Bollettino Covid, 26 gennaio: 10.593 nuovi casi e 541 morti

In calo il tasso di positività che si attesta oggi al 4,1%: ieri era al 5,9%

covid-19

Foto Getty Images | Michael Ciaglo

Secondo il bollettino del Ministero della Salute di oggi, 26 gennaio, sono stati 10.593 i nuovi casi di coronavirus registrati su 257mila tamponi effettuati, mentre le vittime sono 541. Ieri i nuovi casi erano stati 8.561 e 420 le vittime. In discesa il tasso di positività che si attesta al 4,1 dal 5,9% di ieri.

Le terapie intensive

Dopo due giorni in crescita, tornano a calare i ricoveri in terapia intensiva: oggi, 26 gennaio, sono 49 in meno nel saldo tra entrate e uscite rispetto a ieri. Gli ingressi giornalieri sono 162, mentre il totale delle persone in rianimazione sono 2.372. Nei reparti ordinari sono ricoverati 21.355 pazienti, anche in questo caso in calo di 69 unità rispetto a ieri.

Sale il bilancio dei medici morti per Covid

Salgono a 302 i medici morti in Italia durante la pandemia di Covid-19. L’ultima vittima ricordata è Giuseppe Lauriola, odontoiatra, presente nell’elenco dei caduti della Fnomceo, la Federazione nazionale Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri.

La situazione Regione per Regione

A livello territoriale, le Regioni con il maggior numero di contagi oggi, 26 gennaio, sono la Lombardia (1.230), il Lazio (1.039), la Puglia (995), l’Emilia-Romagna (993) e la Campania (976). In fondo alla classifica si colloca la Valle d’Aosta con solo 2 casi.

Veneto nella zona ad alto rischio

Intanto, Veneto, Friuli Venezia-Giulia, Emilia Romagna e la provincia autonoma di Bolzano, dopo aver registrato 500 contagi ogni 100mila abitanti, rischiano di passare nella zona rossa dell’Unione Europea, che comporta l’obbligo di test e quarantena per viaggiare in Europa, come ha spiegato il commissario europeo alla Giustizia Didier Reynders. Se i dati venissero confermati, le Regioni entrerebbero nella nuova zona ad alto rischio individuata dall’Unione Europea.

Parole di Linda Pedraglio

Mi chiamo Linda Pedraglio. Sono nata e cresciuta in un piccolo paese vicino al lago di Como, ma, fra studio e lavoro, ho avuto modo di vivere città diverse: l’Erasmus a Helsinki, gli anni dell’università a Milano, il corso di giornalismo a Firenze. Sogno una piccola casa sul lago, piena di libri, che sono il mio affaccio sul mondo, e un orto di pomodori e peperoncini. Attualmente, collaboro con Alanews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection, dove mi occupo di donne, salute e benessere, con qualche incursione nel percorso di emancipazione femminile.

Da non perdere