Digital Green Certificate: l'UE pronta a introdurre il passaporto vaccinale

L'obiettivo di questo documento è aiutare il settore del turismo a riprendersi dopo un anno davvero durissimo

Digital Green Certificate: l'UE pronta a introdurre il passaporto vaccinale

Foto Getty Images | Sean Gallup

La presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen lo aveva annunciato lo scorso 1° marzo e oggi verrà discusso come proposta di legge: il Digital Green Certificate o passaporto vaccinale potrebbe diventare per i cittadini dell’Unione Europea imprescindibile per poter tornare a viaggiare.

Questo documento (qui per saperne di più) certificherà che il soggetto è stato vaccinato o è negativo al tampone oppure ha avuto il Covid e ne è già guarito. Tutti i vaccini al momento disponibili saranno validi per permettere alla persona che l’ha ricevuto di uscire dal proprio Paese.

L’obiettivo di questo certificato è permettere alle persone di tornare a viaggiare in maniera sicura dopo mesi di blocco, consentendo al settore del turismo di ripartire già a partire da quest’estate e riprendersi dopo un anno durissimo. Infatti, il passaporto vaccinale e la legge che lo regolamenta potrebbero essere approvati in tempi brevi, diventando operativi già da giugno.

L’introduzione di questo sistema è la diretta conseguenza dell’obiettivo della CE confermato dalla von der Leyen, ovvero vaccinare il 70% della popolazione dell’Unione entro l’estate. La presidente ha inoltre rinnobvato la sua totale fiducia in tutti i vaccini, AstraZeneca compreso, che invece risulta inaffidabile da un punto di vista delle consegne.

Digital Green Certificate gratuito per tutti i cittadini e i residenti

Il Digital Green Certificate sarà gratuito e in due lingue, quella dello Stato che lo rilascia e in inglese, e sarà sia cartaceo che digitale. Questo documento sarà fornito a tutti i cittadini indipendentemente dalla loro nazionalità, perciò anche a coloro che risiedono nell’Unione Europea e/o coloro che hanno diritto a visitare gli Stati membri.

Il passaporto consentirà di permetterà di girare non solo in Unione Europea ma anche in alcuni stati europei extra UE come Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera: esclusa quindi la Gran Bretagna.

Ogni singolo Stato UE potrà valutare come gestire le restrizioni per chi arriva dall’estero, ma dovranno essere comunicate alla CE e applicate a tutti i viaggiatori in possesso di Digital Green Certificate.

La questione privacy

Alcuni dubbi però sono stati sollevati in merito alla privacy del passaporto vaccinale.

Dall’UE fanno sapere che sarà garantita: l’autenticità del documento sarà verificata tranne lo scanner del QR code, che permetterà la verifica dei dati esclusivamente anagrafici e relativi al Covid su un database generale.

Non verranno conservati né condivisi i controlli del Digital Green Certificate, che rimane una misura temporanea. Infatti, rimarrà in vigore fino a quando l’OMS non dichiarerà conclusa la pandemia.

Parole di Carlotta Tosoni

"Una cosa bella è una gioia per sempre" diceva John Keats. Provo ad applicare questi versi nella pratica cercando e studiando tutto ciò che è esteticamente e intellettualmente interessante. Infatti arte, bellezza e comunicazione sono sempre stati la mia guida nello studio, nel lavoro e nella vita: ricercare contenuti validi da esprimere in maniera piacevole e da comunicare efficacemente. Solo così si può provare a cambiare le cose. La mia formazione è stata economica e artistica, la scrittura il mio mezzo preferito per raccontare il mondo, le mie passioni la storia dell’arte, il beauty, lo sport. Dal 2020, collaboro con Alanews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection.

Da non perdere