Corea del Nord, primo caso di Covid-19. ll Paese incapace di affrontare il Virus

Giovedì la Corea del Nord ha imposto un blocco nazionale per controllare il suo primo focolaio di COVID-19,  dopo che per più di due anni, grazie ad un blocco totale delle frontiere, era riuscita a non far entrare il virus, che si è diffuso in quasi ogni luogo del mondo.

Kim Jong Un e Putin
Kim Jong Un e Putin – NanoPress.it

Corea del Nord: 25 milioni di persone senza Vaccino

L’entità dell’epidemia non è stata immediatamente nota, ma potrebbe avere gravi conseguenze perché il paese ha un sistema sanitario scadente e, si ritiene, che i suoi 26 milioni di abitanti siano per lo più non vaccinati.

Simbolo Corona Virus e bandiera Corea del Nord
Simbolo Corona Virus e bandiera Corea del Nord – NanoPress.it

Alcuni esperti affermano che il Nord, per la sua rara ammissione di un focolaio, potrebbe cercare aiuti esterni.  L’agenzia di stampa centrale coreana ufficiale ha affermato che i test sui campioni raccolti domenica, da un numero imprecisato di persone con febbre nella capitale, Pyongyang, hanno confermato che erano stati infettati dalla variante omicron.

In risposta, il leader Kim Jong Un, durante una riunione del Politburo, ha chiesto un blocco completo di città e contee e, ha affermato, che i luoghi di lavoro dovrebbero essere isolati per impedire la diffusione del virus. Kim ha esortato gli operatori sanitari a intensificare gli sforzi di disinfezione nei luoghi di lavoro e nelle case, e a mobilitare le scorte mediche di riserva.

Il Dittatore ha affermato che è fondamentale stabilizzare le trasmissioni, ed eliminare la fonte di infezione il più rapidamente possibile, riducendo al contempo i disagi al pubblico causati dai controlli del virus.

Kim ha insistito sul fatto che il paese supererà sicuramente quello che ha descritto come un‘epidemia inaspettata perché il suo governo e il suo popolo sono “uniti come uno”. La Corea del Nord, che continua a impiegare uno dei controlli alle frontiere più restrittivi al mondo, non ha fornito ulteriori dettagli sul suo blocco.

Manca da mangiare. Poche restrizioni per i lavoratori agricoli

Ma un fotografo dell’Associated Press, sul lato sudcoreano del confine, ha visto dozzine di persone che lavorano nei campi agricoli o che camminano sui marciapiedi in una città di confine nordcoreana. E questa è un’indicazione che il blocco non richiede alle persone di rimanere a casa o esenta il lavoro agricolo. Perché il Paese è allo stremo, e se si dovesse fermare anche la produzione agricola, anche se solo quella al confine, non ci sarebbe più quasi nulla da mangiare.

Quindi la Corea non sta confinando rigorosamente le persone nelle loro case, e si sta concentrando maggiormente sulla limitazione dei viaggi e delle forniture tra le regioni, per rallentare la diffusione del virus, ha affermato l’analista Cheong Seong.

Il governo del Nord ha evitato i vaccini offerti dal programma di distribuzione COVAX sostenuto dalle Nazioni Unite, probabilmente perché hanno requisiti di monitoraggio internazionale, e i nord coreani non vogliono diffondere i loro dati.

Il ministero dell’Unificazione della Corea del Sud, che si occupa degli affari intercoreani, ha affermato che il Sud è disposto a fornire assistenza medica e altri aiuti al Nord sulla base di considerazioni umanitarie.  Kim Sin-gon, professore al Korea University College of Medicine di Seoul, ha affermato che la Corea del Nord probabilmente sta segnalando la sua disponibilità a ricevere spedizioni di vaccini dall’esterno, ma vuole molte più dosi di quelle offerte dal COVAX, per inoculare più volte l’intera popolazione.

Ha affermato che la Corea del Nord vorrebbe anche i medicinali per il COVID-19, e le spedizioni di attrezzature mediche vietate dalle sanzioni delle Nazioni Unite. La variante omicron si diffonde molto più facilmente rispetto alle precedenti varianti del virus, e i suoi tassi di mortalità e ospedalizzazione sono elevati tra le persone anziane non vaccinate, o con problemi di salute esistenti.

Pyongyang, la capitale della Corea del Nord
Pyongyang, la capitale della Corea del Nord . NanoPress.it

Ciò significa che l’epidemia potrebbe causare “una situazione grave” perché la Corea del Nord non dispone di attrezzature mediche e medicine per curare i pazienti affetti da virus e, molti degli abitanti, non sono ben nutriti, ha detto Kim Sin-gon. Ahn Kyung-su, capo di DPRKHEALTH.ORG, un sito web incentrato sui problemi di salute in Corea del Nord, ha affermato che la Corea del Nord potrebbe volere una spedizione internazionale di pillole per il trattamento del COVID-19.

Ma ha detto che l’ammissione dell’epidemia da parte del Nord, è probabilmente progettata anche per spingere più forte la sua gente a proteggersi dal virus, poiché la Cina, che condivide un confine lungo e poroso con il Nord, ha messo molte città sotto blocco per problemi di virus.

Sparare a vista a chi attaversa i confini

All’inizio del 2020, prima che il coronavirus si diffondesse in tutto il mondo, la Corea del Nord ha adottato misure severe per tenere fuori il virus e, le ha descritte, come una questione di “esistenza nazionale”. traffico e commercio per due anni, e si ritiene addirittura che abbia ordinato alle truppe di sparare a vista a tutti i trasgressori che hanno attraversato i suoi confini.

Le chiusure estreme delle frontiere hanno ulteriormente scioccato un’economia già danneggiata da decenni di cattiva gestione e sanzioni guidate dagli Stati Uniti sulle sue armi nucleari e programma missilistico, spingendo Kim forse al momento più difficile del suo governo da quando ha preso il potere nel 2011.

La Corea del Nord è stata uno degli ultimi posti al mondo senza un caso riconosciuto di COVID-19, dopo che il virus è stato rilevato per la prima volta nella città cinese centrale di Wuhan alla fine del 2019 si è diffusa in tutti i continenti, compresa l’Antartide.

Il Turkmenistan, una nazione altrettanto riservata e autoritaria dell’Asia centrale, non ha segnalato casi all’Organizzazione mondiale della sanità su, sebbene la sua affermazione sia anche ampiamente messa in dubbio da esperti esterni.

Negli ultimi mesi, alcune nazioni insulari del Pacifico che hanno tenuto fuori il virus dal loro isolamento geografic,o hanno registrato focolai. Finora solo la piccola Tuvalu, con una popolazione di circa 12.000 abitanti, è sfuggita al virus, mentre poche altre nazioni – Nauru, Micronesia e Isole Marshall – hanno fermato i casi ai loro confini ed evitato focolai nella comunità.