Colombia: militari a processo per crimini di guerra e contro l’umanità

In Colombia gli agenti statali hanno utilizzato un “kit di legalizzazione”, per coprire l’omicidio di innocenti spacciati per guerriglieri, comprese donne, anziani e persone con disabilità.

Iván Duque
Iván Duque – NanoPress.it

Come organizzazione criminale che ha pianificato, eseguito e insabbiato l’omicidio di persone innocenti per presentarle come “vittime in combattimento” da parte di agenti statali. Così ha funzionato l’alleanza tra membri della XVI Brigata dell’Esercito, l’ex Dipartimento Amministrativo della Sicurezza (DAS) e civili ‘terzi’ che hanno partecipato all’omicidio di 303 vittime dei cosiddetti “falsi positivi” a Casanare, nella Colombia orientale.

La Colombia sotto l’occhio del ciclone

La giurisdizione speciale per la pace ha accusato crimini di guerra e crimini contro l’umanità a 22 membri dell’esercito, l’ex direttore di sezione dell’ex DAS in quel dipartimento e due civili presumibilmente coinvolti in crimini di questa natura commessi tra il 2005 e il 2008. Le vittime, tra cui donne, anziani e persone con disabilità, erano munite di armi, munizioni e indumenti falsi per farle passare per presunti guerriglieri o criminali uccisi negli scontri con la Forza Pubblica. Le persone coinvolte gli hanno dato il nome di “kit di legalizzazione”.

“Tra i reati documentati ci sono vittime uccise in una situazione di totale indifesa. I reclutatori li hanno incoraggiati a bere alcolici o ad assumere droghe. Sono stati selezionati anche profili specifici, come anziani, persone con deficit cognitivi o persone in cerca di opportunità”, ha spiegato il JEP. “In queste circostanze, non c’è stata resistenza da parte delle vittime che sono state portate sul luogo dell’esecuzione.

La Camera ha anche riscontrato pratiche di estrema violenza che riflettono situazioni di maltrattamento prima degli omicidi”, ha aggiunto il giudice Óscar Parra. La maggior parte delle persone uccise erano uomini di età compresa tra i 18 e i 25 anni. Tuttavia, compaiono anche nove donne, una delle quali incinta, due prostitute e un giovane con un diverso orientamento sessuale. “Non si trattava di atti isolati o spontanei.

Vi sono state forme specifiche di violenza e crudeltà, dovute a particolari situazioni di vulnerabilità e pregiudizio sociale che le hanno rese bersaglio di reati”, ha affermato Parra, relatore del caso. Per la prima volta, il PEC denuncia il crimine contro l’umanità di persecuzione per motivi di genere, nonché il crimine di guerra di aver utilizzato bambini e adolescenti per coinvolgere minori di 18 anni come reclutatori o incaricati di partecipare all’inganno che ha portato alla morte di alcune vittime.

Così operava l’alleanza a Casanare “Nella XVI Brigata si è insediata una complessa organizzazione criminale che ha utilizzato l’architettura istituzionale dell’Esercito per presentare omicidi e sparizioni forzate come vittime in combattimento a Casanare”, indica la Giurisdizione Speciale per la Pace. I falsi risultati aumentarono sotto il comando del maggiore generale in pensione Henry William Torres, uno degli imputati. Questa organizzazione ha funzionato sotto forma di una rete con sotto-organizzazioni e un sistema di ruoli basato sulla specialità dell’esercito.

“Per raggiungere questo obiettivo, hanno utilizzato la struttura, le funzioni, le risorse e le dipendenze dell’unità militare e, nel caso di Casanare, anche del defunto DAS che utilizzava gruppi speciali come strumenti”, si legge nel comunicato del JEP. “I membri dell’ex DAS hanno partecipato alla produzione di informazioni di intelligence per dare parvenza di legalità alle azioni e allo svolgimento degli eventi. In diversi casi hanno persino ucciso le vittime”, aggiunge il documento. I presunti estorsionisti, ad esempio, sono stati presentati come vittime di combattimento.

32.000 dollari, provenienti da risorse pubbliche, sono stati utilizzati per finanziare azioni criminali

La DAS, un’agenzia statale responsabile dell’intelligence e del controspionaggio in Colombia, è stata soppressa nel 2011. L’insabbiamento degli omicidi contemplava una serie di strategie individuate dal tribunale: i documenti operativi venivano preparati dopo i fatti e contenevano informazioni che davano loro un mantello di legalità, le vittime venivano denunciate come non identificate per ostacolare l’azione penale, i corpi venivano trasferiti dai militari senza la presenza della polizia giudiziaria, e le vittime erano dotate di armi, munizioni e vestiti per farle passare per combattenti.

Gustavo Petro
Gustavo Petro – NanoPress.it

Era il cosiddetto “kit di legalizzazione”. Secondo il JEP, ci sono state due politiche che hanno portato alla configurazione di questo modello criminale. Uno di questi era “la volontà di annientare la popolazione stigmatizzata o le persone smobilitate in fase di reinserimento per presunti legami con gruppi di ribelli o criminalità”. Il secondo consisteva in un sistema di pressioni e incentivi.

“Tra gli altri, i membri della XVI Brigata hanno ricevuto permessi, pasti speciali, piani per le vacanze, corsi di formazione all’estero o il trasferimento al Battaglione Colombia n. 3 nel Sinai e il riconoscimento di avere le condizioni necessarie per la promozione”. Minacce sono state presentate anche a coloro che si sono rifiutati di partecipare a questi crimini. Inoltre, è stato possibile rilevare che oltre 140 milioni di pesos (circa 32.000 dollari), provenienti da risorse pubbliche, sono stati utilizzati per finanziare azioni criminali.

Queste risorse, originariamente orientate alla lotta contro le estorsioni e contro i rapimenti dei Gaula (Gruppi di azione unificati per la libertà personale), “erano destinate a finanziare i reclutatori, dare loro soldi per il loro sfollamento e acquistare armi per impiantare le vittime”. L’omicidio delle 303 persone è avvenuto in 218 eventi a Casanare, alcuni comuni di Boyacá, Meta ea Tame (Arauca), nell’est del Paese.

Questi crimini costituivano quasi due terzi dei risultati riferiti da quell’unità militare all’epoca dei fatti, al termine della prima presidenza di Álvaro Uribe Vélez e metà del suo secondo mandato. “A causa della scomparsa e della morte dei loro cari, le vittime hanno subito danni morali, psicologici e fisici. Soffrivano di depressione, ansia, allucinazioni con i loro parenti e persino intenzioni suicide “, ha affermato il giudice Belkis Izquierdo.

I delitti hanno provocato anche la disgregazione dei nuclei familiari e lo spostamento di tutti o alcuni dei suoi componenti. Stigmatizzazione, re-vittimizzazione e minacce sono altre conseguenze invisibili dei “falsi positivi”.