Burkina Faso: militari schierati nella capitale. Si teme un colpo di Stato

In Burkina Faso l’esercito prende posizione nel centro di Ouagadougou, in piena confusione e nel timore di un nuovo colpo di stato, quattro giorni dopo un grave attacco terroristico contro un convoglio di merci nel nord del Paese.

Paul-Henri Sandaogo Damiba
Paul-Henri Sandaogo Damiba – NanoPress.it

Un gruppo di soldati ha organizzato questo venerdì a Ouagadougou, capitale del Burkina Faso, una rivolta che potrebbe portare a un colpo di stato contro il presidente del Paese, il tenente colonnello Paul-Henri Sandaogo Damiba, salito al potere a sua volta con un colpo di stato militare a gennaio 24. Dalle quattro del mattino si sentono spari ed esplosioni in diverse parti della città, soprattutto intorno al palazzo presidenziale e alla caserma militare Baba Sy, quartier generale della giunta militare che governa il Paese.

In Burkina Faso la situazione si fa sempre più delicata

I militari hanno preso posizione nei punti strategici della capitale e la televisione pubblica ha smesso di trasmettere. Il disagio di alcuni settori dell’esercito era cresciuto negli ultimi mesi a causa del deterioramento della situazione della sicurezza e delle continue vessazioni da parte di gruppi jihadisti, in particolare del Gruppo di supporto per l’Islam e i musulmani (JNIM) e dei suoi alleati locali.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato l’attacco terroristico, lunedì scorso, a un convoglio merci mentre attraversava la cittadina di Gaskindé, nel nord del Paese, mentre era in viaggio per rifornire la città di Djibo, assediata da jihadisti per mesi. In questo attacco, secondo le autorità, sono morti 11 soldati, una ventina di persone sono rimaste ferite e 50 civili, la maggior parte dei quali mercanti, sono dispersi.

Il tenente colonnello Damiba è salito al potere il 24 gennaio dopo aver condotto un colpo di stato contro il presidente Roch Marc Christian Kaboré. Quindi, i ribelli hanno assicurato che stavano prendendo il potere a causa dell’incapacità del governo di affrontare la violenza jihadista. “Il deterioramento della situazione della sicurezza che minaccia le fondamenta della nostra nazione e la manifesta incapacità del potere di unire il Burkinabe e affrontare la situazione” è stato il motivo addotto in una dichiarazione rilasciata alla televisione pubblica.

Tuttavia, nove mesi dopo, la situazione della sicurezza ha continuato a deteriorarsi a un ritmo allarmante. Metà del Paese, in particolare le aree rurali e con particolare intensità le regioni del nord, del sud e dell’est, è fuori dal controllo dello Stato e in esse vagano liberamente gruppi armati dediti a rapine, estorsioni, sequestri di civili e riscossione delle tasse. La crisi è iniziata nel 2015, prima come contagio del jihadismo dal Mali e poi per l’emergere di gruppi terroristici locali.

In questi sette anni d guerra civile ci sono stati più di 7.000 morti

In questi sette anni ci sono stati più di 7.000 morti e circa due milioni di persone, il 10% della popolazione, sono fuggite dalle loro case, secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (Acnur). Questo colpo di stato militare è anche preceduto dalla prima grande manifestazione contro Damiba da quando è salito al potere a gennaio.

Soldati del Burkina Faso in sosta in una piazza della capitale
Soldati del Burkina Faso in sosta in una piazza della capitale – NanoPress.it

La protesta è avvenuta questo giovedì a Bobo Dioulasso, la seconda città più grande del Paese, quando gruppi della società civile hanno organizzato di buon mattino un raduno per denunciare la “gestione caotica” in termini di sicurezza e chiedere le dimissioni del presidente.

Decine di persone, molti dei quali commercianti particolarmente colpiti da quanto accaduto a Gaskindé, hanno deciso di chiudere le loro attività in una protesta che stava guadagnando terreno con il passare delle ore. Le forze dell’ordine hanno cercato di impedire la concentrazione.Come accadde in Mali nei due colpi di stato subiti nel 2020 e nel 2021, che portarono al potere il colonnello Assimi Goïta, in questa rivolta è presente l’ombra del sentimento antifrancese e della crescente influenza russa che si sta diffondendo in tutto il Sahel.

Decine di cittadini burkinabé hanno già alzato bandiere russe per celebrare il colpo di stato lo scorso gennaio e alla manifestazione di Bobo Dioulasso questo giovedì, rappresentanti della società civile hanno chiesto un cambio di alleati nella lotta al terrorismo, sull’esempio del Mali, che ha ordinato l’espulsione di tutto l’esercito francese e dalla fine del 2021 collabora con istruttori e mercenari russi della compagnia privata Wagner.