Caro Quintero, il re del Cartello di Guadalajara, forse estradato negli USA

A 69 anni, Caro Quintero è il più anziano capo di traffico di sostanze stupefacenti che sia mai esistito al mondo. Ora è stato nuovamente arrestato.

Caro Quintero
Caro Quintero – NanoPress.it

Prima dei 30 anni era milionario grazie alla sua capacità di produrre in serie, una varietà della pianta senza semi che piaceva ai consumatori e aveva bisogno di meno spazio per nascondersi- “Perché sorridi così tanto?” La vita ti ha trattato bene? “Sì, mi ha trattato bene perché sono vivo. È così che Rafael Caro Quintero ha risposto a un giornalista il giorno in cui nel 1985 è entrato per la prima volta in prigione.

Caro Quintero, l’imprenditore della droga che aveva 4mila dipendenti

Era appena stato beccato con la sua ragazza in Costa Rica, aveva 33 anni ed era il più grande spacciatore di marijuana del mondo. Venerdì è stato nuovamente arrestato a Sinaloa, a 150 chilometri dalla città in cui è nato e da dove guidava un piccolo esercito che semina il terrore nel nord di Sonora. In un mondo di signori della droga, aver raggiunto i 33 anni da vivo era già un lusso, ma seguirlo a 69 anni è un privilegio premiato con un pensionamento in libertà.

Tuttavia, Caro Quintero ha risposto a quella stessa libertà della favola dello scorpione e della tartaruga: lo spaccio di droga. Nato nel 1952 nel comune di Badiraguato, Sinaloa, patria di narcotrafficanti come Joaquín El Chapo Guzmán ed Ernesto Fonseca, Don Neto, la sua vita aggiunge in egual misura capacità imprenditoriali, amore e violenza che lo hanno portato ai vertici del narcotraffico in un tempo record.

Se ci fosse un ritratto robotico dei grandi signori della droga degli anni ’80 in Messico, Caro Quintero sarebbe un buon esempio. Figlio di una coppia di contadini che ebbe 10 figli, nipote di Lamberto Quintero e cugino di Amado Carrillo Fuentes, Il Signore dei Cieli, noto per la sua capacità di portare piccoli aerei negli Stati Uniti, Caro Quintero sapeva a malapena leggere e scrivere quando ha iniziato l’attività, ma il suo acume per gli affari lo ha reso ricco grazie alla marijuana in pochi anni.

Prima di compiere 30 anni, ha costruito un centro di produzione di droga di 600 ettari, il più grande mai visto, e ha pagato polizia, militari, politici e giudici di tutto il paese. Caro Quintero ha rivoluzionato il mondo della marijuana quando è riuscito a riprodurre in maniera massiccia piante femminili, prive di semi, che occupavano anche meno spazio. 4.000 contadini lavoravano nella sua fattoria a El Búfalo e ogni giorno partivano camion carichi di marijuana, grazie al sofisticato sistema di irrigazione e alla costruzione delle prime serre in tutto il Messico.

La marijuana di Caro Quintero non era solo la preferita dai consumatori, ma portava anche più camion e aerei di chiunque altro negli Stati Uniti. A quel tempo, El Chapo Guzmán era solo un sicario del cartello che Caro Quintero guidava insieme a Don Neto e Félix Gallardo. Uno ha prodotto erba a distanza ravvicinata, un altro ha introdotto la cocaina colombiana e un altro ha coordinato le strategie per spostare camion e aerei negli Stati Uniti. Insieme erano il cartello di Guadalajara, divenuto poi il cartello di Sinaloa, il più potente del paese fino a pochi anni fa, con l’emergere di Jalisco Nueva Generación.

Un giorno, nel novembre del 1984, centinaia di soldati si presentarono sul posto, arrestarono tutti i lavoratori e bruciarono le 8.000 tonnellate di marijuana che trovarono, in quello che rimane fino ad oggi il più grande sequestro di droga in un unico luogo. La prova definitiva per localizzare il campo è stata una foto dell’area dell’enorme campo, che ha costretto il Messico ad agire di fronte alle pressioni degli Stati Uniti.

A 33 anni era già ricercato in tutto il mondo

Dopo il colpo di stato, Caro Quintero giurò vendetta e tre mesi dopo uccise Kiki Camarena Salazar, un agente della DEA che era riuscito a infiltrarsi nella fattoria, e il pilota dell’aereo. Ma non lo ha fatto in una maniera veloce: li ha torturati per settimane mentre un medico li ha tenuti in vita a tutti i costi perché il suo capo li potesse torturare più a lungo. La DEA da allora ha giurato vendetta.

Manuel López Obrador
Manuel López Obrador . NanoPress.it

Erano i tempi in cui i trafficanti di droga andavano nei bar, si vantavano dei loro soldi nei locali notturni, chiudevano bordelli o scattavano foto con ministri e governatori, dove apparivano come uomini d’affari di successo provenienti dalle campagne. In uno dei bar, Caro Quintero, un ragazzo bello e seducente dai modi contadini, che aveva appena finito le scuole elementari, ha incontrato Sara Cosío Vidaurri, una ragazza di 17 anni dell’alta e conservatrice società guadalajara, nipote dell’ex governatore di Jalisco, Guillermo Cosio Vidaurri.

Con la DEA alle calcagna, è fuggito con lei in Costa Rica. La famiglia ha denunciato che era stata rapita e la telenovela della sua fuga è stata seguita sia sulle riviste di gossip che sui giornali. Il giorno in cui la giovane ha chiamato i suoi genitori per dire che stava bene, la chiamata è stata intercettata. Quando la polizia entrò nella casa dei Bonnie e Clyde di Sinaloa, lei disse loro: “Non sono stata rapita, sono innamorata“, dicono le cronache dell’epoca.

Dopo aver trascorso 28 anni in cinque diverse carceri, Caro Quintero ha ottenuto la libertà nel 2013 con un trucco legale. Un giudice ha deciso che non avrebbe dovuto essere processato in un tribunale federale, ma da uno del suo villaggio, e lo ha rilasciato abbastanza a lungo da permettergli di scappare. Così, all’età di 59 anni, il vecchio capo è tornato alla libertà e alla clandestinità. Nelle immagini trasmesse di quel giorno non era rimasto più nulla del giovane provocatorio e sarcastico a cui piacevano le interviste televisive.

In esse appare come un vecchio che aveva deciso di abbandonare la vita criminale. La realtà, tuttavia, è che ha riassemblato un piccolo esercito ed è tornato ai suoi vecchi modi in luoghi come Caborca ​​o San Luis Río Colorado, dove ha cercato di farsi strada con un colpo netto nel mondo della criminalità organizzata. Quando è stato catturato venerdì pomeriggio, la marina ha detto che si nascondeva in alcuni cespugli e che un cane dell’accusa lo ha trovato mentre lo stava inseguendo.

Nelle immagini, invece, compare un uomo adeguatamente vestito, con i piedi non toccati dal fango, con indosso una giacca e una camicia ben stirata. 40 anni dopo l’omicidio di Kiki Camarena, la DEA lo ha mantenuto come il suo obiettivo numero uno nell’elenco dei criminali più ricercati e ha offerto 20 milioni di dollari per la sua cattura.

Criticato dagli Stati Uniti per la sua paralisi di fronte alle violenze, il presidente del Messico, Andrés Manuel López Obrador, fa i conti con il passato con l’arresto di Caro Quintero e può vantare la sua prima presa di peso. E ora gli Usa vogliono estradarlo.