Boris Johnson vuole l’anarchia a Westminster

Mercoledì pomeriggio Boris Johnson ha mostrato di nuovo di avere un eccesso di testosterone in Parlamento. Non si parla di dimissioni. Ma da stamattina, stanno cominciando i guai seri per lui. Ora la fine potrebbe arrivare molto rapidamente.

Boris Johnson
Boris Johnson – NanoPress.it

Con il tempo delle interrogazioni settimanali al Parlamento britannico appena terminate, Boris Johnson sembra aver attraversato il peggio di questa terribile giornata, in cui Sajid Javid si è alzato tre file dietro di lui. L’ormai ex ministro della Salute aveva annunciato una “dichiarazione personale” riguardo le sue dimissioni il giorno prima. Per molti mesi, ha detto Javid, aveva ripetutamente concesso al suo capo Boris Johnson un atto di fede. E ancora e ancora era – e deluso.

Boris Johnson sopravviverà politicamente anche questa volta?

Non si può più glissare: c’è qualcosa di “fondamentalmente sbagliato” ai vertici del governo, quindi è “impossibile” che possa sopportare ancora l’equilibrio tra onestà e lealtà. E rivolgendosi ai suoi ex colleghi di gabinetto, che sono stati schiacciati sul sedile anteriore accanto a Johnson, il conservatore ha avvertito: “Non fare nulla è una decisione attiva”. Lo stesso Johnson sembrava non ascoltasse più. Per minuti aveva ascoltato il suo ex compagno con le braccia conserte e un’espressione offesa.

Ma a un certo punto ha iniziato a battere il piede destro, sempre più forte, finché non si sentiva anche sugli spalti. È quasi come se stesse cantando una canzone che ha cantato spesso in occasioni simili: “I Will survival” di Gloria Gaynor.

Dopo 24 ore trascorse in un’anarchia sopra la media, anche per i suoi standard? In cui due dei suoi ministri più importanti si sono dimessi, un terzo pure, diversi altri membri del governo sono fuggiti, e un sondaggio rapido ha mostrato che solo un elettore su tre ripone ancora la propria fiducia nel sovrano di Downing Street.

Quasi nessuno, nemmeno gli intimi confidenti, ci credeva ancora ieri che potesse resistere. D’altra parte, è Boris Johnson, l’indistruttibile, il soldato di ventura, con cui abbiamo a che fare qui, ha detto Andrew Mitchell, un altro parlamentare conservatore rinnegato, alla BBC: “È un po’ come Rasputin. Fu avvelenato, ferito con coltelli e pistole, gettato in un fiume gelido, ma in seguito era ancora vivo”.

In ogni caso, lo stesso Johnson oggi non ha lasciato dubbi in Parlamento sul fatto che la fine  per lui ancora non si vede. Soprattutto nei momenti difficili è importante andare avanti, “ed è quello che faremo”, ha detto, eccedenza di testosterone.

Il caso Pincher

Quasi nessuno si aspettava che Johnson, sopravvissuto per un pelo a un voto di sfiducia del suo partito a giugno, sarebbe tornato nei guai così rapidamente. Quando all’inizio di questa settimana sono emerse notizie, secondo cui il parlamentare conservatore Chris Pincher aveva palpato due giovani al Carlton Club di Londra mentre era ubriaco, molti a Westminster hanno alzato le spalle rassegnati. Per molti mesi, i parlamentari che sono stati giudicati colpevoli di aggressione sessuale sono stati catturati con una sgradevole regolarità, soprattutto nel partito conservatore di Johnson.

Chris Pincher
Chris Pincher – NanoPress.it

Il distretto governativo è stato a lungo chiamato dai media “Pestminster”. Due Tory sono persino finiti in prigione per abusi sessuali e decine di parlamentari sono indagati in Parlamento per violazioni minori. Il caso Pincher, d’altra parte, sembrava ad alcuni quasi veniale. Ma poi i giornalisti hanno iniziato a chiedersi perché Boris Johnson avesse fatto del famigerato parlamentare dello Staffordshire una frusta, una di quelle fruste di fazione incaricate di instillare disciplina e decenza tra i 359 parlamentari conservatori. E poiché Johnson ha sempre avuto una relazione fugace con la verità, le cose hanno iniziato a sfuggirgli di mano da quel momento.

Il primo ministro inizialmente ha detto di non sapere quasi nulla del comportamento sessuale e alcolico di Pincher. Quando si è saputo che Johnson aveva già preso in giro le scazzottate del suo amico di partito, si è difeso dicendo di non aver mai sentito accuse “specifiche”. Poi, martedì mattina, un ex alto funzionario del Dipartimento di Stato ha fatto esplodere anche quella versione, rivelando che Johnson era stato informato “personalmente” dell’aggressione di Pincher nel 2019. Johnson è stato ancora una volta smascherato come un bugiardo.

Di nuovo esposto come bugiardo

Proprio come nell’affare ancora fumante del lockdown party, in cui a poco a poco ha ammesso solo ciò che non poteva più essere negato – finché alla fine, come primo primo ministro britannico in assoluto, è stato dichiarato trasgressore della legge dalla polizia di Londra. Con il caso Pincher, anche agli occhi di chi gli è vicino, Johnson si è finalmente distinto come qualcuno che non impara dai suoi errori né sembra disposto a farlo. E così martedì sera è iniziato il grande esodo dal governo con le dimissioni del ministro della Salute Javid e del Cancelliere dello Scacchiere Rishi Sunak.

Rishi Sunak
Rishi Sunak – NanoPress.it

Mentre Johnson pensava ancora di potersi dimenare di nuovo, nel corso di mercoledì è cresciuta più miseria. I media hanno prima riferito che anche il superministro Michael Gove aveva esortato il suo capo a dimettersi. Ironia della sorte, il Gove che aveva già fatto un grave danno a Johnson quando lo aveva dichiarato inadatto a diventare primo ministro nel 2016 dopo il referendum sulla Brexit.

E poi, mentre Johnson veniva criticato dal comitato di collegamento del Parlamento quel pomeriggio, la BBC sbottò che un gruppo di rimanenti pesi massimi del governo intendeva rivelare a Johnson nelle prossime ore che il suo tempo era scaduto. Se così fosse, il Tempo delle interrogazioni parlamentari a mezzogiorno avrebbe potuto benissimo essere l’ultimo di Johnson come primo ministro. Alcuni nella camera alta sembravano già sospettarlo quando chiamarono l’uomo che si precipitava fuori dalla camera bassa: “Ciao, Boris!”