Caserta, massacra meccanico: arrestato fratello del pentito

Fermato dai Carabinieri, Salvatore Buttone, 45 anni, pregiudicato di Marcianise, che ha massacrato il meccanico di Caserta, poi finito in ospedale, riscontrando una ferita alla fronte che è stata curata dai medici dell’ospedale in cui è stato condotto dopo la feroce aggressione. 

Polizia
Polizia italiana – Nanopress.it

I Carabinieri hanno fermato Salvatore Buttone, pregiudicato di Marcianise, Caserta, di anni 45, per l’aggressione al titolare d’officina, massacrato con una mazza da baseball. L’uomo è fratello di un pentito. Alla base dell’aggressione, pare ci sia un regolamento di conti, che le forze dell’ordine dovranno chiarire. Gli agenti, inoltre, stanno ricostruendo anche l’esatta dinamica dell’incidente: pare che l’uomo si sia diretto nell’officina, con fare minaccioso, per poi colpire più volte la vittima, con una mazza da baseball, tramortendola al suolo. L’arma è stata, poi, sequestrata dai Carabinieri ai fini delle indagini. L’uomo è accusato di stalking e tentato omicidio.

Caserta, aggredisce meccanico, massacrandolo con mazza da baseball: fermato pregiudicato

Salvatore Buttone, 45 anni, è stato fermato per l’aggressione del proprietario di un’officina, sita nel quartiere Loriano, colpito alla testa dal pregiudicato – fratello di un pentito, Claudio – che lo ha massacrato con una mazza da baseball. Sull’uomo ora vertono due accuse: stalking e tentato omicidio.

Secondo gli inquirenti, sarebbe lui la persona che ha pestato il meccanico che, per le gravi ferite, è stato trasportato in ospedale: nonostante la feroce aggressione, l’uomo non è in pericolo di vita. L’uomo è stato subito sottoposto a cure all’Ospedale di Marcianise, dove è stata riscontrata una ferita alla fronte. Il fermato, invece, è stato condotto al carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Polizia
Polizia – Nanopress.it

Il movente dell’aggressione

Le forze dell’ordine devono chiarire il movente dell’aggressione ai danni del proprietario dell’officina. Pertanto, sarà da delineare – nello specifico – l’esatta dinamica dei fatti. Pare che, secondo una prima ricostruzione dei fatti, l’uomo avesse un conto in sospeso con il meccanico.

Per questo, avrebbe fatto irruzione nella sua officina, per poi aggredirlo con la mazza da baseball, colpendolo più volte e lasciandolo a terra, coperto di sangue, per poi venir soccorso e portato nella struttura ospedaliera di Marcianise. L’uomo, infatti, si è recato nell’officina, aggredendolo con fare minaccioso per regolare i conti in base alle sue motivazioni. Secondo quanto hanno comunicato i medici, all’uomo è stata riscontrata una “ferita lacero contusa regione frontale”.

La mazza da baseball, con la quale l’uomo ha colpito il meccanico, è stata posto a sequestro da parte dei Carabinieri ai fini delle indagini.