Cheney definisce Trump la più grande minaccia per gli Stati Uniti

“E’ un codardo”: in un video della campagna elettorale per sua figlia Liz, il repubblicano ed ex vicepresidente degli Stati Uniti Dick Cheney ha saldato i conti con Donald Trump.

Dick Cheney
Dick Cheney – NanoPress.it

Durante il suo mandato come vicepresidente degli Stati Uniti dal 2001 al 2009, Dick Cheney era considerato un intransigente. In qualità di vice del presidente repubblicano George W. Bush, è stato una delle figure centrali dell’invasione americana dell’Iraq nel 2003. Ora l’81enne si scaglia contro il suo collega di partito Donald Trump.

Cheney: “Trump è la più grande minaccia della storia della nostra repubblica”

“Nei 246 anni di storia della nostra nazione, non c’è mai stata una persona che rappresenti una minaccia più grande per la nostra repubblica di Donald Trump”, ha detto in un video della campagna di un minuto per sua figlia, Liz Cheney.

Liz Cheney è vicepresidente della commissione investigativa sull’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021. Quel giorno, dopo un discorso infiammatorio dell’allora presidente, i sostenitori di Trump cercarono di impedire al Congresso di proclamare ufficialmente il democratico Joe Biden vincitore di spiegate le elezioni di novembre 2020.

Fino ad oggi, Trump sostiene l’affermazione a lungo smentita di essere stato privato della vittoria per frode.»Un vero uomo non mentirebbe ai suoi sostenitori« “Ha cercato di rubare le ultime elezioni con bugie e violenza per rimanere al potere dopo che gli elettori lo hanno respinto”, dice Dick Cheney nel video: “È un codardo. Un vero uomo non mentirebbe ai suoi sostenitori”.

Trump
Donald Trump, ex presidente U.S.A. – Nanopress.it

Trump e la maggior parte degli altri repubblicani sanno che ha perso le elezioni. Liz Cheney è una delle critiche di Trump di più alto profilo tra i repubblicani. Nelle primarie nel suo stato del Wyoming il 16 agosto, è stata minacciata che il suo partito non la nominerà più per le elezioni del Congresso di novembre.

Trump ha chiesto l’elezione di un concorrente. Dick Cheney ha lo stesso video che segue: “assicurata che Donald Trump non si trasferisse mai più nello Studio Ovale”. Liz Cheney ha detto alla Galileus Web giovedì sera che Trump era colpevole della “più grave violazione del dovere da parte di un presidente nella storia del nostro paese”.

Tutto questo scontro avviene quando la nazione si sta preparando alle elezioni di medio termine, che avvengono due anni dopo l’elezione del Presidente degli Stati Uniti. I due partiti che si contendono il potere, democratici e repubblicani, cercheranno di avere la maggioranza nelle due camere. Ma in questa competizione, c’è anche la lotta interna al partito conservatore tra radicali e moderati, per prendere il potere.