Brasile: il centrodestra spera che Bolsonaro si logori per abbracciare Lula

In Brasile l’idea di un grande fronte democratico contro la rielezione del presidente ultraconservatore è lungi dal concretizzarsi.

Bolsonaro - Lula
Jair Bolsonaro e Luiz Inacio Lula – Nanopress.it

Il centro di Rio de Janeiro era pieno zeppo giovedì sera. Decine di migliaia di persone sono venute a vedere da vicino l’ex presidente Lula da Silva nel suo primo evento pre-campagna in città. In un’atmosfera festosa tra tamburi e bandiere, piena di arringhe emotive, microfono alla mano, una breve partecipazione sul palco si è distinta dal resto: “Quello che vediamo in Brasile è un grande movimento.

Lula di nuovo in campo per le presidenziali in Brasile

Torna la speranza, torna Lula, presidente del Brasile!” Non è venuto dalla bocca di nessun leader riconosciuto della sinistra, né di un sindacalista stagionato, ma dell’ex governatore di San Paolo Geraldo Alckmin, nome storico del centrodestra conservatore brasiliano e ora candidato alla vicepresidenza nella formula con Lula.

Gli applausi del pubblico, una marea rossa che lo avrebbe fischiato anni fa, sono una buona metafora degli sforzi di Lula per costruire un’alleanza fuori dalla sinistra per sconfiggere il presidente Jair Bolsonaro alle urne di ottobre. Tra i ferventi fan di Lulista, l’accostamento a destra genera qualche obiezione, ma è visto come “un male necessario”.

“All’inizio eravamo tutti un po’ sospettosi, ma questi sindacati sono importanti per un bene più grande, per la democrazia di questo Paese. Ora dobbiamo fare alleanze per sbarazzarci di quell’estrema destra, quelle persone dannose, per ricostruire il Paese. E ciò avviene attraverso il dialogo”, ha affermato Cláudia Gargaes, presente alla manifestazione. Accanto a lei, le sue amiche annuirono convinte.

Per Esther Solano, specialista in sociologia politica e professoressa all’Università Federale di San Paolo (UNIFESP), la firma di Alckmin aiuta Lula a presentarsi come “il grande statista che viene a riunificare il Brasile“, una persona capace di dimenticare le lotte ideologiche a favore dell’unità nazionale e il progresso del Paese.

“Questo invia un messaggio molto potente“, sottolinea, sottolineando anche che aiuta ad aprire le porte in ambienti più ostili al Partito dei Lavoratori (PT), come il mondo finanziario, l’interno dello stato di San Paolo ( il più popoloso del Paese e chiave per vincere le elezioni), il settore ‘agroalimentare’ o gli elettori più religiosi.

Anche così, girare il Brasile mano nella mano con il vecchio rivale non è abbastanza: finora, la campagna di Lula ha forgiato la più grande alleanza di partiti dal 1989 (PT, PSOL, Rede, PV, PSB, PCdoB e Solidarity), ma tutti sono di sinistra, tranne l’ultimo.

È un’unione con poche sorprese. Lo slogan della campagna è ‘Andiamo insieme per il Brasile’, ma l’idea di un grande fronte democratico contro Bolsonaro è ancora lontana dal concretizzarsi. Alckmin, per il momento, è un’eccezione. Il suo vecchio partito, il PSDB, storico antagonista del PT di destra moderata, è stato oscurato dal bolsonarismo e sta attraversando una grave crisi interna.

Tutti uniti per ‘accantonare’ il bolsonarismo

Il suo candidato alla presidenza, l’ex governatore di San Paolo João Doria, ha gettato la spugna quando ha visto che non stava decollando alle urne e che non aveva nemmeno il sostegno del suo partito. È difficile per Lula ottenere il sostegno formale dei suoi vecchi rivali (almeno per ora), anche se i pesi massimi del partito, come l’ex presidente Fernando Henrique Cardoso, hanno già ammesso di sostenere Lula contro Bolsonaro.

Bolsonaro
Bolsonaro – NanoPress.it

La campagna di Lula è un po’ più facile nelle formazioni centrali, come MDB. Il candidato ufficiale, Simone Tebet, non cresce oltre il 2% delle intenzioni di voto e dovrebbe lasciare la corsa alle presidenziali in qualsiasi momento. Il partito, abbastanza diviso a seconda della regione del Brasile, potrebbe quindi optare per la candidatura di Lula.

Altri partiti minori, detti ‘centrão’ e senza un’ideologia definita, normalmente si attengono al sole più caldo: per ora sostengono Bolsonaro per interesse, ma potrebbero scendere dalla nave se l’usura del presidente fosse confermata nel prossimi mesi. Secondo la stampa brasiliana, la squadra di Lula sta già negoziando discretamente con Neri Geller, importante imprenditore rurale, deputato dello stato del Mato Grosso, il granaio del Brasile.

Questa alleanza potrebbe essere la chiave per avvicinare la candidatura di Lula all’onnipotente gruppo di pressione agricola e al centro-ovest del Paese, prevalentemente bolsonarista. I sondaggi non si muovono da mesi. Lula ha un vantaggio su Bolsonaro, che a sua volta ha circa il 30% dei fedeli. Per essere rieletto, il leader dell’estrema destra deve crescere se vuole calpestare Lula, ma per lui è difficile.

Il suo alto tasso di bocciature (il 55% dichiara che non lo voterebbe in alcun modo, contro il 35% che la pensa lo stesso di Lula, secondo un recente sondaggio dell’istituto Datafolha) gli rende difficile uscire dalla sua bolla, commenta l’analista della società di consulenza sul rischio politico Dharma, Creomar de Souza. “Gli ultimi sondaggi mostrano che oltre il 70% dei brasiliani ha già deciso il proprio voto, non cambierà; quindi saranno sicuramente gli elettori di Ciro Gomes a decidere se Lula andrà al secondo turno o se vincerà il primo”, sottolinea.

Secondo il regolamento elettorale, se al primo turno un candidato ha più del 50% dei voti validi, viene automaticamente dichiarato presidente, senza la necessità di passare al secondo turno. Ciro Gomes, del PDT, era il ministro di Lula, è un nome rispettato del centrosinistra, soprattutto nel suo stato natale, il Ceará, ed è al terzo posto nei sondaggi, con una variazione tra l’8% e il 10% dei voti.

Ha passato anni cercando di costruire, senza successo, un’alternativa a Lula nel campo progressista. La loro rivalità è peggiorata negli ultimi tempi e le loro differenze ora sembrano inconciliabili. È molto improbabile che Gomes rinunci alla sua candidatura per sostenere Lula, ma gli analisti ritengono che i suoi elettori potrebbero optare per il voto utile se percepiscono che Bolsonaro sta crescendo ed è una vera minaccia. I ‘ciristi’, come vengono chiamati in Brasile, possono essere decisivi, tanto o più delle alleanze che Lula costruisce verso la destra.