Covid-19, il piano segreto e i tre scenari per l'epidemia di coronavirus

Il documento di 40 pagine, redatto lo scorso febbraio, metteva a punto le strategie per il contenimento del virus, le indicazioni alle Regioni e i possibili scenari

Continua a leggere

Covid-19, il piano segreto e i tre scenari per l’epidemia di coronavirus

Foto Getty images | di James D. Morgan

Un dossier di 40 pagine nel quale si prevedevano 3 possibili scenari per l’epidemia di coronavirus in Italia, grafici, tabelle e le indicazioni per le Regioni. Un vero e proprio “Piano Sanitario nazionale per la risposta a un’eventuale pandemia da Covid-19“, redatto lo scorso febbraio alla luce dello scoppio dell’emergenza, stilato dal Governo proprio per fronteggiare l’emergenza.

Continua a leggere

Continua a leggere

I possibili scenari previsti dalle autorità

L’esistenza del piano pandemico è stata svelata dal Corriere della Sera e prevedeva 3 differenti scenari, con relative misure. Il livello di rischio 1, che prevedeva una sostenuta ma sporadica trasmissione e diffusione locale dell’infezione non era quasi preso in considerazione mentre ben più importanti erano gli scenari di livello di rischio 2, con una diffusa e sostenuta trasmissione locale con aumentata pressione sul Sistema sanitario nazionale che risponde attivando misure straordinarie preordinate, e quello di livello 3, che prevedeva una diffusa e sostenuta trasmissione locale con aumentata pressione sul Ssn che risponde attivando misure straordinarie che coinvolgono anche enti e strutture non sanitarie. Questi ultimi due scenari — con indice di contagio rispettivamente a 1,15 e 1,25 — sono quelli che in proiezione producono il gap più ampio di posti in terapia intensiva.

Leggi anche: vaccino Covid-19, le prime dosi a fine 2020

Continua a leggere

Continua a leggere

Le indicazioni fornite alle Regioni

L’obiettivo era chiaro già all’epoca, ossia garantire un’adeguata gestione dell’infezione in ambito territoriale e ospedaliero senza compromettere la continuità assistenziale, razionalizzando l’accesso alle cure, per garantire l’uso ottimale delle risorse. Il dossier, inoltre, fissava anche le priorità: avere scorte adeguate di mascherine, tute e guanti e una maggiore disponibilità dei posti in terapia intensiva. Il nodo politico più spinoso, però, riguarda il coordinamento tra lo Stato e le Regioni. Queste ultime, infatti, invito ad attenersi alla linea del governo: “In stato di emergenza nazionale, le Regioni e le Province autonome devono superare le regole, i principi e le attuali differenze programmatiche che derivano dall’adozione di modelli organizzativi fortemente differenti soprattutto per le attività di emergenza” si legge. Indicazioni che prevedevano dunque un allineamento alle direttive nazionali.

Potrebbe interessarti anche: le misure del nuovo Dpcm per il contenimento del Covid-19

Continua a leggere

Nanopress ti aspetta su telegram

Nanopress è su Telegram. Vieni a scoprire il nostro canale, ricco di notizie e approfondimenti. Unisciti a noi!

Parole di Matteo Vana

Da non perdere