Boris Johnson si dimette dal partito ma non dal Governo

Il presidente del Consiglio Boris Johnson, deciso nelle ultime ore di mantenere l’incarico, non ha resistito alle pressioni del Partito conservatore. Quindi ha deciso di lasciare l’incarico come segretario del Partito, ma non di Primo Ministro.

Boris Johnson
Boris Johnson – Nanopress.it

Boris Johnson ha gettato la spugna, anche se in parte, e ha dato le dimissioni come capo del partito conservatore, secondo vari media britannici. Il presidente del Consiglio, che ore prima era determinato a rimanere in carica e sfidare il partito conservatore, non ha saputo resistere alle pressioni. Johnson, 58 anni, presenterà le sue dimissioni alla regina Elisabetta II, vessata dalla cattiva gestione di diversi scandali nelle file del suo partito, in cui lui stesso è stato coinvolto.

Boris Johnson è arrivato al capolinea

Più di cinquanta incarichi esecutivi hanno lasciato il loro incarico nei giorni scorsi per protestare contro l’atteggiamento del primo ministro britannico di fronte alle accuse di molestie sessuali nei confronti di un alleato politico, il deputato conservatore Chris Pincher. È stata l’ultima goccia per i Tory, quasi tre anni dopo che Boris Johnson ha ottenuto una delle più grandi vittorie elettorali del Partito conservatore alle urne.

Secondo il quotidiano The Times, il primo ministro ha chiesto al suo popolo di lasciarlo in carica ad interim fino al congresso autunnale del partito, dove sarà eletto un nuovo leader. “Il Paese ha bisogno di un governo che non sia solo stabile, ma che agisca con dignità. Primo ministro, lei sa, in cuor suo, quale sarebbe la cosa giusta da fare adesso, che è andarsene”, aveva scritto questa mattina a Johnson il neo ministro dell’Economia, Nadhim Zahawi. La piroetta delle ultime 48 ore di questo politico è la chiara espressione della situazione che sta vivendo Downing Street.

Il primo ministro messo alle strette si rivolse a lui per dare l’impressione che avesse il controllo, e immediatamente entrambi iniziarono a promettere imminenti tagli alle tasse. Ore dopo, Zahawi si è unito alla delegazione di ministri che ha invitato Johnson ad agire con dignità e gettare la spugna.Mentre il presidente del Consiglio è rimasto trincerato nella residenza ufficiale, diversi membri del suo governo e importanti deputati conservatori hanno iniziato a preparare la sua candidatura per una corsa alla guida del partito che si ritiene iniziata. Suella Braverman, procuratore generale dell’Esecutivo (il principale consulente legale di Downing Street), è stata la prima a parlare chiaramente.

La donna che ha preparato per Johnson i contorti rapporti legali che giustificavano la rottura unilaterale del Protocollo dell’Irlanda del Nord che contrapponeva Londra a Bruxelles; la fedele alleata del presidente del Consiglio, che non ha esitato a lodarlo alla minima occasione, ha annunciato alla rete ITV le sue aspirazioni: “Se ci sono le primarie presenterò la mia candidatura. Amo questo paese. I miei genitori sono venuti qui senza assolutamente nulla e il Regno Unito ha dato loro speranza, sicurezza e opportunità”, ha detto Braverman, 42 anni, di origine indiana.

Si è anche lanciata a promettere un taglio delle tasse, in un chiaro segno che questo sarà il grido di battaglia dei candidati disposti a dare battaglia. Anche Steve Baker, l’euroscettico che ha organizzato la ribellione dei parlamentari conservatori contro Theresa May, si sente pronto al comando: “Sono entrato in politica per cambiare le cose”, ha detto a Sky News, “quando le cose si sono complicate per la partita, ho mostrato la mia capacità di leadership”, ha aggiunto.

Le dimissioni di Johnson agitano le acque politiche in tutto il Regno Unito

Lo stesso Zahawi, ma anche il vice Jeremy Hunt (che ha perso le primarie contro Johnson), l’ex ministro dell’Economia Rishi Sunak, il ministro degli Esteri Liz Truss (che su questa crisi non ha ancora detto una parola), o l’ex ministro della Salute, Sajid Javid ( che ha pronunciato un discorso devastante contro Johnson questo mercoledì alla Camera dei Comuni, per spiegare le sue dimissioni), starebbero già preparando le loro campagne e potrebbero annunciarle questo fine settimana, secondo The Daily Telegraph, il quotidiano con una linea più diretta con i deputati conservatori.

Keir Starmer
Keir Starmer – NanoPress.it

Le dimissioni di Johnson agitano le acque politiche in tutto il Regno Unito e influiscono su ogni strategia in sospeso. Il chief minister scozzese, il nazionalista Nicola Sturgeon, ha chiarito la sua opinione sull’idea che rimanga come primo ministro ad interim: “C’è un generale senso di sollievo dopo il caos di questi giorni, ma l’idea di Boris Johnson rimanere primo ministro fino all’autunno non sembra lo scenario ideale e, sarebbe sostenibile?”, ha scritto Sturgeon sul suo account Twitter.

La rivolta nel cuore dell’esecutivo britannico ha posto fine a settimane di crisi politica attorno al governo Johnson. Il caso Pincher è scoppiato nelle mani del leader Tory un mese dopo che questi aveva approvato una mozione di censura sul cosiddetto partygate, lo scandalo dei partiti tenutosi a Downing Street durante la pandemia e contro le regole stabilite per prevenire il contagio. Johnson ha superato l’ordigno lanciato dai colleghi di partito, ma è stato commosso, con oltre il 41% dei suoi deputati contrari.

Johnson ha assunto la guida del governo britannico nel luglio 2019 come il nuovissimo leader del Partito conservatore e dopo le dimissioni dell’allora Primo Ministro, anche una conservatrice Theresa May, si è additata tra le sue per non aver attuato la Brexit per la quale avevano votato cittadini nell’estate del 2016. Cinque mesi dopo aver occupato Downing Street, Johnson, che aveva forgiato una brillante carriera come sindaco di Londra, ha spazzato via le elezioni e ha affondato l’opposizione, i laburisti, anche in alcuni dei suoi feudi. Questa comoda vittoria è stata uno dei pilastri che ha permesso a Johnson di sopravvivere di fronte alla marea di scandali che hanno punteggiato il suo mandato. Fino ad ora.