Borrell: la Russia sta ostacolando l’esportazione di grano

Il capo della politica estera della Ue Josep Borrell ha messo in dubbio le affermazioni della Russia secondo cui non sta ostacolando l’esportazione di grano.

Josep Borrell
Josep Borrell – NanoPress.it

Funzionari europei hanno accusato Mosca di un’incombente crisi alimentare globale poiché il blocco in corso da parte della Russia dei porti ucraini minaccia le esportazioni di grano del paese, mentre ad est dell’Ucraina si continua a combattere ferocemente.

Borrell accusa la Russia di boicottare il passaggio del grano

L’ambasciatore russo alle Nazioni Unite, Vasily Nebenzya, ha abbandonato una riunione del Consiglio di sicurezza lunedì, dopo che il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha accusato il Cremlino di nascondere armamenti nelle scorte di cibo.

Il capo della politica estera dell’Unione Europea Josep Borrell ha anche messo in dubbio le affermazioni della Russia secondo cui non sta ostacolando l’esportazione di grano, citando i rapporti secondo cui Mosca ha colpito il secondo terminal cerealicolo più grande dell’Ucraina, nella città portuale meridionale di Mykolaiv durante il fine settimana.

Il comando meridionale dell’esercito ucraino ha affermato che domenica la Russia ha lanciato missili da crociera dal Mar Nero verso Mykolaiv. Due missili sono stati abbattuti, ha detto il comando, ma altri hanno colpito strutture portuali e silos di stoccaggio del grano. “Alla luce di tali rapporti, la disinformazione diffusa dal [presidente russo Vladimir] Putin che devia la colpa diventa sempre più cinica”, ha detto lunedì Borrell su Twitter.

Il signor Putin ha precedentemente respinto le accuse secondo cui Mosca sta ostacolando le esportazioni di grano ucraino. Ha detto che spettava all’Ucraina sminare i porti del Mar Nero e che la Russia era pronta ad esportare grano ucraino attraverso i porti che ora controlla sull’adiacente Mar d’Azov.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato martedì che lo sminamento consentirà alle navi di caricare grano e quindi “anche con il nostro aiuto, procedere verso le acque internazionali”. Ha detto che le navi che entrano nei porti sarebbero state sottoposte a controlli per assicurarsi che non trasportassero armi. Il signor Peskov ha affermato che la parte russa non utilizzerà corridoi sminati per operazioni offensive contro le città di mare.

Podolyak: giurano che non vogliono una crisi alimentare, ma distruggono i terminali di grano

Funzionari russi hanno espresso la volontà di allentare il blocco se le sanzioni contro Mosca fossero state revocate. L’Ucraina ha messo in dubbio se ci si potesse fidare della Russia e i funzionari di Stati Uniti e Regno Unito hanno espresso una prima opposizione a un tale accordo.

Zelensky
Zelensky – NanoPress.it

Riguardo alle offerte russe per facilitare le esportazioni di grano, Mykhailo Podolyak, consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, ha dichiarato: “Giurano che non vogliono una crisi alimentare, ma distruggono i terminali di grano [ucraini]. Qualcuno presta attenzione alle promesse del Cremlino?»

Il signor Peskov ha detto: “Ci sono state dichiarazioni di sfiducia da parte dei rappresentanti ucraini. Abbiamo sentito queste affermazioni”. Il ministero degli Esteri russo ha dichiarato che imporrà sanzioni a dozzine di cittadini statunitensi, in quella che ha affermato essere una risposta alle sanzioni Usa contro i russi.

L’elenco dei 61 americani pubblicato dal ministero alla fine di lunedì include funzionari statunitensi, nonché dirigenti attuali ed ex di grandi società, tra cui l’amministratore delegato di Delta Air Lines Inc. Edward Bastian, il presidente di Universal Pictures, Peter Cramer e Netflix Inc. CEO Reed Hastings.

Il ministero non ha specificato cosa comporteranno le sanzioni.. Mentre i diplomatici cercano vie di esportazione alternative per il grano del paese, le forze ucraine si sono fermate nella città orientale di Severodonetsk, recentemente un obiettivo chiave dell’offensiva russa.

Il signor Zelensky ha fatto una rara visita in prima linea vicino a Severodonetsk durante il fine settimana, poiché l’Ucraina attende armi più pesanti dall’Occidente, compresi i sistemi missilistici a lungo raggio dagli Stati Uniti che spera possano aiutare a smussare l’artiglieria russa.

A Severodonetsk i combattimenti continuano feroci

Serhiy Haidai, il governatore della regione di Luhansk dove si trova Severodonetsk, ha detto che i combattimenti di strada sono continuati martedì, più di una settimana dopo che le forze russe sono entrate nella città.

Dmitry Peskov
Dmitry Peskov – NanoPress.it

Da quando si è ritirata dalla capitale ucraina e da altre aree dell’Ucraina settentrionale a marzo, la Russia ha concentrato la sua potenza di fuoco a est, compiendo lenti progressi verso il suo obiettivo di impadronirsi dell’intera area del Donbass, che include Luhansk e la vicina regione di Donetsk.

Allo stesso tempo, le forze russe continuano a bombardare le aree di confine colpendo obiettivi strategici più in profondità all’interno dell’Ucraina, comprese le infrastrutture ferroviarie e le strutture per lo stoccaggio del grano.

Il signor Michel ha detto di aver visto milioni di tonnellate di grano e grano bloccati in container e navi nel porto ucraino di Odessa sul Mar Nero diverse settimane fa. Gli attacchi russi alle infrastrutture di trasporto e alle strutture di stoccaggio del grano, nonché a carri armati, bombe e mine stanno anche impedendo all’Ucraina di piantare e raccogliere, ha affermato Michel.

“Questo sta facendo salire i prezzi dei generi alimentari, spingendo le persone nella povertà e destabilizzando intere regioni”, ha affermato Michel. “La Russia è l’unica responsabile di questa incombente crisi alimentare. Solo la Russia”.

Il blocco dei porti ucraini ha spinto i raccolti su strade e ferrovie fino ai confini occidentali dell’Ucraina o lungo il Danubio per essere caricati sulle navi in ​​Romania. L’Ucraina si sta affrettando a riparare ferrovie, strade e ponti danneggiati.