Covid, Locatelli: “Estate non rallenti vaccini, piangiamo oltre 100 morti al giorno”

È una situazione che fa preoccupare quella dell’impennata dei contagi Covid di questi ultimi giorni. Bisogna correre ai ripari per non vanificare i sacrifici di questi due anni e non rallentare con la campagna vaccinale delle quarte dosi.

Franco Locatelli
Il Presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli – Nanopress.it

A lanciare un appello è Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità, a tutti i cittadini.

Locatelli lancia un appello per la quarta dose

Parole accorate, forti anche per convincere coloro che, dopo due anni, non sono ancora vaccinati, non hanno completato il ciclo vaccinale e, per gli anziani e gli over 60, incerti se fare o meno la quarta dose. A parlare è il Presidente del Consiglio superiore di Sanità, Locatelli in un’intervista.

Parole che guardano soprattutto alle vittime che, ogni giorno, proprio a causa delle complicanze Covid, ci lasciano. Ma un appello anche a tutti coloro che, potendo, facciano la quarta dose di richiamo. Locatelli commenta i dati che, ogni giorno, il bollettino ci dice. E sono quasi 130 i morti ogni giorno per il Covid. numeri che fanno pensare, riflettere, soprattutto per non vanificare il grande lavoro fatto in questi due anni, in termini di prevenzione e vaccini.

Locatelli spezza una lancia in favore dei vaccini che ci sono, che “sono sicuri, efficaci” e proteggono rispetto alle conseguenze possibili di una malattia grave. Consiglia di non posticipare la somministrazione della quarta dose, in particolare a coloro che si sentono indecisi se farla ora o attendere la versione “aggiornata” con una protezione anche per le varianti 4 e 5.

Somministrazione vaccino
Somministrazione vaccino – Nanopress.it

Covid: i casi aumentano in soli 7 giorni

L’analisi fatta dal Presidente del Consiglio superiore di Sanità è drastica: nel giro di 15 giorni i casi sono raddoppiati e si è arrivati a 1000 casi ogni 100mila abitanti nel giro di soli 7 giorni. L’occupazione dei posti letto in area medica è arrivata a superare il 13% e tale percentuale è, anche, per le terapie intensive.

Un elogio fatto da Locatelli al Ministro della Salute, Speranza che ha, subito, approvato anche per l’Italia le nuove indicazioni date, ieri, dall’Ema, circa l’ampliamento della fascia di somministrazione per la quarta dose, oltre che agli over 80 e alle persone fragili, anche a tutti gli over 60.

Le città si stanno adoperando per riaprire gli hub vaccinali e dare, di nuovo, l’avvio alla nuova campagna proprio per la quarta dose. Ma in molte città si stanno riaprendo anche i settori Covid degli ospedali, a causa di questo vertiginoso aumento di contagi.

Un momento molto delicato dove non possiamo permetterci di arretrare né tantomeno vanificare tutto ciò che, con fatica e sacrificio, abbiamo imparato e messo da parte (anche con le tre dosi di vaccino per ciascuno di noi) in questi mesi.