Donne che rubano incinte condannate a tre anni: una sentenza storica

Spesso le donne in gravidanza non vengono condannate quando commettono furti. A Milano la sentenza storica che condanna quattro borseggiatrici seriali.

Donne che rubano incinte condannate a tre anni: una sentenza storica

Non è detto che le donne che rubano incinte possano farla franca. Quando si è in gravidanza o si hanno figli minori, se gli episodi sono piccoli furti e borseggi, si possono avere degli arresti e delle condanne che di solito avvengono senza conseguenze. A Milano invece i giudici hanno pensato che l’episodio fosse troppo grave per poter fare in modo che le ragazze la passassero liscia. I giudici hanno verificato la serialità con cui le imputate commettono furti del genere.

Per questo, in seguito all’ennesimo episodio, il tribunale ha deciso di condannare a tre anni quattro ragazze in gravidanza o madri di figli piccoli. L’episodio decisivo è stato quando nella zona della stazione centrale una turista dell’estremo Oriente ha subito una rapina. Le ragazze hanno rubato il portafoglio dalla borsa e poi sono state bloccate dalla polizia locale.

Photo credit: photobeppus

Parole di Giorgio Rini

Giorgio Rini è stato collaboratore di Nanopress dal 2014 al 2017, occupandosi principalmente di politica, cronaca e spettacoli.

Da non perdere