Boris Johnson ignora la punizione dei ‘148’ e festeggia la sua vittoria

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha ricevuto ieri sera il sostegno di 211 conservatori. 148 hnno votato per il suo licenziamento, una cifra molto più alta di quanto previsto da Downing Street.

Boris Johnson
Boris Johnson – NanoPress.it

Boris Johnson ha interpretato a modo suo le regole del distanziamento sociale durante il lockdown e, ha anche applicato la sua personale interpretazione alle regole della politica. Il premier è riuscito a sopravvivere alla mozione di censura interna che lunedì i suoi stessi deputati hanno sollevato contro di lui, indignati per lo scandalo dei partiti banditi a Downing Street durante la pandemia.

Boris Johnson e la sua vittoria di Pirro

211 parlamentari, su un totale di 359, hanno sostenuto la continuazione di Johnson. 148 ha votato a favore del suo licenziamento. 41,3%. Un numero devastante. Di gran lunga superiore a quello che finì per provocare le dimissioni di Margaret Thatcher o Theresa May, quando gli allora primi ministri subirono le proprie ribellioni interne.

In condizioni normali, il fatto che quasi la metà del gruppo parlamentare avesse espresso il proprio rifiuto al leader del partito, avrebbe letteralmente trasformato Johnson in un ‘morto che cammina’, come lo definì George Osborne, uno dei le menti più agili e i membri astuti del partito conservatore.

Ma Johnson appartiene ad una categoria diversa e ha rapidamente ribaltato il risultato presentandolo come una vittoria liberatoria. “E’ un momento decisivo e conclusivo. È un risultato estremamente positivo. Ci consente di lasciarci alle spalle l’intera situazione e concentrarci sulle cose importanti e sull’unire il partito“, ha detto Johnson alla BBC, pochi minuti dopo che il risultato del voto era noto.

Il sentimento generale tra i Tory, tuttavia, suggerisce piuttosto che questo nuovo capitolo della tragicommedia shakespeariana secondo cui il mandato di Johnson è diventato un pesce che puzza dall’inizio alla fine. Per quanto il presidente del Consiglio voglia presentarlo come un momento conclusivo, quasi come un mandato rinnovato che gli permette di voltare pagina e concentrarsi su altre questioni.

In primo luogo, il 23 giugno si terranno due elezioni suppletive, nei collegi di Wakefield e Tiverton. Le elezioni suppletive sono le elezioni per sostituire, nel mezzo della legislatura, un seggio vacante. In questo caso, sia Neil Parish (denunciato per aver guardato materiale pornografico sul suo telefonino nel bel mezzo della sessione parlamentare) sia Imran Ahmad Khan (condannato per abusi sessuali su minore) hanno scelto di dimettersi. Entrambi erano parlamentari conservatori.

E ora ci sono le suppletive per i Tories

I loro seggi, prevedono i sondaggi, finiranno nelle mani del Partito Laburista e dei Liberal Democratici. Due nuove sconfitte elettorali che, se confermate, ricorderanno ancora una volta ai parlamentari conservatori che Johnson è passato dall’essere un’arma elettorale infallibile a diventare un ostacolo.

Keir Starmer
Keir Starmer – NanoPress.it

“La storia ci mostra che questo è l’inizio della fine. Se guardi alle precedenti mozioni di sfiducia interna del Partito conservatore, anche quando il primo ministro sopravvive, il danno è già stato fatto”, ha affermato il leader laburista Keir Starmer. “I parlamentari conservatori hanno scelto di ignorare i cittadini britannici e di legare saldamente se stessi e il loro partito a Johnson e a ciò che Johnson rappresenta”, ha denunciato Starmer.

I ribelli più veterani, come l’euroscettico David Davis —cruciale nelle manovre interne per far cadere May, e uno dei primi a chiedere le dimissioni di Johnson per il partygate — hanno subito fatto notare l’errore che ha permesso al premier di uscire dalla tentativo di colpo. Il tempismo, ha detto Davis, non era quello giusto.

“E ora dobbiamo rimanere nel limbo per un anno. Oltre al fatto che la delibera della commissione per i privilegi [della Camera dei Comuni] è ancora avanti”, ha ricordato il deputato. Due dati molto rilevanti, che anticipano che tutta questa soap opera è tutt’altro che finita.

Secondo le regole, una volta votata la mozione di censura interna, una nuova non può essere ripresentata entro un anno. Johnson ha 12 mesi di apparente sicurezza. Qualunque sia il risultato delle elezioni suppletive del 23 giugno, o qualunque siano le conclusioni della commissione.

 Sturgeon: Il risultato è il peggiore possibile per i conservatori

Questo organo parlamentare, analizza il comportamento etico dei parlamentari. Nel caso di Johnson, deve determinare se il primo ministro disprezzasse e mentisse alla Camera dei Comuni negando la sua conoscenza delle regole sotto lockdown a Downing Street. Il risultato di quell’indagine, che i deputati conservatori con la loro astensione hanno permesso di avviare —Downing Street ha cercato di manovrare per fermarla —, sembra già evidente.

Nicola Sturgeon
Nicola Sturgeon – NanoPress.it

Soprattutto dopo il rapporto devastante dell’alto funzionario, Sue Gray, che ha accusato Johnson di una cultura dell’alcol, dell’eccesso e della mancanza di rispetto nelle agenzie governative. Circa l’80% dei 211 deputati che hanno sostenuto Johnson nella mozione di censura interna ricoprono una posizione di governo e sono sul libro paga (sul libro paga, come dice cinicamente il gergo politico britannico) di Downing Street.

Era prevedibile che avrebbero difeso il boss, che alla fine non era il vero vincitore del voto di lunedì. La vittoria appartiene all’opposizione laburista o liberaldemocratica, che da questo momento denuncerà come i loro rivali conservatori si siano legati al destino di Johnson. O dei nazionalisti scozzesi, determinati a promuovere il loro referendum sull’indipendenza in questa legislatura. “Il risultato è il peggiore possibile per i conservatori”, ha scritto Nicola Sturgeon, primo ministro scozzese, sul suo account Twitter.

“Ma, cosa più importante, in un momento di molte sfide, lega il Regno Unito a un primo ministro che è un completo zoppo“, ha aggiunto Sturgeon. Lame duck, lame duck, è il termine americano usato per definire il presidente che si trova nell’ultimo tratto del suo secondo mandato. Cioè, senza la capacità di prendere l’iniziativa politica.

Boris Johnson è molto lontano dal pensare a se stesso come a un’anatra zoppa, nonostante la storia indichi l’altra direzione. Nessuno dei sei primi ministri conservatori che hanno subito una mozione di sfiducia negli ultimi decenni è riuscito a riprendersi dalla zoppia.