Conflitto in Ucraina: in 3 mesi 4mila civili morti e 4mila e 600 feriti

Dall’inizio della guerra in Ucraina, innescata il 24 febbraio per ordine del presidente russo Vladimir Putin, circa 4.000 civili sono morti e più di 4.600 sono rimasti feriti.

Ucraina, una donna col fucile
Ucraina, una donna col fucile – NanoPress.it

Ucraina, i morti ‘civili’ salgono di numero

Questi sono i dati dell’ultimo bilancio aggiornato dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani. L’agenzia ha precisato che ad oggi è stata confermata la morte di 3.974 civili -1.497 uomini, 985 donne, 91 ragazze e 99 ragazzi, oltre a 69 minori e 1.233 adulti il cui sesso è ancora sconosciuto-, mentre 4.654 sono rimasti feriti – 938 uomini, 619 donne, 108 ragazze e 130 ragazzi, oltre a 164 minori e 2.695 adulti di sesso sconosciuto.

Guardando le regioni, nell’Ucraina orientale, a Donetsk e Lugansk, la guerra ha provocato 2.234 morti e 2.638 feriti. Allo stesso modo, nel territorio controllato dal governo ucraino sono stati registrati 2.106 morti e 2.111 feriti.

Inoltre, nel territorio controllato dalle truppe russe ci sono stati 128 morti e 527 feriti, mentre in altre città dell’Ucraina (che erano sotto il controllo del governo ucraino quando si sono verificate le vittime) a Kiev, Cherkassy, Chernigov, Kharkov, Kherson, Mikolaiv, Odessa, Sumy, Zaporizhia, Dnipropetrovsk, Poltava, Rivne, Vinnitsa e Yitomir, ci sono almeno 1.740 morti e 2.016 feriti.

Da parte sua, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) ha anche precisato che oltre 6,6 milioni di persone hanno lasciato l’Ucraina, con oltre 3,5 milioni di arrivi solo in territorio polacco e in altri paesi come Romania (972.000), Ungheria ( 655.000), Moldova (474.000) e Slovacchia (446.000).

L’agenzia, che non dispone di dati sulla successiva ridistribuzione di questi rifugiati, ha stimato questo mercoledì in 945.000 le persone che hanno attraversato il territorio russo, anche se le autorità di questo paese assicurano che la cifra reale supera 1,4 milioni.

Artisti russi discriminati, non è giusto

Oltre ai profughi, l’ONU stima che più di otto milioni di persone siano sfollate all’interno dell’Ucraina, cioè abbiano lasciato le loro case ma non siano partite per altri paesi. Stéphane Dujarric, il portavoce del segretario generale dell’Onu, António Guterres, ha anche indicato in una conferenza stampa che gli scontri continuano nelle province di Lugansk e Donetsk, oltre che a Kharkov e in altre parti dell’Ucraina, il che “genera preoccupazione per la protezione dei civili.

Civili scappano dall'Ucraina
Civili scappano dall’Ucraina – NanoPress.it

“I nostri partner umanitari avvertono anche che c’è una grave carenza di medicinali nel sud della provincia di Kherson. Il novanta per cento delle farmacie sono chiuse ed i prezzi sono aumentati tre o cinque volte”, ha avvertito. D’altra parte, un esperto di diritti umani delle Nazioni Unite ha avvertito mercoledì da Ginevra, che le molteplici violazioni dei diritti culturali in Ucraina avranno effetti devastanti nel dopoguerra.

Come in altri conflitti, stiamo attualmente assistendo allo sviluppo della sofferenza della popolazione in Ucraina, che sembra non finire e non possiamo fermarlo“, ha affermato la relatrice speciale per i diritti culturali dell’Onu, Alexandra Xanthaki. “La messa in discussione e la negazione dell’identità e della storia dell’Ucraina come giustificazione per la guerra, è una violazione del diritto degli ucraini all’autodeterminazione e dei loro diritti culturali”, ha aggiunto.

Ha anche sottolineato la “notevole perdita” e distruzione del patrimonio culturale, azioni che erodono “l’identità sia degli ucraini che delle minoranze all’interno dell’Ucraina” e influenzano “l’instaurazione di una pacifica società multiculturale”. Inoltre, ha espresso preoccupazione per i danni ai centri culturali, ai monumenti e ai musei nelle città ucraine.

Xanthaki ha anche elogiato il lavoro di molti professionisti della cultura in Ucraina che si sono dedicati alla protezione delle risorse del patrimonio a rischio durante la guerra e, ha anche espresso rammarico per l’esclusione “indiscriminata” degli artisti russi dagli eventi culturali in tutto il mondo.

“Sono rattristata per le numerose restrizioni imposte agli artisti russi come rappresaglia per le azioni del governo russo, così come per la deprogrammazione di opere d’arte a volte centenarie, di scrittori o compositori russi“, ha detto, aggiungendo che ci sono rapporti di musicisti e artisti russi a cui è stato impedito di esibirsi o partecipare a eventi e concorsi.