Clarissa Marchese: 'Fausto Brizzi si scusi e si faccia curare'

Miss Italia Clarissa Marchese nel suo viaggio negli Stati Uniti

Miss Italia Clarissa Marchese nel suo viaggio negli Stati Uniti

Clarissa Marchese torna a parlare delle presunte molestie di Fausto Brizzi: ‘Deve chiedere scusa e farsi curare’, dice l’ex Miss Italia 2014, una delle prime a denunciare a Le Iene e a farlo con volto scoperto. Marchese spiega che le azioni del regista – definite ‘molestie pesanti’ – hanno sporcato i suoi sogni di diventare attrice, e che dopo un passato in tv a Uomini e donne, oggi si limita a fare l’influencer.

Quel giorno io ho perso un provino, ma c’è chi ha perso molto di più’: Clarissa Marchese spiega perché ha deciso di denunciare le molestie: intervistata da Repubblica, l’influencer ricorda che tra i suoi 800.000 followers ci sono ragazzine giovani che sognano la tv e il cinema e che potrebbero ‘piegarsi’ per avere successo.

Marchese: ‘La trasformazione di Brizzi’

Al quotidiano, l’aspirante attrice racconta la trasformazione di Brizzi nel corso di una giornata.

La ex Miss Italia 2014 ricorda di aver fatto un provino con Brizzi in cui il regista le chiese di spogliarsi perché ‘per farmi lavorare doveva fidarsi di me’, e spiega che quell’esperienza le ha impedito di lavorare nel cinema perché il suo sogno si è sporcato.

Tornata dall’America in Italia per raccontare la sua storia, Marchese spiega che inizialmente il regista fu gentilissimo e disponibile, tanto che ne fu lusingata.

Dopo una giornata passata a comportarsi in maniera impeccabile e a spiegarle un sacco di cose, ad un certo punto Brizzi le disse un secco ‘Spogliati‘, frase da cui Marchese si è sentita brutalizzata.

Quando la ragazza gli chiese il perché, il regista rispose che Marchese, per il suo fisico, era destinata a ruoli sexy, e che quindi doveva potersi fidare di lei.

LEGGI: Le Iene, Clarissa Marchese vittima del Weinstein italiano: ‘Ho avuto a che fare con questo viscido’

Marchese: ‘Non denunciai le molestie per paura di non essere creduta’

Dopo i miei rifiuti si fermò tornando quello di prima’, ricorda la Marchese, che però, il giorno dopo si trovò di fronte alla stessa scena.

Marchese tiene a precisare che con Brizzi ‘non ci fu violenza sessuale’, però l’esperienza la umiliò e la offese, anche se scelse di non denunciare pensando che nessuno l’avrebbe creduta o minimizzata perché ‘in fondo mica ti ha aggredita’.

Parole di Fulvia Leopardi

Fulvia Leopardi è stata collaboratrice di Nanopress dal 2014 al 2018, occupandosi principalmente di temi relativi all'ambito dello spettacolo, della televisione, della cultura.

Da non perdere