Brusaferro: "Rallentamento della crescita della curva epidemica"

Durante la conferenza stampa di oggi, Brusaferro e Rezza hanno spiegato che la crescita rallenta e ci sono i primi segni di stabilizzazione

Bollettino Covid 31 marzo

Foto Getty Images | John Moore

Si è da poco conclusa la conferenza stampa sull’analisi dei dati del consueto monitoraggio regionale della Cabina di Regia. “C’è un rallentamento della crescita della curva epidemia in Italia e oggi vediamo i primi segnali di stabilizzazione” ha detto Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità.

Brusaferro: “Miglioramento complessivo del rischio”

Secondo quanto emerso durante la conferenza stampa, organizzata dal ministero della Salute, l’età media dei nuovi casi ad oggi è tra i 40 e i 50 anni. Brusaferro ha spiegato che questo è un “dato costante”, ma che comunque si comincia a vedere un decremento dei casi “anche tra gli operatori sanitari per i quali rappresenta un evento positivo dovuto alla vaccinazione”.

Quindi, ad oggi, quello che si è osservato è un “miglioramento complessivo del rischio” che, tuttavia, rimane ancora alto.

I dati delle Regioni

Infatti, nonostante non siano ancora arrivate le conferenze sui cambi di colore delle Regioni a partire da lunedì 29 marzo, il premier Draghi oggi ha confermato che, fino al 30 aprile, non ci saranno nel nostro Paese zone gialle, ma solo rosse o arancioni.

Secondo quanto emerso durante la conferenza stampa di oggi, sono cinque le Regioni a rischio alto: Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Lazio, Toscana e Puglia. Sono 13, invece le Regioni a rischio moderato e 3 quelle a rischio basso, ovvero: Campania, Basilicata e Provincia Autonoma di Bolzano.

Rezza: “Misure e campagna vaccinale per trascorrere un’estate serena”

Si osserva una lieve diminuzione dell’incidenza a livello nazionale che non consente comunque di ridurre le attuali misure di restrizione” ha spiegato Brusaferro. Infatti, secondo quanto emerso, i dati richiedono di mantenere ancora “rigorose misure di mitigazione nazionali” accompagnate da “interventi di mitigazione/contenimento nelle aree a maggiore diffusione”.

Sempre durante la conferenza stampa di oggi è intervenuto anche Gianni Rezza, che ha detto: “Mantenendo le misure e rafforzando la campagna vaccinale penso si possa arrivare a proficui miglioramenti per trascorrere un’estate serena”.

E ha aggiunto: “C’è una prima inversione di tendenza che è conseguenza degli effetti delle misure prese nelle scorse settimane. Il dato è positivo se si pensa che stiamo contenendo un’epidemia che è dovuta principalmente ad una variante, quella UK. Tuttavia resta un’occupazione elevata delle terapie intensive e decessi elevati, ma questo era atteso perché si sono accumulati molti casi nelle scorse settimane”.

Parole di Benedetta Minoliti

Benedetta Minoliti, nata a Milano il 24 marzo 1993. Sono laureata in Lettere moderne all’Università degli Studi di Milano e diplomata presso la Scuola di Giornalismo dell’Università Cattolica di Milano. Non esco mai di casa senza le cuffie, ascolterei la musica anche mentre dormo e adoro scattare polaroid. Collaboro con AlaNews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection.

Da non perdere