Delfini del Mar Nero, vittime collaterali della guerra in Ucraina

Più di 200 delfini sembrano morti con ustioni che fanno sospettare che siano morti a causa dell’attività militare nelle acque in cui abitano.

Delfino
Delfino – NanoPress.it

Le battaglie lungo la costa ucraina stanno causando danni incalcolabili alla fauna marina del Mar Nero. Più precisamente, nell’habitat dei delfini, prima vittima visibile nell’ecosistema acquatico. Dallo scoppio della guerra, diverse centinaia di mammiferi marini sono stati spazzati via dalle coste di Bulgaria, Romania e Turchia da un’incessante attività militare.

Il conflitto porta alla distruzione della Fauna

Molti di loro sono stati trovati disorientati ed estremamente deboli; altri (oltre 200) si sono arenati morti sulle rive. Tutti i loro corpi mostrano gravi ustioni cutanee, il che suggerisce che siano morti per esplosioni di bombe o mine.

“Sospettiamo, senza certezza, che le sue ferite siano dovute al fosforo; se fosse stato per le fiamme di un’esplosione non sarebbero sopravvissuti, sarebbero stati fatti a pezzi”, ha spiegato il biologo rumeno Razvan Popescu.

“Il fosforo è una sostanza che brucia anche sott’acqua, non solo all’esterno”, aggiunge l’esperto, che confessa di non aver mai visto un delfino bruciato nei 25 anni in cui ha lavorato con i cetacei nel Mar Nero. Due settimane fa, più di 60 cetacei sono stati trovati spiaggiati a Sulina, una piccola città costiera rumena raggiungibile solo in barca attraverso il Danubio o il Mar Nero.

Ma la cifra supera già i 100 mammiferi marini che sono rimasti intrappolati sulla costa rumena senza riuscire a salvarsi la vita. Sette giorni dopo, una dozzina di delfini sono rimasti bloccati alla foce del fiume Ropotamo, 50 chilometri a sud della città turistica di Burgas, in Bulgaria. E sono anche morti.

Purtroppo non abbiamo potuto aiutare con nulla. Continuavano a venire a riva. Quando abbiamo cercato di metterli in mare per farli galleggiare, erano esausti e disorientati, tremavano, i loro occhi erano rossi e sfocati, color ciliegia”, ha detto lo scienziato bulgaro Kota Atanasov.

Prima della guerra c’erano 250mila delfini nel Mar Nero

Da parte sua, la Turkish Marine Research Foundation ha riferito il 10 maggio della morte di 80 delfini sulle sue coste. Secondo gli esperti, un altro motivo della morte dei delfini risiede nell’inquinamento acustico. L’aumento del rumore delle navi da guerra e l’uso di potenti sistemi sonar hanno portato alla perdita dei delfini, che navigano utilizzando le onde sonore sia per navigare che per cercare cibo.

Un Delfino
Un Delfino – NanoPress.it

“È chiaro che esiste un impatto causato dalla guerra. È il numero più alto di decessi negli ultimi 20 anni”, sottolinea Costin Timofte, ricercatore rumeno dell’ONG Mare Nostrum. “I cetacei si orientano con l’aiuto del suono e le navi da guerra, sia navi che sottomarini, sono dotate di sonar che emette impulsi sonori che disorientano i delfini e possono influenzare il loro udito interiore.

Per questo motivo, la maggior parte di loro si perde e non può più nutrirsi”, ha affermato l’esperto. Il costo per la biodiversità della zona è devastante. La marina russa controlla il Mar Nero al largo della costa ucraina. E il Cremlino lancia attacchi brutali contro il porto di Odessa, punto strategico della regione.

Prima dell’inizio dell‘offensiva russa contro l’Ucraina, biologi marini provenienti da Romania, Bulgaria, Turchia e Ucraina hanno scoperto che c’erano tra 240.000 e 270.000 delfini di tre specie nelle acque del Mar Nero: la focena, il tursiope e il delfino comune o con pinne corte.

Questo numero salutare di cetacei offriva un indicatore ecologico positivo dell’ecosistema. Ora, la sua biodiversità è più minacciata che mai, con navi che affondano con il petrolio all’interno e le sostanze chimiche delle munizioni.

“Stiamo parlando di operazioni militari, non di attività civili”, sottolinea Timofte: “Non c’è alcuna possibilità che questo disastro naturale si fermi se il conflitto non finisce”.