Europa: il prezzo del gas tocca il massimo storico

Il prezzo del gas in Europa è sempre più caro, ed a certificarlo è il mercato olandese del TTF chiude a 205 euro per megawattora, un livello che non si vedeva da inizio marzo.

Nord Stream 1
Il gasdotto di Gazprom verso la Germania – Nanopress.it

La nuova escalation rende la campagna di riempimento dei serbatoi ancora più costosa per l’invernoIl gas naturale sta tornando nella zona di estrema turbolenza, se mai l’ha lasciata. Il prezzo di questo combustibile, fondamentale per l’industria e la generazione di energia elettrica nei principali paesi europei, ha toccato all’inizio di questo mercoledì i 230 euro per megawattora (MWh), un livello senza precedenti dall’inizio di marzo, poco dopo lo scoppio della guerra in Ucraina.

I ‘dispetti’ della Russia mettono in difficoltà estrema la Europa

L’ennesima escalation nel mercato di riferimento per il blocco, l’olandese TTF, arriva dopo che la Russia ha consumato questa mattina la minaccia di ridurre ulteriormente la fornitura di gas attraverso il Nord Stream 1, il principale gasdotto che collega il colosso eurasiatico con l’UE, che rappresenta un terzo del totale ricevuto e che la compagnia statale del gas Gazprom ha accusato la società tedesca Siemens dei problemi di pompaggio. E lascia il prezzo a un passo dai 270 euro al MWh che ha raggiunto a mezzogiorno del 7 marzo.

Dopo essere balzati a 227 euro, i contratti gas con consegna ad agosto hanno chiuso la sessione a 205 euro, dopo aver registrato un incremento del 2,5%. L’aumento, il sesto consecutivo, arriva al culmine della stagione di riempimento dei depositi, con la maggior parte dei paesi dell’UE che fa scorta in vista di un autunno e un inverno particolarmente tesi: anche se il piano di risparmio del 15% dei Ventisette finisce per essere realizzato alla lettera, la fornitura non è in alcun modo garantita.

Il vice CEO del colosso russo del gas Gazprom, Vitaly Markelov, mercoledì ha accusato la tedesca Siemens Energy di problemi di pompaggio attraverso il Nord Stream 1, che da mercoledì fornisce gas al 20% della sua capacità. Questa ulteriore diminuzione rispetto al flusso abituale complica ulteriormente i piani dei paesi europei, in particolare della Germania, di riempire le proprie riserve di idrocarburi in previsione di un potenziale taglio totale dell’approvvigionamento da parte di Mosca.

Le autorità tedesche hanno risposto accusando la Russia di utilizzare la sua posizione dominante nel mercato energetico in un “gioco di potere”. Markelov ha sottolineato che, delle sei turbine di pompaggio di cui dispone il gasdotto, solo una funziona a pieno regime; un altro è in Canada dopo essere stato riparato e gli altri quattro hanno completato le 25.000 ore di servizio richieste prima di una revisione approfondita, che, secondo Gazprom, sarà eseguita da Siemens.

La Spagna, uno tra i paesi più colpiti, non è affatto immune all’escalation del prezzo del gas

La Germania ha respinto le ultime affermazioni di Gazprom e ha affermato che non ci sono ragioni tecniche per ridurre il pompaggio di gas da parte della compagnia tedesca del gas. Il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, ha assicurato questo mercoledì che il colosso russo Gazprom esporta tutto il gas possibile in Europa, e ha accusato le sanzioni occidentali della diminuzione dell’offerta.

Gazprom
La società russa Gazprom-Nanopress.it

La Spagna, uno tra i paesi più colpiti, non è affatto immune all’escalation del prezzo del gas, combustibile che utilizza in modo intensivo per la produzione di elettricità: a maggior ragione in piena estate, quando la produzione eolica crolla e i cicli combinati funzionano a pieno regime. Tuttavia, il prezzo nella penisola iberica è stato separato da quello del resto del continente nel giro di poche settimane.

Il mercato spagnolo-portoghese Mibgas ha chiuso questo mercoledì a 148 euro per MWh, 57 al di sotto del TTF olandese. Il divario si è ulteriormente ampliato negli ultimi giorni, in cui si è consolidato il cambio di andamento rispetto a quanto era consueto prima dello shock energetico: prezzi peninsulari superiori a quelli a nord dei Pirenei.

Questo spostamento risponde soprattutto alla maggiore capacità di rigassificazione di Spagna e Portogallo: quattro dei 10 impianti di trattamento del gas che arrivano via nave in Europa si trovano nella Penisola e che, in tempi come quelli che sta vivendo oggi il blocco, sono grandi parole.

Inoltre, i livelli di stoccaggio sotterraneo della penisola mostrano livelli significativamente migliori rispetto alla maggior parte dei paesi vicini: 100% in Portogallo e 76% in Spagna, a fronte di una media comunitaria che raggiunge appena il 67%. Meno bisogno di soddisfare è anche meno domanda. E una minore domanda porta a prezzi più bassi in una lotta globale per il gas che viene immesso sul mercato.