Brittney Griner colpevole di stare in mezzo alla ‘Guerra Fredda’

La procura russa, che aveva chiesto nove anni e mezzo di reclusione la giocatrice di basket Brittney Grnger, ha ritenuto “pienamente provato” il reato di possesso di droga.

Brittney Griner
Brittney Griner – NanoPress.it

La giustizia russa ha condannato questo giovedì a nove anni di reclusione la cestista americana Brittney Griner, arrestata lo scorso febbraio per possesso di droga. Il mese scorso, la 31enne, vincitrice di due ori olimpici, si è dichiarata colpevole di aver trasportato cartucce di olio di cannabis nel suo bagaglio. Il suo arresto, reso pubblico dopo l’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, è stato politicamente tinto fin dall’inizio. La condanna del giocatore potrebbe porre fine a uno scambio di prigionieri che prevede la liberazione del trafficante d’armi russo Viktor Bout, noto come “il mercante di morte”.

Il mese scorso, la 31enne, vincitrice di due ori olimpici, si è dichiarata colpevole di aver trasportato cartucce di olio di cannabis nel suo bagaglio

All’udienza al tribunale di Khimki, il pubblico ministero aveva chiesto una condanna a nove anni e mezzo per la giocatrice, che dovrebbe scontare la pena in una colonia correttiva del regime generale, secondo l’agenzia di stampa russa Interfax. Inoltre, Griner dovrà pagare una multa di un milione di rubli, che equivale a circa 16.000 euro.

Mentre il giudice leggeva rapidamente la sua sentenza, Griner ascoltava il risultato attraverso un interprete. Il suo team legale ha informato che farà appello contro detta sentenza. Il caso Griner ha acquisito una dimensione politica nel bel mezzo dell’invasione russa dell’Ucraina. Le autorità russe hanno aspettato fino a dopo l’inizio della guerra per annunciare il suo arresto.

Le speranze della giocatrice ora sono riposte non tanto sull’appello quanto su un accordo diplomatico che le consenta il rimpatrio e la scarcerazione. Il segretario di Stato degli Stati Uniti, Antony Blinken, ha dichiarato la scorsa settimana che avrebbe parlato con il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, per discutere di un possibile scambio di prigionieri che includesse il giocatore, ma non ci sono state notizie o annunci in questo riguardo dopo l’ultima telefonata tra i due.

I media statunitensi, però, hanno svelato che i contatti su un possibile scambio sono iniziati a giugno dopo l’incontro che Blinken si è offerto di consegnare al trafficante d’armi russo Viktor Bout in cambio della liberazione di Griner e di quella dell’ex marine Paul Whelan, 52 anni old. , un altro detenuto americano, condannato a 16 anni di carcere nel 2020 con l’accusa di spionaggio.Whelan, il primo americano condannato per spionaggio in Russia dalla caduta dell’URSS, ha assicurato dopo la sua condanna di essere stato vittima di un “caso politico” “fabbricato” per poterlo scambiare con prigionieri russi che scontano pene negli Stati Uniti.

Dalla Guerra Fredda, lo scambio di prigionieri, in precedenza incentrato sulle spie, è stata una pratica frequente tra Washington e Mosca. Le dure sentenze che i tribunali russi emettono contro gli stranieri supportano questa pratica. L’ultimo baratto è avvenuto nel 2020, con la consegna dell’americano Trevor Reed, un veterano della Marina condannato a nove anni per violenze contro un agente di polizia, in cambio di un pilota russo condannato negli Stati Uniti. Lo scambio di Bout può generare polemiche.

Non è un prigioniero russo qualsiasi. Il mercante di morte è un trafficante condannato per aver fornito armi e munizioni a organizzazioni terroristiche.Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha lamentato la condanna poco dopo il loro incontro: “Oggi, la cittadina statunitense Brittney Griner ha ricevuto una condanna al carcere che è l’ennesimo promemoria di ciò che il mondo già sapeva: la Russia sta trattenendo ingiustamente Brittney.

Brittney Griner è diventata un caso da Guerra Fredda

È inaccettabile e chiedo alla Russia di rilasciarla immediatamente in modo che possa stare con sua moglie, i suoi cari, gli amici e i compagni di squadra. La mia amministrazione continuerà a lavorare instancabilmente e perseguire ogni strada possibile per riportare a casa Brittney e Paul Whelan sani e salvi il prima possibile”. Blinken si è espresso nello stesso senso: “Nulla nella decisione odierna cambia la nostra considerazione sul fatto che Brittney Griner è ingiustamente detenuta e continueremo a lavorare per riportare a casa Brittney e il collega cittadino statunitense ingiustamente detenuto Paul Whelan”, ha affermato in un comunicato.

Putin
Putin – NanoPress.it

Griner è stata arrestata a febbraio all’aeroporto Sheremetyevo di Mosca dopo che la polizia ha trovato due cartucce contenenti olio di cannabis nel suo bagaglio. Il suo avvocato, Alexander Boykov, ha dichiarato che l’atleta ha riconosciuto che erano suoi, ma che li ha portati in Russia per errore.

Griner, che gioca per l’UMMC Ekaterinburg nella prima divisione russa dal 2018, ha assicurato che non intendeva infrangere la legge e che i suoi genitori gli hanno insegnato ad assumersi le sue responsabilità: “Ecco perché mi sono dichiarato colpevole delle accuse che sono accusato, ma non avevo intenzione di infrangere la legge russa”, ha detto.

Voglio che il campo capisca che è stato un errore involontario che ho commesso mentre ero stressato mentre cercavo di riprendermi dal covid e cercavo di tornare nella mia squadra. Spero che la sentenza non metta fine alla mia vita”, ha detto nella sua ultima argomentazione davanti al tribunale. Con la voce tremante e visibilmente in lacrime, Griner ha detto di aver capito la sentenza prima di essere condotta fuori dal tribunale. “Amo la mia famiglia”, ha detto mentre usciva in manette, secondo Reuters.

Nelle dichiarazioni raccolte da detta agenzia, un altro avvocato Griner, Maria Blagovolina, ha detto fuori dalla stanza: “È molto turbata, molto stressata. Riesce a malapena a parlare. È un momento difficile per lei”. “Quando abbiamo visto Brittney martedì, abbiamo detto: ‘Ci vediamo giovedì.’ Lei rispose: ‘Ci vediamo il giorno della resa dei conti.’ Quindi sembra che avesse ragione”, ha aggiunto Blagovolina.