Bruxelles: piano di risparmio energetico per far fronte al “ricatto” di Putin

I Ventisette di Bruxelles si impegnano a ridurre del 15% il consumo di gas, ma la Spagna ottiene un’eccezione che riduce della metà lo sforzo.

Ursula Von Der Leyen
Ursula Von Der Leyen – Nanopress.it

La minaccia di un inverno freddo e di una crisi energetica, alimentata dalla gestione del rubinetto del gas da parte del Cremlino ha spinto i Ventisette a concordare un taglio dei consumi energetici. I ministri dell’Energia degli Stati membri dell’Ue hanno concordato questo mercoledì un piano di risparmio, per far fronte al “ricatto” di Putin, come definito dalla presidente della Commissione europea, Ursula von de Leyen e dal terzo vicepresidente spagnolo, Teresa Riverbank.

La minaccia di un inverno freddo e di una crisi energetica ha spinto Bruxelles a concordare un taglio dei consumi energetici

Dopo giorni di trattative su un tema delicato per le politiche nazionali, il regolamento che i Ventisette di Bruxelles hanno appena promosso sancisce l’impegno a risparmiare il 15% sul gas, pur introducendo numerose eccezioni per abbassare quel taglio e far salire a bordo il maggior numero di persone. di paesi, ognuno con le proprie caratteristiche.

La Spagna, che guidava il settore critico con la proposta iniziale della Commissione, che prevedeva uno snip lineare per tutti e che non teneva conto del grado di dipendenza dal gas russo, potrebbe ottenere un’eccezione che ridurrebbe della metà lo sforzo di risparmio. Una piccola vittoria per la squadra di Ribera, che ha lottato per il piano di risparmio che tenesse conto della natura della Spagna come isola energetica, con poche interconnessioni con gli altri Stati membri.

“Il Consiglio dell’UE ha raccolto alcune esenzioni e opzioni per richiedere un’eccezione all’obiettivo di riduzione obbligatoria per riflettere le situazioni particolari degli Stati membri e garantire che le riduzioni del gas siano efficaci”, ha affermato martedì il ministro dell’Industria ceco Jozef Síkela, dopo l’annuncio della squadra della presidenza della Repubblica ceca, che guida l’Unione questo semestre.

“L’Ue ha compiuto un passo decisivo per porre fine alla minaccia di Putin di interrompere l’approvvigionamento del gas”, ha dichiarato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, appresa dell’accordo, che ha applaudito nonostante la notevole riduzione del testo presentato dal Dirigente.

Il nuovo regolamento introduce anche delle eccezioni alle quali possono applicarsi anche i paesi baltici, per le loro caratteristiche, o le isole (Cipro, Malta, Irlanda). Il nuovo regolamento è “un passo senza precedenti nella solidarietà europea“, ha affermato il viceministro tedesco dell’Economia, Sven Giegold. Berlino sembra quindi cantare un leggero mea culpa per la sua enorme dipendenza dal gas russo e la sua mancanza di riforme per disimpegnarsi da quell’idrocarburo che ha ottenuto a buon mercato.

“Gli stati membri che non importano gas russo stanno mostrando il loro sostegno e si sono impegnati a ridurre i consumi. Non è mai successo prima”

In questi giorni, inoltre, in molti a Bruxelles hanno ricordato il loro rifiuto durante la crisi economica di mutualizzare il debito dei paesi del sud, che ora danno una mano di fronte a una crisi che potrebbe farli capovolgere, anche se non dipendono da rifornimenti dal Cremlino. “Gli stati membri che non importano gas russo stanno mostrando il loro sostegno e si sono impegnati a ridurre i consumi. Non è mai successo prima”, ha detto Giegold su Twitter. “Ora siamo ancora più obbligati verso i nostri vicini in solidarietà per correggere gli errori del passato”, ha aggiunto.

Putin decreto
Putin firma il decreto per la cittadinanza semplificata – Nanopress.it

Nel piano definitivo di risparmio energetico, la Commissione Europea a Bruxelles non avrebbe più il potere assoluto di dichiarare lo stato di allerta, come previsto nel progetto originario, e tale decisione – che implica, ad esempio, che queste percentuali di risparmio volontario vengano modificate all’obbligatoria, oltre alle nuove spedizioni di solidarietà tra gli stati – deve essere sottoposta al voto dei 27 stati membri.

L’iniziativa per dichiararlo può anche partire dal consenso di cinque paesi. Inoltre, dal computo del gas consumato verrà sottratto il gas utilizzato per il riempimento delle riserve, per cui la percentuale di riduzione sarà applicata ad un volume minore. Gli Stati con una maggiore dipendenza dal gas nel loro mix energetico (in Spagna è di circa il 24%, come nella media UE) possono anche affermare che il consumo delle industrie essenziali non viene conteggiato nel calcolo del taglio obbligatorio.

Allo stesso modo, i Paesi che per motivi geografici non dispongono di un’adeguata interconnessione con il mercato europeo o la cui produzione di energia elettrica dipende in gran parte dal gas, possono richiedere un’esenzione nell’applicazione del taglio. Il testo approvato questo martedì, che durerà un anno invece dei due proposti dalla proposta di Von der Leyen, è un accordo politico che passerà poi attraverso gli ambasciatori presso l’Ue. La minaccia di ulteriori carenze di gas è ora ancora più chiara.

La Russia, che prima dell’invasione dell’Ucraina forniva circa il 40% del gas dell’UE, utilizza da anni la leva energetica come arma politica, ma da quando l’UE ha aumentato le sanzioni contro Mosca per aver invaso l’Ucraina e ha stretto i ranghi nel suo sostegno al governo di kyiv, questo scenario appare più a breve termine. Lunedì, Gazprom, il monopolio russo del gas, ha annunciato che ridurrà ulteriormente i flussi attraverso il gasdotto Nord Stream 1, lasciandolo a un quinto della sua capacità per “lavori di manutenzione”.

L’annuncio di Gazprom ha spinto al rialzo i prezzi degli idrocarburi. L’orizzonte, prima dell’arrivo dell’inverno, è complicato: una dozzina di paesi stanno già affrontando una riduzione delle forniture di gas russo. Da qui la proposta di Bruxelles per un piano di risparmio e l’impulso accelerato, seppur con avvertimenti ed emendamenti, dei Ventisette. L’interruzione delle forniture di gas russo all’UE potrebbe ridurre il suo PIL fino all’1,5%, secondo le stime della Commissione.