Chi è Luca Lotti, ministro dello Sport del nuovo governo Gentiloni

Luca Lotti


Luca Lotti è il ministro dello Sport del nuovo governo Gentiloni. Un incarico arrivato un po’ a sorpresa. Non perché qualcuno avesse dubbi sulla sua permanenza nell’esecutivo: stiamo infatti parlando di uno degli amici più intimi e fidati di Matteo Renzi, nonché uno dei più influenti appartenenti al cosiddetto Giglio Magico, la cerchia dei fedelissimi dell’ex premier.

Si dava però per scontato che Lotti sarebbe stato confermato come sottosegretario alla presidenza del Consiglio con in più l’importante delega ai servizi segreti. Alla fine si occuperà di sport, e non è una scelta a caso visto che di sport e calcio è appassionato e si è già mostrato attivo nel settore.

Chi è Luca Lotti? Nato a Empoli il 20 giugno 1982, si è diplomato al liceo scientifico e laureato in scienze dell’Amministrazione a Firenze. Con Renzi è stata simpatia a prima vista. Si sono conosciuti nel dicembre del 2005 alla Fiera della ceramica di Montelupo. Renzi era presidente della provincia di Firenze, Lotti consigliere comunale 23enne, militante di Azione Cattolica e con la tessera della Margherita in tasca.

A luglio del 2006 Lotti è entrato nello staff di Renzi, a ottobre è stato già nominato capo. Nonostante, come ha rivelato in seguito lo stesso Lotti, a quei tempi non capisse nulla di politica: “Mai avrei immaginato che nella testa di Matteo ci fosse un percorso simile a quello che abbiamo visto in questi anni. A Matteo però non importava che capissi poco di politica, a lui andava bene così, cercava qualcuno che in un certo senso fosse estraneo a questo mondo. E se ricordo bene, durante il colloquio, mi fece più domande di sport che di politica”.

Con gli anni è diventato il braccio destro di Renzi, che lo ha scelto come membro della segreteria nazionale del Pd, con il ruolo di responsabile nazionale dell’organizzazione e coordinatore nazionale della segreteria. Il 28 febbraio 2014, durante il Governo Renzi, per l’uomo che non capiva niente di politica (e deputato dal 2013) è arrivato il prestigioso incarico di sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all’informazione e comunicazione e all’editoria.

Il 12 dicembre è entrato nell’esecutivo di Gentiloni. Si occuperà di sport, quindi, sua passione. Negli ultimi mesi è stato attivo in questo mondo, proponendo iniziative e rimanendo in contatto con Coni, Figc e le varie federazioni, occupandosi di alcuni problemi come stadi e sicurezza. Ha appoggiato le Olimpiadi Roma 2024, conquistando così la stima del presidente del Coni Giovanni Malagò. Il quale ha gradito la sua nomina a ministro: “Siamo contenti che abbia preso la delega allo sport, perché in questi anni ci ha sempre seguito e che ha avuto molta attenzione e sensibilità nei confronti del nostro mondo. Era la nostra speranza che ci fosse continuità visti i molti progetti che abbiamo in piedi. Il mondo dello sport è molto grato a quello che ha fatto in questi anni, il mio è un giudizio molto obiettivo”.

I MINISTRI DEL GOVERNO DI PAOLO GENTILONIEsteri: Alfano Interno: Minniti Lavoro: PolettiEconomia: Padoan Difesa: Pinotti Giustizia: OrlandoCultura: Franceschini Salute: Lorenzin Istruzione: FedeliSviluppo Economico: Calenda Agricoltura: Martina Trasporti: DelrioAmbiente: Galletti Rapp. col Parlamento: Finocchiaro Affari regionali: CostaSemplificazione: Madia Mezzogiorno: De Vincenti Sport: Lotti Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio: Boschi

Parole di Francesco Minardi

Francesco Minardi è stata collaboratore di Nanopress dal 2016 al 2018, occupandosi principalmente di cronaca e politica interna ed estera,

Da non perdere