Elezioni comunali Milano, Sala: '300 agenti in più'

Giuseppe Sala ha alle spalle l’esperienza di Expo, così il candidato sindaco di centrosinistra parla dei futuri investimenti in termini di sicurezza. Il tema apre la conferenza stampa che si è svolta stamattina insieme all’assessore alla Sicurezza, Marco Granelli e in cui il candidato di sinistra alle elezioni del prossimo 5 giugno ha esposto le sue proposte.

“La situazione non permette di rilassarsi, nonostante i numeri positivi. L’esperienza di Expo e la capacità di creare un sistema coordinato e una collaborazione è fondamentale. A partire dal lavoro con il Prefetto”, così Giuseppe Sala affronta il tema ‘sicurezza. “Dobbiamo aumentare le forze in campo e riteniamo che servano circa 300 agenti in più” ha spiegato l’ex commissario unico di Expo. Pe attuare la strategia è necessario trovare risorse “ripartendo da giugno con le assunzioni, ma soprattutto limitando i compiti amministrativi per liberare personale. Ma bisogna anche ridurre i servizi condizionati, cioè quelli che non possono andare in strada per motivi medici”. Sala non nega la possibilità di coinvolgere maggiormente i militari: “Ne sto parlando con il ministro della Difesa Pinotti. I soldati possono andare a integrazione, per esempio su obiettivi sensibili”. E a chi gli fa notare la forte discontinuità con il sindaco Giuliano Pisapia, da sempre contrario all’esercito nelle strade, Sala risponde: “In questi cinque anni Milano è cambiata, è più ricca ma anche più complessa. Un 20 per cento di turismo in più, per esempio, comporta anche più lavoro”.

Parole di Chiara Podano

Chiara Podano è stata collaboratrice di Nanopress dal 2016 al 2019, occupandosi principalmente di spettacoli, televisione, gossip, celebrities.

Da non perdere