Bonus centri estivi: come funziona e a chi è rivolto

Bonus centri estivi 2022: quali sono i requisiti per ottenere il contributo e come inoltrare la domanda all’INPS. 

Campo estivo
Campo estivo – Nanopress.it

Fino al 20 giugno 2022, alle ore 12, sarà possibile richiedere il bonus centri estivi. La domanda va inoltrata all’INPS che provvederà all’erogazione del contributo, qualora si è possesso dei requisiti per ottenerlo. Scopriamo come funziona e come inoltrare la richiesta.

Bonus centri estivi 2022: in cosa consiste

Il bonus centri estivi prevede l’erogazione di un contributo, da parte dell’INPS, alle famiglie che hanno i requisiti per richiederlo. Può essere a copertura totale o parziale, a seconda del reddito familiare e può variare da regione a regione.

Il centro estivo è una buona soluzione per i genitori, entrambi lavoratori, che non sanno a chi lasciare i propri figli dopo la chiusura delle scuole e prima che possano andare loro in ferie. Un’opzione, però, che risulta molto dispendiosa, visto che i prezzi non sono proprio accessibili a tutti i portafogli.

Il bonus non è rivolto a tutti, ma solamente alle seguenti categorie e per le famiglie che hanno figli e/o orfani tra i 3 e i 14 anni:

  • dipendenti e pensionati della Pubblica Amministrazione iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali;
  • pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici.

Chi non fa parte delle categorie menzionate, non può farne richiesta. Questi, infatti, sono i requisiti base per poter accedere all’agevolazione.

Bambini che disegnano
Bambini che disegnano – Nanopress.it

Un contributo in base all’ISEE

Il bonus sarà erogato in base all’ISEE familiare. Ecco come sarà calcolato in base al reddito del nucleo:

  • fino a € 8mila – 100% del contributo, ossia 100 euro a settimana (massimo 400 euro al mese);
  • da € 8.000,01 ad € 24.000,00 – 95% della quota, ossia 100 euro settimanali (massimo 400 euro al mese);
  • da € 24.000,01 ad € 32.000,00 – 90% della quota, ossia 100,00 settimanali (massimo 400 euro al mese);
  • superiore ad € 56.000,00 euro (o se la DSU non è rilevabile dal momento in cui si effettua la propria partecipazione) – 80% della quota nei limiti del contributo massimo erogabile pari ad € 100,00 settimanali (massimo 400 euro al mese).

Qualora in famiglia siano presenti bambini o adolescenti portatori di disabilità, il contributo sarà incrementato del 50%. Il bonus sarà erogato entro il 31 dicembre 2022. La domanda, invece, ha una scadenza fissata per il 20 giugno 2022, alle ore 12. Visto che tale bonus è circoscritto solo a specifiche categorie di lavoratori, alcune regioni stanno organizzando dei piani per supportare, in tal senso, le famiglie e i genitori per il periodo estivo.