Ecuador: attacco con esplosivi provoca almeno 5 morti e 16 feriti

In Ecuador il ministro dell’Interno, Patricio Carrillo, ha attribuito l’attacco ai civili in un quartiere di Guayaquil alla criminalità organizzata e lo ha descritto come una “dichiarazione di guerra allo Stato”.

Ecuador, il luogo dell'esplosione
Ecuador, il luogo dell’esplosione – NanoPress.it

Il clima di insicurezza a Guayaquil si è intensificato questa mattina con un attacco con esplosivo in un quartiere popolare della città ecuadoriana che ha causato la morte di cinque persone e il ferimento di altre 16. L’attacco è stato di tale portata, intorno alle due del mattino , che almeno nove case sono state distrutte, secondo i primi dati ufficiali raccolti dal Servizio di gestione del rischio dell’Ecuador.

Ecuador, Carrillo: “È una dichiarazione di guerra allo Stato”

Il ministro dell’Interno Patricio Carrillo ha attribuito alla criminalità organizzata il primo grande attacco contro i civili. «È una dichiarazione di guerra allo Stato», ha pubblicato su Twitter, il canale attraverso il quale questa domenica mattina sono state trasmesse le informazioni ufficiali sull’attentato. “I mercenari della criminalità organizzata, che per molto tempo hanno drogato l’economia, ora attaccano con gli esplosivi”, ha detto Carrillo, che ha anche chiesto l’unità per affrontare la criminalità, “o il prezzo sarà ancora più alto per la società”.

Le prime testimonianze assicurano che dei soggetti in motocicletta sono comparsi all’alba nel settore meridionale di Guayaquil, una zona residenziale a basso reddito, e dopo aver sparato più volte, hanno lanciato un sacco che poi è esploso lasciando con una scena quella che è conosciuta come Calle 8 di detriti., cavi caduti e polvere densa. Carrillo ha offerto una ricompensa di 10.000 dollari per informazioni sull’attacco.

Non è il primo attacco con esplosivi in ​​Ecuador negli ultimi anni a registrare attacchi a caserme di polizia o distaccamenti militari, ma è la prima minaccia di questo tipo contro aree residenziali. Lo scorso febbraio, sempre a Guayaquil, sono comparsi due corpi appesi a un ponte. Le autorità lo hanno poi attribuito anche all’azione della criminalità organizzata, legata al traffico di droga.