Coronavirus, allarme della Dia: "Arricchimento per le mafie, come nel dopoguerra"

La relazione semestrale della Direzione investigativa antimafia si apre con uno speciale dedicato alla crisi Covid, "terreno fertile" per il tessuto della criminalità organizzata.

Continua a leggere

Coronavirus mafie

Foto Shutterstock | boyphare

Nella relazione semestrale della Direzione investigativa antimafia, presentata al Parlamento, l’allarme sull’espansione delle mafie durante la crisi del post emergenza Covid.

Continua a leggere

Continua a leggere

Mafie e emergenza Covid: l’allarme della Dia

La paralisi economica, che ha assunto dimensioni macro, può aprire alle mafie prospettive di espansione e arricchimento paragonabili ai ritmi di crescita che può offrire solo un contesto post-bellico“. Lo riferisce la Dia, Direzione investigativa antimafia, nella relazione semestrale inviata al Parlamento sull’attività svolta e gli obiettivi raggiunti relativamente al periodo luglio – dicembre 2019.

Un rapporto di 888 pagine che si apre con una sezione speciale dedicata al Coronavirus, e una analisi dello spettro di interferenza delle reti criminali nel tessuto della crisi economica che aggredisce il Paese nell’era che segue la più acuta emergenza sanitaria.

Continua a leggere

Continua a leggere

Lo shock del Coronavirus è andato ad impattare su un sistema economico nazionale già in difficoltà – si legge nel documento – Un andamento
che, impattando sull’economia reale, ha finito per accrescere, specie nelle regioni del sud Italia, e nelle periferie depresse delle grandi aree metropolitane, le sacche di povertà e di disagio sociale già esistenti. Ecco allora che l’ancor più ridotta possibilità di disporre di liquidità finanziaria – spesso ottenuta anche attraverso il lavoro irregolare – potrà finire per compromettere l’azione di “contenimento sociale” che lo Stato, attraverso i propri presidi di assistenza, prevenzione e repressione ha finora, anche se con fatica, garantito
“.

I nuovi “poveri” costituiscono dunque un bacino di potenziali vittime per le trame della criminalità organizzata che, in contesti come quello del Meridione, si legge ancora, trova la possibilità di esacerbare gli animi e di porsi come “welfare alternativo“, quindi come sostitutivo mezzo di sostentamento e punto di riferimento sociale.

Continua a leggere

Un contesto, due scenari

Relativamente al contesto dell’emergenza e a quello del post emergenza Covid, secondo la Dia si profilano due scenari:

Continua a leggere

  • Scenario di breve periodoin cui le organizzazioni mafiose tenderanno a consolidare sul territorio, specie nelle aree del Sud, il proprio consenso sociale, attraverso forme di assistenzialismo da capitalizzare nelle future competizioni elettorali”.
  • Scenario di medio-lungo periodoin cui le mafie – specie la ‘ndrangheta – vorranno ancor più stressare il loro ruolo di player, affidabili ed efficaci anche su scala globale. L’economia internazionale avrà bisogno di liquidità ed in questo le cosche andranno a confrontarsi con i mercati, bisognosi di consistenti iniezioni finanziarie’‘.

I settori più redditizi e appetibili

Secondo il rapporto Dia, i settori più redditizi “nel ‘paniere’ degli investimenti illeciti sarebbero droga e gioco (quest’ultimo perché si presta facilmente al riciclaggio e, si legge nella relazione, “assicura il più elevato ritorno dell’investimento iniziale a fronte di una minore esposizione al rischio” dopo al traffico di stupefacenti). Si tratta di settori che farebbero gola a tutte le organizzazioni criminali, dalla camorra alla mafia, passando per la ‘ndrangheta e la criminalità pugliese.

Continua a leggere

La sanità sarebbe in testa all’appetito delle mafie, data come a maggior rischio di infiltrazione in seguito all’emergenza Coronavirus. Questo sarebbe in parte amplificato dalla “semplificazione delle procedure di affidamento, in molti casi legate a situazioni di necessità ed urgenza” che potrebbero alimentare la capacità di infiltrazione mafiosa nel cuore amministrativo del sistema sanitario.

Nanopress ti aspetta su telegram

Nanopress è su Telegram. Vieni a scoprire il nostro canale, ricco di notizie e approfondimenti. Unisciti a noi!

Parole di Giovanna Tedde

Giornalista pubblicista, mi occupo da anni di contenuti web in salsa multicolor: dalla cronaca nera a quella rosa, passando per approfondimenti sull'attualità e una sana dose di buona cucina…

Da non perdere