Con la fine di Johnson i populisti occidentali buttati giù dalla Storia

Boris Johnson, come Trump, la Lega e il Movimento Cinque Stelle, e altri vessilli del populismo perdono potere senza lasciare molto onore.

Donald Trump
Donald Trump – NanoPress.it

Volavano molto in alto. Ora, come Icaro, uno dopo l’altro, per arroganza, compiacimento, arroganza, inettitudine, per non aver ascoltato i consigli dei Magi, le loro precarie ali si sono sciolte e si sono schiantate nel mare che le sta inghiottendo. L’ultimo, Boris Johnson, grande cultore della cultura classica, di cui usò così poco l’alto sapere, abbandonandosi invece a bassi istinti populisti.

Prima di cadere Donald Trump era il simbolo dell’enorme shock nazional-populista del 2016

Prima di cadere, Donald Trump era il simbolo dell’enorme shock nazional-populista del 2016 —Brexit, conquista della Casa Bianca in quel momento— con epicentro nelle grandi nazioni anglosassoni. L’ex presidente Usa ora affronta l’imbarazzante ricostruzione, in commissione parlamentare, del suo atteggiamento nel triste episodio dell’assalto al Campidoglio dopo la sua sconfitta alle elezioni presidenziali del 2020.

Altri passeggeri di quell’età d’oro del populismo occidentale subiscono un destino simile. Matteo Salvini, leader della Lega, arrivato alla vicepresidenza del Governo e oltre il 30% delle intenzioni di voto, sta sguazzando in una fangosa caduta politica. I suoi compagni di avventura nell’Esecutivo iperpopulista formato in Italia nel 2018, come il Movimento Cinque Stelle, sono gravemente feriti e hanno appena subito una scissione.

Entrambi, segnati dal fuoco per sforzi quantomeno discutibili, per scandali, per dirigenti spesso impreparati. C’è dell’altro. In Austria, l’Fpö di estrema destra è stato espulso dal potere dopo uno scandalo che ha rivelato le torbidità della sua leadership —a peggiorare le cose, in termini di relazioni con la Russia—. In Slovenia, gli elettori hanno gettato nel mare politico il nazional-populista Janez Jansa.

I portabandiera del populismo occidentale si sentono molto male per l’avvicinarsi al sole del potere. Ognuno ha la sua storia, ma generalmente le loro ali non ce la fanno: tendono a essere inefficaci nella gestione, molto inclini agli scandali. In questo contesto, è significativo notare che, a differenza dei casi precedenti, Marine Le Pen è riuscita a evitare questa grande sbornia e ad ottenere risultati non vittoriosi ma convincenti nelle recenti elezioni presidenziali e legislative.

È chiaro, tuttavia, che le forze populiste sono ancora in agguato

Forse è perché nessuno ha saputo giudicarla nell’azione del governo. Forse, dopo essere passato al potere, si sarebbe schiantato anche lui in mare.L’accumulo di casi è sufficiente per tracciare una tendenza. È probabile che, dopo l’estate, il Brasile confermerà la dinamica con la sconfitta di Jair Bolsonaro alle elezioni presidenziali. Ma sarebbe un grosso errore ritenerlo univoco, irreversibile. Le democrazie liberali occidentali hanno ora l’opportunità di gestire efficacemente, con moderazione, adesione ai valori fondamentali, un periodo di massima complessità.

Boris Johnson
Boris Johnson – NanoPress.it

È chiaro, tuttavia, che le forze populiste sono ancora in agguato e trarranno abilmente vantaggio dai fallimenti degli altri per risorgere dalle ceneri. Sanno già fare le ali con piume e cera, conoscono già la tattica per decollare. Questo tempo veloce, superficiale, interconnesso è l’ideale per loro, per quella leggerezza insostenibile. Sembra invece ontologicamente ostile alla riflessione, alla serietà, al pronunciare verità scomode.

Il Partito conservatore britannico – noto come una monarchia assoluta moderata dalla Regina – ha compiuto un’operazione necessaria per il proprio Paese e per il proprio futuro. L’accumulo di scandali e debolezze era insostenibile. Non sappiamo quanto di quell’azione risponda a criteri morali, quanto a meri calcoli di potere. In ogni caso, è stata un’azione corretta, e si spera che il Partito Repubblicano degli Stati Uniti proceda a fare lo stesso e finalmente si liberi dello spettro di Trump.

È essenziale che i tradizionali partiti conservatori che sono stati fatti deragliare in una deriva nazional-populista, riorientino le loro traiettorie verso orbite più moderate. La soluzione alla sfida dell’estrema destra è non abbracciarne la tesi. Questo è molto negativo per le democrazie, che hanno forse il loro rischio principale in questo fenomeno. La gloria del volo è molto breve. L’impatto contro l’aria viene dopo, e vediamo come si torna da lì.