Bruxelles, operazione anti terrorismo a Schaerbeek: fermato 'un pesce grosso'

sospetto

Un individuo è stato neutralizzato dalla polizia in una operazione anti terrorismo a Schaerbeek, Bruxelles, a poche ore dagli attacchi terroristici che l’Isis ha rivendicato nella capitale belga, dove unità speciali della polizia federale erano impegnante in una operazione mirata. In un primo momento si era stata diffusa la notizia che fosse proprio il super-ricercato Mohamed Abrini, invece è risultato essere Abderamane Ameuroud. Anche lui viene da Molenbeek. Era stato condannato per aver fatto parte del commando che organizzò l’omicidio del comandante Massud, che si opponeva all’avanzata dei talebani in Afghanistan. Era il 9 settembre 2001, due giorni prima dell’attentato alle Torri Gemelle.

Diverse esplosioni di armi da fuoco sono state udite a Schaerbeek, quartiere nord di Bruxelles durante l’operazione di polizia. Il perimetro del quartiere era stato interamente chiuso, circondato da poliziotti armati e camionette militari, dato che è intervenuto anche l’esercito. Da subito i media locali avevano parlato di un uomo ”neutralizzato”, ferito a una gamba, come si vede dal filmato girato da un testimone oculare. Dalla procura è arrivata quasi subito la smentita che l’uomo in questione potesse essere proprio Mohamed Abrini (nella foto in basso), e infatti poche ore dopo è arrivato il nome dell’uomo: Abderamane Ameuroud.

Durante l’operazione inoltre un robot adatto allo sminamento è stato osservato in azione, come testimoniato da questo utente di Twitter

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere