Codice della Strada, scatta l’obbligo: tempesta di multe in tutta Italia | C’è la scadenza

Con lo scattare della primavera, è entrata in vigore una nuova normativa del Codice della Strada e che, se non rispettata, rischia di farci incappare in multe salatissime.

REVE iscrizioni
Codice della strada, REVE – Nanopress.it

Stiamo parlando del REVE la nuova legge introdotta ufficialmente il 23 dicembre del 2021 ma che, come detto, diventa obbligatoria da rispettare dal 21 marzo di quest’anno. Quest’ultima, nello specifico, prevede una modifica nell’utilizzo dei veicoli.

Nuovo regolamento del Codice della Strada

Oggi, dunque, andremo a vedere nello specifico cosa dovremo modificare per evitare di ricevere qualche sanzione. Come detto, quindi, con il REVE entrato in vigore sarà necessario iscrivere al Pubblico Registro dei veicoli esteri tutte le autovetture, i motoveicoli e i rimorchi immatricolati all’estero.

Codice della Strada
Targa Estera- Nanopress.it

Questa nuova disposizione, ovviamente, toccherà sia i cittadini italiani che gli stranieri residenti nel nostro paese e che stanno attualmente utilizzando un veicolo intestato a persone con sede o residenza fuori dall’Italia.

Fra l’altro l’obbligo di registrazione sarà a carico di chi utilizza l’auto, e quindi non dell’intestatario. Non solo però, gli stranieri che attualmente sono residenti in Italia e che hanno immatricolato all’estero la loro vettura, dovranno ripetere la procedura nel nostro paese.

Codice della Strada
Targa Svizzera- Nanopress.it

Le due categorie escluse dal provvedimento

Fra l’altro ci sarà anche un tempo limite in cui effettuare l’operazione, quest’ultimi, infatti, dovranno necessariamente adattarsi al nuovo regolamento entro tre mesi dall’ottenimento della residenza.

Gli stranieri residenti all’estero, invece, potranno circolare in Italia con veicoli con targa estera per solamente un anno, dopo di che potrebbero scattare delle sanzioni. Novità, inoltre, anche per chi circolerà con un mezzo a noleggio.

Dovremo avere sempre con noi, infatti, in questo caso un documento che specifici la durata del noleggio ed i motivi per il quale ci è stato affidato il veicolo. Il tutto, inoltre, dovrà essere accompagnato da una firma dell’intestatario del mezzo.

Codice della Strada
Targa automobile- Nanopress.it

Non saranno esenti da novità neanche i mezzi di proprietà dei frontalieri. Per chi non lo sapesse quest’ultimi fanno riferimento ai lavoratori di aziende che risiedono in paesi limitrofi all’Italia.

Dunque anche loro dovranno registrare il veicolo a loro spese entro 60 giorni dall’acquisizione del mezzo.

Gli unici ad essere esclusi dagli obblighi del REVE, quindi, sono coloro fanno parte del personale civile e militare e che svolgono servizio regolarmente all’estero. Ricordiamo, quindi, che se non rientrate in quest’ultime due categorie dovrete necessariamente attenervi al nuovo regolamento per evitare di andare incontro a delle sanzioni.