Coronavirus, Macron annuncia coprifuoco a Parigi e in altre città a rischio

La Francia torna in stato d’emergenza. Dalla mezzanotte di domenica, a Parigi e in atre zone a rischio, scatta il coprifuoco

coprifuoco Parigi

Foto Getty Images / Chesnot

La Francia torna in stato d’emergenza. Si prevede, infatti, dalla mezzanotte di domenica 18 ottobre, un coprifuoco di quattro settimane. Dalle 21 alle 6 del mattino, a Parigi e nelle zone di massima allerta sarà tutto chiuso. Ad annunciarlo è il presidente francese Emmanuel Macron con un discorso alla nazione, dopo che nelle ultime 24 ore in Francia sono stati registrati 22.591 nuovi casi e 104 vittime. Oltre alla capitale, saranno coinvolte le città di Grenoble, Lille, Lione, Montpellier, Saint-Etienne, Aix-en-Provence, Marsiglia, Rouen e Tolosa.

Una situazione preoccupante

Il virus riparte, circola molto velocemente in Europa e nel nostro Paese“. Così ha detto il presidente francese nel suo discorso alla nazione, presentando le nuove restrizioni per frenare la diffusione del contagio di Covid-19.

Siamo nella seconda ondata e tanti Paesi stanno prendendo provvedimenti“, ha proseguito Macron. “Non abbiamo perso il controllo, ma in Francia la situazione è molto preoccupante“, continua il presidente. Un virus pericoloso e grave per tutti, lo definisce il capo dell’Eliseo, a cui bisogna reagire, senza restare inermi né cedere al panico.

Coprifuoco a Parigi e nelle zone a rischio

Così Emmanuel Macron ha annunciato il coprifuoco nella regione di Parigi. Tutto chiuso dalle 21 alle 6 per quattro settimane, a partire da domenica a mezzanotte, nella regione di Parigi e nelle zone di massima allerta.

Il coprifuoco interesserà circa 20 milioni di persone“, precisa il capo dell’Eliseo, “tutti i cinema, teatri, ristoranti, bar e tutte le persone dovranno rimanere a casa“. Poi l’invito a non “essere più di sei a tavola, anche in privato“. Una decisione, spiega Macron, presa soprattutto per “proteggere i bambini e gli anziani e il nostro sistema sanitario“.

L’obiettivo del coprifuoco è infatti quello di “ridurre i contatti privati che sono i più pericolosi“.

Multe per i trasgressori

Nonostante la significativa impennata di casi, il presidente Macron annuncia che non limiterà i viaggi tra le regioni e non impedirà alle persone di andare in vacanza, in riferimento alla prossima pausa di Ognissanti. Tuttavia, “ci saranno controlli e multe da 135 euro” per chi violerà il coprifuoco. Multe che, in caso di recidiva, potranno arrivare anche a 1500 euro, sottolineando d’altra parte che “i francesi sono stati esemplari” in primavera durante il lockdown. “Quello che spero è che siano tutti consapevoli dei rischi e della posta in gioco“, ha insistito il presidente Macron.

La situazione in Francia

Cresce inarrestabile il numero di nuovi contagiati in Francia. Sono 22.591 i nuovi casi positivi accertati il 14 ottobre. Nelle ultime 24 ore, sono 1.133 i ricoverati in ospedale e 193 i pazienti in terapia intensiva, 733 i guariti e 104 i morti. La pressione sugli ospedali sta crescendo in modo esponenziale da diversi giorni, soprattutto nella regione di Parigi, dove le rianimazioni hanno superato il 40% di letti occupati da pazienti Covid-19.

Parole di Alanews

Da non perdere