Elon Musk accusato di molestie da un’assistente di volo: “SpaceX pagò 250mila dollari”

L’assistente di volo avrebbe avuto un risarcimento di 250 mila euro per una denuncia di molestie sessuali mossa contro Elon Musk. 

Elon Musk
Elon Musk – Nanopress.it

SpaceX, l’azienda aerospaziale fondata da Elon Musk, l’uomo più ricco del mondo, ha pagato un assistente di volo 250.000 dollari per risolvere subito una denuncia per cattiva condotta sessuale contro Musk nel 2018, ha appreso Insider.

Elon Musk accusato di molestie sessuali

Accuse pesanti quelle mosse contro Elon Mask da un’assistente di volo. L’uomo avrebbe effettuato molestie sessuali contro l’ex dipendente di SpaceX. La donna ha detto che il miliardario le avrebbe mostrato le sue parti intime in corso di erezione, per poi toccarle una gamba, senza che lui avesse avuto consenso esplicito, secondo quanto riporta Insider.

I fatti si svolsero nel 2016: secondo la dichiarazione, l’assistente confidò all’amica che dopo essere stata assunta dalla società, le fu chiesto di conseguire una licenza da massaggiatrice in modo da poter far massaggi a Musk. Fu durante uno di questi massaggi – che si svolsero in una cabina privata sul Gulfstream G650ER di Musk – che l’uomo le avrebbe fatto la proposta.

La posizione del miliardario

Insider ha contattato Musk per avere un riscontro, il quale ha detto che c’è “molto di più in questa storia“, aggiungendo: “Se fossi propenso a subire molestie sessuali, è improbabile che questa sia la prima volta in tutta la mia carriera trentennale che viene alla luce una cosa del genere“, ha scritto, definendo la storia un “pezzo di successo politicamente motivato“.

Raggiunto al telefono, il vicepresidente legale di SpaceX, Christopher Cardaci, ha dichiarato: “Non ho intenzione di commentare alcun accordo transattivo“.

Elon Musk
Elon Musk – Nanopress.it

Un cavallo in cambio di un massaggio erotico

L’assistente di volo ha detto alla sua amica che il miliardario di Tesla le avrebbe chiesto di raggiungerlo nella sua stanza durante un volo alla fine del 2016 “per un massaggio completo“, secondo quanto si legge nella dichiarazione.

Quando è giunta sul posto, l’assistente ha scoperto che Musk “era completamente nudo tranne che per un lenzuolo che copriva la metà inferiore del suo corpo“. Durante il massaggio, dice la dichiarazione, Musk “ha esposto i suoi genitali” e poi “l’ha toccata e si è offerto di comprarle un cavallo se avesse “fatto di più”, riferendosi all’esecuzione di atti sessuali”.

La donna non ha fatto sesso con Musk e ha continuato a massaggiarlo senza spingersi oltre. L’inserviente “non è in vendita“, si legge dalla dichiarazione dell’amica. “Non farà favori sessuali per denaro o regali“.

In un’intervista a Insider, l’amica ha descritto le accuse dell’assistente in modo più dettagliato. Ha parlato sotto anonimato, temendo per la sua incolumità personale.

Ha tirato fuori il suo pene, era eretto”

ha detto l’amica, descrivendo le accuse.

E ha iniziato a farle proposte, toccandole la coscia e dicendole che le avrebbe comprato un cavallo. E in pratica ha cercato di corromperla per farsi fare una sorta di favore sessuale“.