Bob Rafelson, il mondo del cinema dice addio al regista di “Il postino suona sempre due volte”

Triste lutto per il mondo di Hollywood, che oggi saluta un grande regista Bob Rafelson, Premio Oscar e grande cineasta che ha regalato al cinema grandi capolavori. 

Bob Rafelson a Taormina
Bob Rafelson a Taormina – Nanopress.it

A 89 anni si è spento Bob Rafelson, regista e produttore della Hollywood degli anni ’70, uno dei maggiori esponenti del movimento New Hollywood.

Il mondo del cinema lo saluta ricordando i suoi grandissimi successi, da “Il postino suona sempre due volte” a “Cinque pezzi facili”, che gli valse un Premio Oscar. Ripercorriamo insieme la sua brillante carriera.

Addio a Bob Rafelson, regista che ha segnato un’epoca importante di Hollywood

Bob Rafelson è morto sabato nella sua casa di Aspen, in Colorado, all’età di 89 anni, circondato dai suoi familiari. Purtroppo, come ha comunicato sua moglie Gabrielle Taurek Rafelson, l’uomo aveva un cancro ai polmoni che è degenerato nelle ultime settimane.

Bob Rafelson
Bob Rafelson – Nanopress.it

Regista e produttore molto stimato a Hollywood, è stato una figura centrale del movimento New Hollywood, che ha dato il via al cinema americano, dopo gli sconvolgimenti della controcultura degli anni ’60.

Si può dire che Rafelson è stato un vero e proprio innovatore per la sua epoca: infatti, ha saputo navigare abilmente la cultura pop e i paesaggi mediatici in rapido mutamento degli anni ’60, creando un nuovo modo di fare cinema.

Dopo il caos di quegli anni, guardando al cinema che aveva preso piede all’epoca in Francia, in Giappone e in molti altri luoghi del mondo, Bob Rafelson ha visto un’opportunità anche per gli Stati Uniti, dove il vecchio sistema di studio cinematografico era allo sbando.

Un vero e proprio anticonformista, la cui carriera iniziò in televisione nei primi anni ’60: Rafelson fece scalpore per la prima volta come co-creatore dello spettacolo The Monkees, basando la premessa sulle sue stesse disavventure come musicista errante in Messico.

Inoltre, Bob Rafelson ha collaborato con Bert Schneider, morto nel 2011, per formare la società di produzione Raybert, diventata poi BBS Productions. Rafelson verrà ricordato come il volto dietro le quinte nella realizzazione di film come “Easy Rider” nel 1969, un vero e proprio cult di Hollywood, e “L’ultimo spettacolo” nel 1971.

I suoi grandi successi

Una volta diventato una figura di spicco della New Hollywood, affermando nel mondo cinematografico la sua visione fuori dagli schemi, Bob Rafelson ha lavorato a numerosi successi, ancora oggi alcuni restano film cult.

Molto importante il suo sodalizio con l’amico Jack Nicholson, il quale è stato protagonisti di numerosi successi di Rafelson, come “Cinque pezzi facili” (per cui vinse il Premio Oscar) “Il re dei giardini di Marvin”, “Il postino suona sempre due volte” e “La gatta e la volpe”.

Una figura che mancherà molto a Hollywood ma che sarà, di sicuro, ricordata anche dalle generazioni di cineasti future.