Biden e Obrador si incontrano su immigrazione e traffico di Fentanyl

Il presidente degli Stati Uniti, Biden, riceve il messicano Obrador, nello Studio Ovale per discutere di questioni relative all’immigrazione, come combattere il traffico di fentanyl o le sfide del cambiamento climatico.

Andrés Manuel López Obrador e Joe Biden
Andrés Manuel López Obrador e Joe Biden – NanoPress.it

Il confine sarà il principale protagonista questo martedì durante la visita a Washington del presidente messicano, Andrés Manuel López Obrador, al suo omologo Joe Biden, che dovrebbe riceverlo alla Casa Bianca.

Il ‘confine’ sarà il principale protagonista dell’incontro tra Obrador e Biden

Parleranno, secondo un funzionario dell’amministrazione statunitense che ha commentato in una telefonata con i giornalisti e dall’anonimato i dettagli dell’incontro, di come migliorare le infrastrutture nei 3.150 chilometri di confine condivisi da entrambi i paesi, del modo per “avvicinarsi migrazione e cooperazione di polizia per interrompere il flusso di fentanil” e anche su come “promuovere energia pulita, innovazione economica e prosperità”.

Sul tavolo anche “Cooperazione economica o questioni legate al clima o alla sicurezza alimentare”. Da parte messicana, López Obrador è stato un po’ più specifico sull’agenda aggiungendo specificamente il problema dell’inflazione. “È un incontro per riaffermare il nostro impegno a lavorare insieme a beneficio dei nostri popoli. Questo è lo scopo”, ha annunciato il presidente messicano in una conferenza stampa.

È la terza volta che entrambi i leader si incontrano. Il primo è stato nel marzo dello scorso anno, quando la pandemia raccomandava ancora vertici virtuali. Si sono ritrovati, già di persona, in un incontro del gruppo noto come i Tre Amigos, somma di Stati Uniti, Messico e Canada, lo scorso novembre, per parlare del presente e del futuro del Nord America, dopo gli anni in cui Donald Trump ha fatto esplodere quella relazione.

In seguito, non si sono visti al Summit delle Americhe, tenutosi all’inizio di giugno a Los Angeles. Così, López Obrador ha deciso di mettere in scena il suo disaccordo con il fatto che Biden, ospite del multilaterale, non ha invitato Cuba, Venezuela o Nicaragua a rimanere a casa. L’amministrazione Joe Biden ha fatto uno sforzo questo lunedì in una conversazione con i giornalisti per trasformare quella maleducazione nell’impulso affinché questo invito abbia avuto luogo.

L’obiettivo è “discutere” una “alleanza ampia e profonda“. Il rifiuto di López Obrador di partecipare al vertice di Los Angeles non è stato l’unico scontro nelle relazioni bilaterali. Dopo la sorprendente sintonia mostrata con Trump, la vicinanza ideologica teorica tra le due Amministrazioni ha conosciuto episodi di tensione.

Ad esempio, la controversa riforma dell’elettricità messicana, che riduce il funzionamento di molte società statunitensi e ha causato attriti diplomatici.La giornata inizierà per López Obrador con una colazione con la vicepresidente, Kamala Harris, nella sua residenza, presso l’Osservatorio Navale, a nord-ovest della città di Washington.

Tra gli argomenti trattati la riforma dell’elettricità messicana

Harris, che è stato particolarmente coinvolto con la regione, discuterà, secondo un altro appello con i giornalisti, gli sforzi per affrontare le cause della migrazione dall’America centrale e il modo per “promuovere la cooperazione con la regione in termini di sviluppo”.

Julian Assange
Julian Assange – NnoPress.it

Alle 11.30 López Obrador è stato ricevuto dal presidente nello Studio Ovale. In serata Biden intraprenderà il suo viaggio in Medio Oriente, con tappe in Israele, Palestina e Arabia Saudita. Secondo l‘alto funzionario della Casa Bianca, “non c’è problema che i presidenti vogliano affrontare che sia fuori dall’ordine del giorno”.

E questo, ha aggiunto, include polemiche come le recenti dichiarazioni di López Obrador sul fondatore di Wikileaks (ha detto che gli Stati Uniti dovrebbero “smantellare la Statua della Libertà” se condannano Julian Assange e che intercederebbero per l’attivista durante questo bilaterale ), sugli attacchi alla libertà di stampa in Messico (“è noto che la lotta tra democrazie e autocrazie è una delle questioni che più preoccupa Biden”, ha affermato nell’appello l’alto funzionario) o sulla politica energetica e ambientale del vicino a sud, che si scontra con i piani di Washington.

Si prevede inoltre che durante l’incontro venga raggiunto un qualche tipo di accordo per rafforzare il punto di ingresso di San Isidro, “il valico di frontiera terrestre più trafficato”. “Il nostro obiettivo è creare un incrocio [degno] del 21° secolo a San Diego [California]”, ha aggiunto il funzionario statunitense, che non ha voluto entrare nel dettaglio della trattativa tra i due Paesi sul numero di visti di lavoro che saranno elaborati (questo martedì, ha insistito, sarà più una giornata per occuparsi di “cooperazione e attuazione e non tanto di impegni numerici specifici”).

Ha voluto sottolineare, tuttavia, “gli sforzi per ampliare l’accesso al programma H2B [pensato per i lavoratori temporanei non agricoli]” “Ciò consentirà di affrontare il problema del lavoro, che è scarso nel turismo, nell’industria e in altri settori chiave “, ha finito. Il presidente messicano ha anche escluso di parlare di accordi specifici ma ha sottolineato l’opportunità di intraprendere una regolarizzazione per quote per i migranti messicani.

“Perché negare che è necessaria la forza lavoro, che sono necessari i lavoratori? Le trasformazioni sono necessarie, questo è l’approccio. Stiamo per cambiare”.La recente tragedia di San Antonio, dove 53 migranti sono morti asfissiati all’interno di un camion, 26 dei quali messicani, arrivati ​​nel bel mezzo di una stagione record per l’immigrazione, ha in programma quella bilaterale; May ha battuto il record di ingressi illegali nel paese con oltre 239.000.

“Stiamo facendo molto per ampliare la nostra cooperazione per affrontare il problema delle reti di traffico di esseri umani. Quella questione sarà molto importante all’incontro”, ha promesso il rappresentante della Casa Bianca. “Si tratta di vedere come ampliare i canali legali di ingresso, con particolare attenzione al Centro America, ma senza dimenticare che, come è stato dimostrato a San Antonio, molti di questi incidenti sono commessi da cittadini messicani. L’importante è chiarire che la migrazione legale può dare impulso alla crescita economica”.