Biden in Arabia Saudita difende l’influenza degli USA

Il presidente degli USA, Joe Biden, stabilisce i principi che regoleranno la sua politica nella regione, dominata da questioni di sicurezza e integrazione con Israele.

Joe Biden
Joe Biden – Nanopress.it

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha affermato questo sabato durante un vertice dei paesi del Golfo Persico, Egitto, Giordania e Iraq tenutosi a Gedda, e ha inquadrato nel suo primo e controverso viaggio in Medio Oriente, che il suo paese “non lasciare e lascerà un vuoto” nella regione, e ha delineato le linee principali della politica che la sua Amministrazione seguirà sul territorio.

Biden ha detto che Washington continuerà ad essere “un partner attivo e impegnato” nella regione

Il presidente degli Stati Uniti ha sottolineato che con questo vuole chiarire che Washington continuerà ad essere “un partner attivo e impegnato” nella regione, e che non ha intenzione di rinunciare allo spazio che occupa ora a Cina, Russia e Iran. Sotto l’occhio vigile dei leader di nove stati dell’area, Biden ha spiegato che il suo nuovo quadro d’azione si basa su cinque principi principali, che ruotano principalmente attorno a questioni di sicurezza e integrazione.

Il presidente ha quindi promesso di rafforzare i suoi legami con i paesi presenti e di garantire che possano difendersi dalle minacce esterne, oltre a non permettere alle potenze regionali di mettere in pericolo la libertà di navigazione nelle loro acque, in una doppia velata allusione all’Iran, il grande rivale di alcuni dei partecipanti.

Biden ha anche affermato che gli Stati Uniti lavoreranno per ridurre le tensioni e allentare i conflitti nell’area, anche attraverso il loro impegno a impedire a Teheran di acquisire un’arma nucleare, che sosterranno i legami politici ed economici con i suoi partner per una maggiore integrazione regionale, e che promuoverà i diritti umani. “Gli Stati Uniti si impegnano a costruire un futuro positivo nella regione in collaborazione con tutti voi. L’America da sola non sta andando da nessuna parte”, ha detto.

Il viaggio di Biden in Arabia Saudita ha suscitato forti critiche perché durante la campagna del 2020 che lo ha portato alla Casa Bianca, ha promesso di trasformare il regno del deserto in un paria internazionale per la responsabilità che i servizi di intelligence statunitensi hanno attribuito al leader de facto del Paese. , Mohamed bin Salmán, nell’omicidio del critico giornalista saudita Jamal Khashoggi al consolato di Istanbul nel 2018.

Venerdì sera, poco dopo lo sbarco a Gedda e dopo l’incontro con le autorità saudite, Biden ha assicurato di aver affrontato il caso di Khashoggi con Bin Salmán, che è stato “franco e diretto nel discuterne” e che ha espresso la sua opinione sugli eventi “molto chiara”.La rete di notizie saudita Al Arabiya, citando una fonte non identificata, ha riferito questo sabato che il principe Bin Salman ha risposto a Biden di aver adottato misure per prevenire un altro crimine simile.

Ma ha colto l’occasione per rimproverarlo per il fatto che anche gli Stati Uniti hanno commesso errori, come l’invasione dell’Iraq, e gli ha ricordato la sua posizione tiepida con la morte del giornalista veterano di Al Jazeera Shireen Abu Akleh, ucciso a maggio da Il fuoco israeliano durante la copertura di un’incursione dell’esercito israeliano nella città di Jenin (Cisgiordania).

Consapevole della delicatezza della questione, Biden ha cercato di sdrammatizzare il suo incontro con le autorità saudite nelle settimane precedenti il ​​suo viaggio, insistendo sul fatto che lo scopo principale della visita era proprio quello di partecipare al vertice dei Paesi del Golfo con l’Egitto, la Giordania e l’Iraq per incontrare i loro leader di persona e discutere di interessi comuni. Tuttavia, il freddo saluto iniziale tra Biden e Bin Salmán a Gedda ha presto lasciato il posto a un’atmosfera più rilassata ed entrambi sono stati fotografati insieme e sorridenti in momenti diversi durante la visita.

Prima di recarsi in Arabia Saudita, il Presidente USA visitato Israele e brevemente i territori palestinesi

Prima di recarsi in Arabia Saudita, Biden ha anche visitato Israele e brevemente i territori palestinesi occupati per incontrare i rispettivi leader. Infatti, nonostante abbia cercato di sminuire la parte bilaterale della sua visita, Biden ha fatto i più grandi annunci del viaggio dopo l’incontro con le autorità saudite venerdì, e il leader degli Stati Uniti ne ha nuovamente evidenziati alcuni sabato al vertice con nove paesi della regione.

Joe Biden e Yair Lapid
Joe Biden e Yair Lapid – Nanopress.it

Il più atteso di questi è stato l’annuncio del ritiro, a fine anno, delle forze di pace schierate nell’isola strategica di Tiran, alla foce del Golfo di Aqaba, nel Mar Rosso, ai sensi del Trattato di pace del 1979 tra Egitto e Israele. Nel 2018 la Corte Suprema egiziana ha approvato, nonostante la forte opposizione pubblica, un accordo per trasferire la sovranità sulle isole di Tiran e Sanafir all’Arabia Saudita.

Ma poiché il suo status era regolato dal trattato di pace, il completamento del trasferimento richiedeva l’approvazione di Israele. L’annuncio di venerdì rappresenta quindi un nuovo segno di sintonia tra le autorità israeliane e saudite, nonostante non mantengano ancora le relazioni diplomatiche.

Venerdì mattina l’Arabia Saudita ha anche annunciato la decisione di aprire il proprio spazio aereo agli aerei in partenza e in partenza da Israele, che fino ad ora dovevano fare il giro del Paese, in un altro segno della crescente integrazione regionale dello Stato ebraico, che ha già normalizzato le relazioni con Emirati Arabi Uniti, Marocco, Bahrain, Egitto e Giordania. Le delegazioni statunitense e saudita hanno anche esaminato i progressi nella creazione di un’architettura regionale di difesa aerea più integrata e che dovrebbe includere Israele.

Un’altra delle questioni chiave del viaggio di Biden in Arabia Saudita è stata l’energia. Qui il leader americano ha affermato venerdì sera che sta facendo tutto il possibile per aumentare l’offerta di petrolio, il cui prezzo è salito alle stelle dall’invasione russa dell’Ucraina, ed era ottimista con un annuncio in questa direzione “nelle prossime settimane”. un’allusione che punta all’incontro che l’OPEC+ terrà il 3 agosto.

A questo proposito, il principe Bin Salman ha assicurato questo sabato che l’adozione di politiche ambiziose sulla riduzione delle emissioni porterà a un’inflazione senza precedenti e ad un aumento dei prezzi dell’energia nei prossimi anni. Il leader americano ha anche cercato di frenare l’influenza di Iran, Russia e Cina in Medio Oriente con la sua visita nel regno del deserto.

E come parte di questo obiettivo, ha annunciato che collaborerà con l’Arabia Saudita per sviluppare reti 5G e 6G per competere con la cinese Huawei e che lavorerà per estendere il cessate il fuoco in vigore in Yemen da aprile e per promuovere un accordo di pace .nel paese.

Biden ha anche tenuto incontri bilaterali sabato con i leader di Iraq, Qatar, Giordania, Bahrain, Egitto ed Emirati Arabi Uniti, che sono stati contrassegnati, secondo le dichiarazioni della Casa Bianca, da questioni di sicurezza, economiche e legate a una maggiore integrazione regionale. Israele—, a spese di altre questioni come il rispetto dei diritti umani e il futuro della Palestina.