Erdogan, Putin e Raisi si accordano per “liquidare i terroristi” in Siria

Turchia, Russia e Iran confermano la loro buona armonia in un vertice a tre, tra Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdogan, che hanno tenuto il loro primo incontro faccia a faccia a Teheran martedì.

Recep Tayyip Erdogan
Recep Tayyip Erdogan – NanoPress.it

Entrambi i leader hanno tenuto un vertice a tre con il presidente dell’Iran, Ebrahim Raisi, in cui hanno confermato i progressi nei negoziati per sbloccare il trasporto di grano attraverso il Mar Nero. In un comunicato diffuso dalle tre parti, “hanno riaffermato la loro determinazione a continuare la loro cooperazione in corso per liquidare definitivamente individui, gruppi, progetti ed entità terroristiche, garantendo la sicurezza dei civili e delle loro infrastrutture nel rispetto del diritto internazionale”.

Turchia, Russia e Iran confermano la loro buona armonia

“È impossibile aspettarsi che la Turchia rimanga inattiva, senza rispondere”, ha avvertito Erdogan delle milizie curde siriane delle YPG nel nord della Siria. La buona armonia era palpabile nonostante gli scontri geopolitici tra Turchia e Russia su mezzo pianeta, dalla Libia all’Asia centrale, passando per Siria, Caucaso e Ucraina. Secondo il Cremlino, non hanno indirizzato la spedizione di droni turchi a Kiev.

“Abbiamo fatto progressi grazie alla vostra mediazione. Non tutti i problemi sono stati ancora risolti, ma il fatto che ci sia movimento è positivo”, ha detto Putin a Erdogan durante il loro incontro bilaterale. In un successivo incontro con i giornalisti russi, Putin ha raccontato maggiori dettagli sul suo colloquio con Erdogan sul blocco del grano ucraino.

Ha insistito sul fatto che l’Occidente non deve solo revocare le sanzioni sui fertilizzanti russi, “ai quali nessuno si è opposto, nemmeno gli americani”, ma anche sulle sue esportazioni di grano, di cui ha promesso fino a 30 milioni di tonnellate. Ankara, il litigioso membro della Nato, è stata eretta in questi mesi nel grande ponte con Mosca per l’Occidente. A Istanbul sono stati portati avanti sia i negoziati di pace con Kiev, in stallo da fine marzo, sia i negoziati per sbloccare il transito del grano attraverso il Mar Nero.

Anche il leader supremo iraniano, Ali Khamenei, che ha sostenuto l’invasione dell’Ucraina, ha parlato del conflitto. “Se la NATO non fosse stata fermata, dopo un po’ [l’Occidente] avrebbe intrapreso una guerra con il pretesto della Crimea. L’Occidente non vuole una Russia forte”, ha detto Khamenei, secondo l’agenzia di stampa iraniana IRNA. Il primo vertice internazionale organizzato dall’ultraconservatore Raisi da quando è salito al potere lo scorso anno non potrebbe essere più tempestivo.

Si svolge pochi giorni dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha girato il Medio Oriente in cui ha visitato gli altri due grandi nemici di Teheran: Israele e Arabia Saudita. I leader di Turchia, Iran e Russia hanno avuto molto di cui parlare. I tre formano il processo di Astana, protetto dalla risoluzione 2254 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per cercare una via d’uscita dalla guerra siriana, che dura da oltre 11 anni.

Erdogan vuole espandere il proprio territorio nel Kurdistan siriano

Tuttavia, Ankara vuole espandere il proprio territorio nel Kurdistan siriano e sostiene parte delle forze ribelli che combattono Damasco, mentre Teheran e Mosca sostengono il regime di Bashar al-Assad. Pressione Sia Putin che Raisi hanno fatto pressioni sulla Turchia affinché si opponesse agli Stati Uniti in Siria. Secondo il leader iraniano, tutte e tre le parti hanno convenuto che Washington deve porre fine alla sua influenza nel conflitto.

