Cina: le esercitazioni militari intorno a Taiwan saranno “regolari”

La Cina ha mantenuto questa domenica la pressione su Taiwan con il quarto giorno di manovre militari intorno all’isola autogovernata.

Xi Jinping
Xi Jinping – NanoPress.it

La televisione di stato cinese e un giornale ufficiale hanno riferito che d’ora in poi gli esercizi della seconda potenza militare intorno al territorio di 23 milioni di abitanti saranno “regolari”. Inoltre, l’Amministrazione per la sicurezza marittima cinese ha annunciato che l’Esercito popolare di liberazione (PLA, le Forze armate) ha iniziato sabato nuove manovre nel Mar Giallo e nel Mar di Bohai, tra il nord-est della Cina e la penisola coreana.

La Cina non ‘molla’ la presa su Taiwan

La Cina ha annunciato a metà settimana che le manovre iniziate giovedì in risposta alla visita a Taiwan di Nancy Pelosi, presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, proseguiranno fino a questa domenica. Tuttavia, né Pechino né Taipei hanno confermato di aver concluso.

Dato l’aumento della minaccia militare cinese dopo il viaggio di Pelosi, la terza autorità degli Stati Uniti, l’esercito taiwanese ha riferito che effettuerà due test di artiglieria a fuoco vivo la prossima settimana, secondo il quotidiano di Hong Kong South China Morning Post. . L’82enne parlamentare ha trascorso 19 ore a Taipei durante il suo tour nell’Asia-Pacifico, facendo orecchie da mercante agli avvertimenti contro il presidente Xi Jinping e persino quelli della Casa Bianca e del Pentagono.

La rabbia delle autorità cinesi è dovuta al fatto che il colosso asiatico considera l’isola parte del suo territorio e, quindi, percepiscono la visita come una “palese provocazione” che “altera lo status quo”. Oltre a esercitazioni di guerra senza precedenti nella regione, la seconda potenza economica mondiale ha risposto alla visita congelando la cooperazione con gli Stati Uniti su questioni chiave e sanzionando Pelosi e i suoi parenti stretti.

Il ministero della Difesa taiwanese ha denunciato che questa domenica l’EPL ha ancora una volta “messo pressione” in prossimità della linea di demarcazione mediana dello Stretto di Formosa, confine non ufficiale, ma che fino ad ora era tacitamente rispettato. Secondo una dichiarazione, diversi gruppi di navi militari cinesi, aerei e droni hanno simulato nuovamente “un attacco contro l’isola di Taiwan e contro l’esercito in mare“, mentre altri combattenti hanno “infestato” le isole minori controllate da Taipei. In risposta, le forze armate taiwanesi hanno schierato aerei e navi per “reagire in modo appropriato” e “monitorare da vicino la situazione”.

Il governo taiwanese assicura che, solo questa domenica, fino a 66 aerei – di cui 22 entrati nello spazio aereo – e 14 navi cinesi hanno partecipato alle manovre intorno all’isola. Una fonte citata dall’agenzia Reuters afferma che questa mattina circa 10 navi da guerra cinesi e taiwanesi hanno navigato molto vicine l’una all’altra, scommettendo su quella che sembrava una partita a scacchi in alto mare: quando le navi cinesi hanno cercato di attraversare la linea di demarcazione, il I taiwanesi si sono messi in mezzo e li hanno costretti ad andarsene, finché non hanno avuto altra scelta che voltarsi.

Secondo il quotidiano cinese Global Times, di proprietà del Partito Comunista Cinese (PCC) la visita di Pelosi “ha cambiato per sempre lo status quo sull’isola”

Nonostante le crescenti tensioni, l’aeroporto internazionale di Taoyuan ha riferito che tutte le rotte aeree dovrebbero tornare alla normalità lunedì, e la maggior parte dovrebbe tornare questa domenica. Da quando le esercitazioni sono iniziate giovedì scorso, 300 voli hanno dovuto deviare per evitare le aree intorno a Taiwan dove si sono svolte le manovre. In questi quattro giorni sono stati cancellati più di 200 voli internazionali e circa 900 sono stati colpiti.

Nancy Pelosi
Nancy Pelosi – Nanopress.it

Secondo il quotidiano cinese Global Times, di proprietà del Partito Comunista Cinese (PCC) e fortemente nazionalista, dopo che la visita di Pelosi “ha cambiato per sempre lo status quo sull’isola”, le esercitazioni saranno più frequenti al largo. costituiscono una “prova delle operazioni di riunificazione”. Uno dei principali analisti militari cinesi ha commentato questa domenica alla televisione di stato che d’ora in poi il PLA effettuerà manovre “regolari” intorno all’isola autogovernata.

Oltre ai test in sette aree dello Stretto di Formosa, sabato le autorità marittime del colosso asiatico hanno annunciato nuove esercitazioni nelle acque al largo del nord-est del Paese, vicino alla penisola coreana. Le esercitazioni nel Mar di Bohai inizieranno lunedì e dureranno fino all’8 settembre, mentre quelle nel Mar Giallo sono iniziate questa domenica e termineranno il 15 agosto. L’amministrazione cinese per la sicurezza marittima ha emesso un’allerta per il trasporto marittimo e ha aperto l’accesso esclusivamente alle navi militari.

Di fronte alle crescenti minacce di Pechino, le forze armate taiwanesi effettueranno due esercitazioni di artiglieria su larga scala con fuoco vivo il prossimo martedì e giovedì con l’obiettivo di testare la loro prontezza al combattimento, secondo il South China Morning Post. Le prove si svolgeranno, secondo questo media, a Fenggang, nella contea meridionale di Pingtung, dove sono di stanza le truppe di fanteria. Il primo ministro taiwanese, Su Tseng-chang, ha definito “arroganti” le esercitazioni dell’esercito cinese e ha criticato la reazione del colosso asiatico, che secondo lui “turberebbe la pace” nella regione.