Bielorussia: “Pena di morte a chi tenta atti di terrorismo”

Introdotta pena di morte per chi pianifica atti terroristici in Bielorussia.

Bandiera bielorussa
Bandiera bielorussa – Nanopress.it

La Bielorussia è l’unico paese dell’Europa in cui la pena di morte è applicata dalla legge.

Pena capitale per i terroristi

Aleksandr Lukashenko, presidente bielorusso, ha firmato in questi giorni delle nuove aggiunte al codice penale bielorusso che prevedono la pena capitale per coloro i quali avranno intenzione di pianificare un evento terroristico.

Fino ad ora la pena di morte per gli atti terroristici veniva applicata a chi effettivamente commetteva un attentato, ora invece sarà applicata anche solo se si verrà scoperti nel pianificare un evento sovversivo.

Verrà condannato chi verrà trovato intento a pianificare un attentato terroristico internazionale, in particolare nei confronti di organizzazioni internazionali e nei confronti di rappresentanti di uno Stato estero.

Rientrano nel nuovo disegno di legge anche gli atti di terrorismo associati al reato di omicidio, nonché all’uccisione di funzionari di Stato o personaggi pubblici, commessa in connessione con attività politiche o pubbliche; o gli eventi commessi da gruppi organizzati, con l’uso di dispositivi ad energia nucleare, sostanze radioattive, chimiche e tossiche.

Legge
Fogli – Nanopress.it

L’entrata in vigore del nuovo disegno di legge

La nuova legge entrerà in vigore il 29 maggio 2022, dieci giorni dopo la pubblicazione ufficiale in gazzetta.

Il disegno di legge è stato approvato da entrambe le camere del Parlamento bielorusso.
Questo nuovo disegno è stato creato per dimostrare l’assoluta battaglia dello Stato bielorusso contro attività terroristiche di ogni tipo e si spera abbia un effetto inibitorio nei confronti di questi elementi devastanti.

Questo è quello che prevede esattamente la modifica al codice penale:
“come misura eccezionale di punizione, è consentito l’uso della pena di morte per i reati previsti dall’articolo 124, parte 2 (‘un atto di terrorismo contro un rappresentante di uno Stato straniero o un’organizzazione internazionale’), nella parte 3 dell’articolo 126 (‘un atto di terrorismo internazionale’), nella parte 3 dell’articolo 289 (‘un atto di terrorismo’) e nella parte 2 dell’articolo 359 (‘un atto di terrorismo contro uno Stato o personaggio pubblico’) del presente Codice, o per altri reati particolarmente gravi connessi alla privazione intenzionale della vita di una persona in circostanze aggravanti”

La Bielorussia entrerà in guerra?

Si suppone che questa nuova misura del governo bielorusso sia stata pianificata per fare in modo che la Bielorussia entri in guerra al fianco della Russia di Putin. Dopotutto Lukashenko risulta essere un forte alleato del presidente russo.

Secondo molti questo nuovo disegno di legge è una mossa delle istituzioni per cercare di intimorire la maggior parte dei cittadini bielorussi che si oppongono al conflitto tra Russia e Ucraina.

All’inizio del conflitto infatti il governo bielorusso non si oppose al passaggio dei carro armati russi verso l’Ucraina, nonostante le forze militari bielorusse abbiano compiuto solo atti dimostrativi al confine tra Bielorussia e Ucraina.