —mercati vigorosi come quello cinese potrebbero ridursi—; problemi nel sostenere la struttura della spesa pubblica in settori quali le pensioni, la sanità e l’istruzione, in quanto ci sono meno contributori nel sistema e più dipendenti, e un certo squilibrio nel modo in cui vengono estratte le materie prime.

Papa francesco saluta una anziana
Papa francesco saluta una anziana – NanoPress.it

“Le società più anziane hanno meno probabilità di guardare al futuro, quindi sfruttano le risorse naturali con minore attenzione”, afferma. José García Montalvo, professore di economia all’Università Pompeu Fabra, osa tracciare alcuni contorni dello scenario a venire. “Il cambio di pezzi produrrà squilibri. A cominciare da perché il comportamento dei giovani e delle persone di mezza età è molto diverso da quello degli anziani: i primi risparmiano e i secondi spendono quello che hanno risparmiato”.

Il fatto che gli anziani a volte spendano più di quanto guadagnano non implica che ci sarà un boom dei consumi. Piuttosto accade il contrario, perché a queste età diminuisce anche l’importo ricevuto. Secondo uno studio di BBVA Research basato sulle spese delle carte e sugli importi prelevati dalla banca, i clienti con un livello di consumo più elevato sono quelli tra i 35 ei 64 anni. Per quanto riguarda il lavoro, García Montalvo vede il panorama diffuso.

Non si sa fino a che punto la robotizzazione renderà le aziende meno dipendenti dal lavoro, anche se economie come l’Italia e la Spagna, più focalizzate sui servizi, potrebbero continuare ad aver bisogno del fattore umano più di altre.  A livello fiscale, Montalvo prevede che saranno pagate più tasse per finanziare la crescente spesa pubblica.

“Negli anni ’50 le tasse erano piuttosto alte e da lì hanno iniziato a diminuire con l’ingresso nel mercato del lavoro del baby boom, che ha generato un’enorme forza di risparmio. Ora abbiamo quel sedere all’indietro “, avverte. Questo ha anche un derivato politico.

Nel 2050 mezzo miliardo di ultraottantenni

Se ora abbassare le pensioni o congelarle è già un drenaggio elettorale per i governi, oseranno farlo quando queste misure colpiranno una percentuale ancora maggiore della popolazione? Ci sarà una reazione da parte dei giovani per protestare contro la relativa lamentela che le crisi ricadono più pesantemente sulle loro spalle?

Anziani guardano Ipad
Anziani guardano Ipad – NanoPress.it

Per María Jesús Valdemoros, professoressa allo IESE, il pericolo c’è. «È un argomento di cui si parla raramente. Potrebbero esserci tensioni generazionali. Le statistiche mostrano che le pensioni percepite sono maggiori degli stipendi che entrano nel mercato del lavoro.  Uno sguardo ai numeri totali aiuta a farsi un’idea dell’entità del cambiamento in arrivo. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, entro il 2030 una persona su sei nel mondo avrà 60 anni o più.

Passeranno così da 1.000 milioni nel 2020 a 1.400 milioni solo 10 anni dopo. Nel 2050 saranno più del doppio rispetto a oggi (2,1 miliardi). E nel caso degli ultraottantenni, le Nazioni Unite prevedono che l’aumento sarà ancora maggiore: triplicheranno da 143 milioni nel 2019 a 426 milioni nel 2050. Una buona parte di loro risiederà in Europa, un continente che invecchia che teme di essere diluito su un pianeta dove la sua quota demografica è sempre più piccola.

A Bruxelles, dove la visione a lungo termine è più diffusa perché non risente della pressione dei cicli elettorali, la questione è preoccupante da anni. È possibile rimanere rilevanti in un mondo in cui i tuoi cittadini sono una piccola minoranza?  In un discorso del 2016, l’allora presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, espresse così il rischio di cadere nell’insignificanza.

“L’Europa sta diventando più piccola. Rappresentiamo solo l’8% della popolazione mondiale quando all’inizio del 20° secolo rappresentavamo il 20%. E entro il 2050 saremo il 5%—5% di 10 miliardi di persone”.