Vladimir Putin
Il presidente russo Vladimir Putin – Nanopress.it

Il presidente russo ha anche affermato che l’instabilità nelle aree che Asad non controlla “è stata notevolmente facilitata dalla linea distruttiva dei paesi occidentali guidati dagli Stati Uniti”. Nella dichiarazione congiunta, i tre leader mostrano “il loro incrollabile impegno per la sovranità, l’indipendenza, l’unità e l’integrità territoriale della Repubblica araba siriana, nonché per gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite”.

Hanno anche denunciato “un aumento dell’attività dei gruppi terroristici e dei loro affiliati, a prescindere dai loro nomi, in varie aree della Siria” e hanno evidenziato l’importanza di attuare gli accordi su questo punto “nella parte settentrionale del Paese”.

Erdogan ha ribadito la sua intenzione di lanciare una nuova offensiva nel Kurdistan siriano. “È impossibile aspettarsi che la Turchia rimanga inattiva, senza rispondere, mentre questa organizzazione terroristica continua con la sua agenda separatista”, ha detto, riferendosi alle milizie siriano-curde delle YPG. “Vi sento, cari amici, che comprendete le legittime preoccupazioni per la sicurezza della Turchia.

Vi ringrazio, ma le parole da sole non curano le ferite”, ha aggiunto chiedendo che i curdi lascino uno spazio di 30 chilometri dal confine turco. Khamenei ha avvertito, invece, dei rischi che comporterebbe: “Mantenere l’integrità territoriale della Siria è molto importante e un attacco militare nel nord della Siria danneggerebbe sicuramente la Turchia, la Siria e l’intera regione, oltre che a beneficio dei terroristi”.

Da parte sua, Putin ha sottolineato che questo territorio deve rimanere sotto il controllo di El Asad perché “deve essere restituito alla Siria”. Il governo turco vuole creare quella che chiama eufemisticamente una “zona di sicurezza” nel Kurdistan siriano. Damasco, tuttavia, ti chiede di rispettarne la sovranità. L’ambasciatore del Paese arabo in Russia, Riad Haddad, ha sottolineato in un’intervista all’agenzia TASS che questo discorso contraddice la sua posizione di garante nel formato Astana.

Il governo turco vuole creare quella che chiama una “zona di sicurezza” nel Kurdistan siriano

“Erdogan sta usando gli attuali eventi internazionali per promuovere una politica più ostile nei confronti della Siria”, ha affermato. Il governo turco vuole creare quella che chiama una “zona di sicurezza” nel Kurdistan siriano. Damasco ti chiede di rispettare la sua sovranità.

Ebrahim Raisi
Ebrahim Raisi – NanoPress.it

In un’intervista con l’agenzia TASS, l’ambasciatore del Paese arabo in Russia, Riad Haddad, ha ritenuto questa affermazione contraddittoria con il suo ruolo di garante nel format di Astana. “Erdogan sta usando gli attuali eventi internazionali per promuovere una politica più ostile nei confronti della Siria”, ha affermato.

Secondo Erdogan, l’obiettivo a breve termine è che un milione di siriani in Turchia tornino nel loro Paese. “Il ritorno volontario, sicuro e onorevole dei rifugiati siriani nei loro paesi è uno dei punti importanti dell’agenda del processo di Astana”, ha sottolineato. Restituire “volontariamente” milioni di siriani fuggiti durante la guerra e che ora si trovano in una Turchia meno amica è una priorità per Ankara.

Anche un argomento per giustificare una nuova offensiva, insieme all’eliminazione di quelli che definisce gruppi terroristici. L’avvertimento di Erdogan sulla necessità di un attacco non è stata una sorpresa per Putin, né per Raisi.

Entrambi si oppongono a un’operazione militare il cui precedente nel 2018 non solo ha provocato la morte di decine di civili e centinaia di migliaia di sfollati, ma includeva anche un patto di sicurezza con le milizie curde, a causa del ritiro del sostegno statunitense in quel momento. Briscola. Non sorprende, quindi, che né la Russia né l’Iran la vedano favorevolmente. Nelle ultime settimane, i curdi siriani hanno chiesto sostegno a Mosca e Teheran se dovesse finalmente accadere.